Parvovirus felino: cause, sintomi e trattamento

Il parvovirus felino è un agente virale estremamente letale. Causa una condizione che non ha un trattamento specifico, quindi il tasso di mortalità è molto alto.
Parvovirus felino: cause, sintomi e trattamento

Ultimo aggiornamento: 11 dicembre, 2021

Il parvovirus è un agente virale che causa una condizione nota come panleucopenia felina. Questo microrganismo causa malattie in diverse specie di carnivori e riporta una mortalità estremamente elevata, compresa tra il 20 e il 100%. È importante rilevare il parvovirus felino non appena si stabilisce in una comunità di gatti, poiché è l’unico modo per salvare la vita degli animali non infetti.

Il controllo delle infezioni da parvovirus non è utile solo per salvare gli animali domestici, poiché è noto che l’agente eziologico è in grado di colpire tutti i membri della famiglia dei felidi. Questo include linci rosse, leoni, servi, tigri e una lunga lista di animali selvatici. Prevenire la diffusione di questo virus è fondamentale per preservare gli ecosistemi e i mammiferi che lo abitano.

Cos’è il parvovirus felino?

Prima di tutto, è necessario conoscere l’agente causale. Il virus a cui ci riferiamo è il carnivoro protoparvovirus 1 (CPPV-1), una specie patogena che infetta sia i felini che i canini. La condizione è divisa in 2 genogruppi principali: CPV-1, che contiene il virus della panleucopenia felina o parvovirus (FPLV), e CPV-2, che si riferisce al parvovirus canino.

Con l’intenzione di non complicare le cose, faremo sempre riferimento a FPLV come sinonimo di parvovirus felino. Tuttavia, è anche noto come virus dell’enterite felina infettiva o enterite parvovirale secca. Comunque sia, il quadro clinico derivato dall’infezione nei gatti è la panleucopenia felina.

Come indicano fonti professionali, il parvovirus felino entra e distrugge le cellule in attiva divisione. Ciò include i corpi cellulari del midollo osseo, del tessuto linfoide, dell’epitelio intestinale e, negli animali giovani, del cervelletto e della retina. Nelle gatte gravide, l’agente può attraversare la placenta e causare malformazioni, mummificazione e aborti fetali.

Il virus colpisce vari tessuti biologicamente attivi dell’animale. È molto letale.

L'influenza felina richiede vari trattamenti.

Cause di infezione

La causa dell’infezione, come potete immaginare, è entrare in contatto con il virus. Questo agente patogeno è presente nelle feci dei felini infetti e gli esemplari sani si diffondono annusando o entrando in contatto oronasale (bocca o naso) con loro. Altre secrezioni corporee e rifiuti organici possono contenere l’agente virale ancora attivo.

I parvovirus sono microrganismi estremamente resistenti. In determinati ambienti, possono sopravvivere per 1 anno o più e mantenere la loro capacità infettiva. Inoltre, vengono rimossi solo con disinfettanti molto specifici, come la candeggina al 2%. A causa della sua prevalenza e capacità di sopravvivere nell’ambiente, si stima che quasi tutti i gatti randagi siano esposti al virus prima di aver compiuto 1 anno.

Sintomi causati dal parvovirus

Come abbiamo detto nelle righe precedenti, il quadro clinico derivato dal parvovirus felino è la panleucopenia felina. Una volta infettati, i gatti iniziano a manifestare i sintomi in un intervallo da 3 a 5 giorni, con un massimo di 7. Il virus si moltiplica principalmente nel tessuto digestivo e nel midollo osseo, il che si traduce in sintomi specifici.

Questi sono alcuni dei segni clinici più comuni durante la panleucopenia felina:

  • Vomito e diarrea, a volte sanguinolenta. Le feci contengono sangue nel 3-15% dei casi.
  • Febbre (sopra 39,5°C).
  • Depressione e apatia.
  • Pelo liscio e macchie calve sul corpo.
  • Disidratazione derivata da vomito e diarrea.
  • Anemia.
  • Perdita di elasticità della pelle.
  • Ipotermia, shock settico e coagulazione intravascolare nei casi più gravi.

Il sistema immunitario dei felini colpiti è notevolmente indebolito durante la malattia. Per questo motivo è frequente che sviluppino anche infezioni concomitanti secondarie. Ciò fa sì che i sintomi si diffondano in altre aree e presentino più segni.

I gattini con un cervelletto affetto mostreranno atassia (mancanza di coordinazione nei movimenti) e tremori.

Diagnosi di parvovirus felino

Il professionista veterinario inizierà a sospettare l’infezione da parvovirus quando il tutore gli mostrerà i segni clinici subiti dal suo animale domestico. Come indica il nome della condizione derivata (panleucopenia), la condizione viene confermata rilevando una leucopenia (diminuzione dei globuli bianchi) durante l’esecuzione di un esame del sangue.

D’altra parte, l’analisi delle feci a livello di laboratorio consentirà di rilevare la presenza del virus nella materia fecale. La diagnosi differenziale dovrebbe essere responsabile dell’esclusione di altre patologie con sintomi simili, come la salmonellosi, la leucemia felina (FeLV) o la depressione cronica.

Più basso è il numero di globuli bianchi, peggiore è la prognosi complessiva dell’animale.

Trattamento

Per contenere il virus, tutti i gatti colpiti devono rimanere in clinica e in stretto isolamento. Non esiste un trattamento specifico per uccidere il parvovirus e il sistema immunitario dell’animale sarà incaricato di affrontarlo. Tuttavia, è necessario un approccio aggressivo che utilizzi i seguenti elementi:

  1. Antiemetici per prevenire il vomito e la disidratazione.
  2. Antibiotici per via endovenosa (IV). Sebbene questi farmaci non funzionino contro i virus, prevengono il verificarsi di infezioni secondarie dovute all’immunosoppressione.
  3. Fluidi endovenosi con elettroliti. Ancora una volta, questo approccio cerca di evitare la disidratazione e lo squilibrio omeostatico derivanti dal vomito e dalla defecazione costanti.
  4. Iniezioni di vitamina B per sostenere il sistema immunitario.
  5. Nei casi peggiori, trasfusioni complete di sangue e plasma.

Tutti questi approcci sono essenziali per salvare la vita del gatto. Se i segni clinici vengono rilevati precocemente e il felino viene ricoverato, la prognosi è relativamente positiva. Inoltre, va notato che esiste un vaccino (triplo felino) che previene questa infezione se somministrato in esemplari giovani. Felocell® 3 è uno dei preparati commerciali più comuni.

Un gatto malato allo stomaco.

Previsione e note finali

La mortalità causata dal parvovirus felino varia dal 25% al 90% nei gatti domestici. Tuttavia, con un’adeguata terapia di supporto entro 24 ore dall’insorgenza dei sintomi, la sopravvivenza aumenta al 50% (o più). È di vitale importanza agire in tempo e ogni secondo conta per evitare la morte del gatto.

Fortunatamente, il vaccino per la panleucopenia e altre condizioni nei gatti è disponibile praticamente in ogni regione del mondo. Si consiglia di applicarlo al gatto tra le 8 e le 16 settimane di età, anche se è richiesta una dose minima di richiamo un anno dopo. Se proteggete il vostro animale seguendo la tabella delle vaccinazioni, il parvovirus felino non sarà mai un problema.

Potrebbe interessarti ...
Virus dell’immunodeficienza felina, l’AIDS dei gatti
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Virus dell’immunodeficienza felina, l’AIDS dei gatti

Il virus dell'immunodeficienza felina, conosciuto anche come AIDS nei gatti, si presenta come un indebolimento grave del sistema immunitario. La pr...