Perché bisogna portare il cane a passeggio tutti i giorni?

28 dicembre, 2016

Sappiamo bene quanto sia importante portare fuori il cane ogni giorno. La passeggiata, tuttavia, è un’attività che richiede regolarità e anche una certa disciplina.

Perché bisogna portare fuori il cane regolarmente?

  • È la sua fonte principale di esercizio fisico. Per quanto si disponga di spazio in casa, in cortile o in giardino, portare a passeggio il cane deve essere la sua fonte principale di esercizio; non esistono altre attività che possano sostituirlo. Occorre tenere conto che un cane ha bisogno di passeggiare ogni giorno per mezz’ora – un’ora. È indispensabile perché lo aiuta a bruciare l’energia accumulata e a ricevere tutti i benefici dell’attività fisica. Anche il padrone, così facendo, si mantiene attivo, dinamico e in salute.
  • Migliora il rapporto cane-proprietario. Il modo più semplice per rafforzare l’unione con il vostro amico a quattro zampe è portarlo a passeggio tutti i giorni. Se lo fate nel modo giusto, consoliderete la vostra leadership; inoltre, per quanto sembri strano, aiuterete il cane ad acquistare più fiducia in voi. In definitiva il cane è  più obbediente perché vi rispetta di più.
  • Passeggiare è un divertimento necessario per il cane. La passeggiata quotidiana è un buon modo per stimolare l’animale mentalmente e fisicamente. Un cane annoiato tende ad assumere comportamenti distruttivi, ad essere ansioso, ad abbaiare molto e in alcuni casi, ad essere aggressivo. L’alternativa al rimproverarlo continuamente è portarlo a fare una bella passeggiata.
  • Rafforza la disciplina e affina l’addestramento. L’abitudine alla passeggiata quotidiana dà maggiore stabilità alla disciplina del cane e alla vostra leadership. Se svolta correttamente, si tratta di un’occasione molto importante per ripassare l’addestramento; passeggiare comporta l’esecuzione di diversi comandi: camminare vicini al padrone, adattare l’andatura alla sua velocità, fermarsi e sedersi prima di attraversare la strada, etc. In questo senso, bisogna saper alternare momenti di disciplina a fasi di ozio.
  • Aiuta il vostro amico a socializzare con altri cani. Se l’amico a quattro zampe ha difficoltà a relazionarsi, camminare accanto ad altri cani è un ottimo modo per aiutarlo. Una buona idea può essere organizzare un piccolo gruppo per passeggiare, coinvolgendo vicini di casa o amici che abbiano un cane.
  • Lo aiuta a mantenere il peso forma. Quando l’animale è in sovrappeso, è più soggetto ad ammalarsi. Camminare lo terrà in forma. Oltre a fargli mantenere il peso ideale, lo aiuterete a digerire meglio e a evitare problemi di stitichezza.
  • Facilita il sonno. Stancarsi permette al cane di mangiare e dormire meglio. 

Quanto deve durare una passeggiata con il cane?

Non esiste un tempo prestabilito, tuttavia la soluzione migliore è uscire almeno tre volte al giorno, dividendo la durata in modo equilibrato. In questo modo, il cane ha la possibilità di fare i suoi bisogni in modo regolare. Non ha senso, ad esempio, fare una lunga passeggiata la mattina e poi non uscire più per il resto della giornata.

La lunghezza della passeggiata varia anche in base al carattere del cane. Se l’animale è molto dinamico e ama uscire all’aperto, dovremo dedicargli più tempo, in modo che possa bruciare energia. Quando, al contrario, il cane è tranquillo o in là con gli anni, probabilmente non saranno gradite le camminate interminabili.

Cosa fare durante la passeggiata?

È importante che le passeggiate siano regolari e anche che divertano il nostro amico. Tra le cose che i cani amano fare durante la passeggiata ricordiamo:

  • Odorare e annusare. Come sappiamo, l’olfatto è il senso più sviluppato che il cane possieda e ha bisogno di essere esercitato spesso. Quale momento migliore della passeggiata?
  • Entrare in contatto con membri della stessa specie. Socializzare con altri cani apporta tantissimi benefici.
  • Giocare: attività che fa bene all’animale e al padrone.
  • Cambiare ambiente. Come alle persone, anche ai nostri amici pelosi piace conoscere posti nuovi; quindi, via libera a giardini non ancora visti e alle passeggiate nella natura.

Dove si va?

Questo dipende dalla zona in cui vivete, montagna, grande città, paesino vicino al mare. In ogni caso, è sempre meglio disporre di una certa scelta di destinazioni. Il livello di stimolazione offerto dalla novità sarà certo maggiore rispetto ai percorsi invariati o ai soliti posti.