Panda giganti della Cina, una specie non più a rischio di estinzione

I panda giganti sono stati dichiarati non più a rischio di estinzione nel 2021 grazie agli sforzi per la loro conservazione. Scoprite qui le chiavi del successo di questo processo.
Panda giganti della Cina, una specie non più a rischio di estinzione

Ultimo aggiornamento: 26 settembre, 2021

I panda giganti sono il simbolo della conservazione delle specie in Cina e sono finalmente fuori dal rischio di estinzione. Gli sforzi degli organismi responsabili per quasi 50 anni sono stati ripagati ed è tempo di celebrare un piccolo successo per l’ecologia della conservazione.

Nonostante l’Unione Mondiale per la Conservazione della Natura (IUCN) avesse già spostato il panda gigante nella categoria delle specie “vulnerabili (VU)” nel 2016, la Cina non lo ha accettato per non far rallentare la corsa al suo recupero. Ora, finalmente, il paese ha dichiarato in modo indipendente che questo animale è finalmente uscito dal pericolo. Scoprite in questo articolo i dettagli di questo evento.

Caratteristiche del panda gigante

Il panda gigante (Ailuropoda melanoleuca) è un urside endemico delle foreste di bambù della Cina, dove si nutre principalmente di questa pianta. I suoi arti anteriori, infatti, sono adatti ad afferrare i rami di bambù: le zampe di questo mammifero hanno un’estensione del radio che va oltre il polso, nota come pollice del panda.

Un panda può dedicare dalle 10 alle 12 ore a nutrirsi, selezionando con cura le foglie di bambù più appetitose.

I panda giganti sono solitari e si cercano tra loro solo per riprodursi. Ogni esemplare delimita il suo terreno con segni di artigli e urina. A differenza di altre specie di ursidi, questo animale non va in letargo, ma scende invece in zone più temperate in inverno.

La riproduzione del panda è stata una delle maggiori sfide per la sua conservazione. Le femmine sono fertili solo per 3 giorni all’anno, e se in questo periodo non trovano un compagno, non avranno cuccioli fino all’anno successivo. Inoltre, sebbene capiti spesso che partoriscano gemelli, la madre non riesce ad allevarli entrambi e finisce per concentrarsi su uno solo.

Un panda gigante.

Come è aumentata la popolazione dei panda in Cina?

Le principali minacce che hanno tenuto i panda giganti in pericolo di estinzione sono la deforestazione e il bracconaggio. Per questo motivo le autorità cinesi dell’epoca hanno investito sull’allevamento in cattività e sulla conservazione e rigenerazione dell’habitat di questo urside.

Si parla anche dei benefici della conservazione del panda per altre specie, in quanto ha il cosiddetto effetto ombrello: altri animali, anche in pericolo, beneficiano del recupero delle foreste dei panda. Le tigri siberiane e gli elefanti asiatici ne sono due esempi.

Cui Shuhong, direttore del Dipartimento di protezione ecologica naturale, ha annunciato il riconoscimento dello stato di “vulnerabile (VU)” della specie nel luglio di quest’anno, poiché le popolazioni hanno già superato i 1.800 esemplari.

Mentre gli sforzi per liberare i panda in natura non hanno avuto successo, mantenere integrate le foreste di bambù in cui vivono questi grandi mammiferi si è invece rivelato un piano di successo. Più avanti ne parleremo con maggior dettaglio.

Il bambù nella conservazione del panda gigante

Prima del loro declino, i panda abitavano tutta la Cina sudorientale, ma la massiccia espansione della popolazione umana, il bracconaggio e il disboscamento indiscriminato hanno spazzato via i loro luoghi di rifugio. Per questo gli sforzi delle autorità cinesi si sono concentrati sul recupero delle foreste di bambù.

I panda devono mangiare tra i 12 ei 38 chili di bambù al giorno per soddisfare il proprio fabbisogno energetico.

Dal momento che il bambù costituisce per loro sia riparo che cibo, ripopolare le foreste è stata la migliore opzione a lungo termine per far uscire i panda dall’estinzione. Gli sforzi si sono concentrati sulla creazione di riserve e sull’espansione di quelle esistenti.

Tuttavia, questo successo potrebbe essere di breve durata, poiché il riscaldamento globale influisce sulla crescita del bambù, rallentandola o arrestandone lo sviluppo. Se non è possibile mantenere questo habitat integrato, i panda non potranno continuare a riprendersi come prima.

Allevamento dei panda giganti in cattività

Mantenere gli animali in cattività è un modo per creare una riserva di esemplari per garantire la diversità genetica nei programmi di allevamento. Per questo motivo, molti zoo e strutture cinesi hanno optato per l’allevamento di panda giganti al di fuori del loro habitat.

L’obiettivo finale della maggior parte dei programmi di riproduzione in cattività era quello di riportare i panda in natura. Tuttavia, i tentativi fatti non non hanno avuto successo, poiché gli ursidi non erano in grado di cavarsela da soli in libertà.

Nel 2007, il primo panda gigante nato in cattività ad essere rilasciato in natura è morto dopo essere stato picchiato da esemplari selvatici della sua stessa specie.

Gli sforzi di riproduzione in cattività hanno dato i loro frutti, poiché in questa maniera è più facile controllarne la riproduzione. Tuttavia, secondo alcuni gruppi animalisti, tenere i panda rinchiusi fino alla loro morte non è etico, soprattutto se non sono in grado di sopravvivere da soli dopo il loro rilascio.

Un panda comune in via di estinzione.

Il fatto che i panda giganti non siano più in via di estinzione è uno dei successi umani più encomiabili quando si tratta di conservazione delle specie. Tuttavia, c’è ancora molto su cui lavorare, poiché gli ecosistemi recuperati continuano a presentare alcuni squilibri (come la mancanza di predatori). Incrociamo le dita affinché questi meravigliosi ursidi continuino ad avanzare verso il pieno recupero.