Tutto quello che c’è da sapere sulle spugne marine

8 Marzo 2019
All'epoca catalogate per errore come piante, questi organismi possono vivere sia vicino alla superficie che a 4.500 metri di profondità

Le spugne marine furono considerate piante acquatiche fino al XIX secolo. Nel 1825 gli zoologi scoprirono che erano animali e iniziarono a studiare le loro caratteristiche.

Tra le altre cose, è noto che si tratta di creature con caratteristiche primitive, con più di 600 milioni di anni.

Questi organismi preistorici non smettono di sorprendere gli scienziati. In alcuni casi, la categoria di “animale” è sostituita da “colonia cellulare”.

Le spugne marine possono vivere sia in acque poco profonde che oltre i 4500 metri.

La spugna marina: animale o colonia cellulare?

Le spugne marine sono gli unici membri della specie phylum Porifera. Ci sono migliaia di varietà di spugne marine e alcune vivono addirittura in acqua dolce.

Grazie alle loro caratteristiche, riescono ad adattarsi bene in acqua, sia alle basse che alle alte temperature. Infatti, si ritiene che la loro distribuzione sia una delle più diffuse al mondo.

Tra le molteplici forme adottate dalle spugne marine, troviamo: tubolari, arrotondate, quelle che sembrano nebulose e quelle che si appiattiscono sul fondo del mare.

Nelle barriere coralline ci sono spugne dai colori accesi, che rendono il paesaggio subacqueo una vera meraviglia.

Le abitudini alimentari delle spugne marine sono molto semplici: si limitano a mangiare le microparticelle presenti nell’acqua. Per quanto riguarda il modo di alimentarsi, questa semplicità nasconde una complessa procedura cellulare.

Non avendo organi, questi esseri trattengono il cibo all’interno delle proprie cellule, alimentandole ad una ad una.

Spugna marina arancione su fondale

Essendo corpi senza organi, senza sistema nervoso, senza sistema digestivo o bocca, le spugne marine sono cellule che agiscono in modo coordinato.

La particolarità di questa funzione cellulare è chiamata ‘totipotenza’, ed è la capacità di ogni cellula di formare parte del tutto e, allo stesso tempo, essere indipendente dal resto dell’organismo.

Riproduzione delle spugne marine

A seconda del tipo di spugna marina, la riproduzione può essere sessuata o asessuata. Sebbene non abbiano organi genitali, ogni esemplare possiede gli ovuli e lo sperma.

In questo modo, se un campione rilascia sperma, sarà ricevuto da un altro attraverso le correnti d’acqua e verrà fecondato.

Altre modalità di riproduzione non richiedono nemmeno l’intervento di fattori esterni come l’acqua. Si tratta dei casi di riproduzione asessuata: questa implica che gli ovuli siano fecondati dallo sperma dello stesso soggetto.

Diversità delle spugne marine

La struttura delle spugne marine è data dal loro supporto scheletrico. In questo modo, una varietà può apparire morbida mentre un’altra rigida.

La loro struttura ossea è formata da due parti: le spicole e le fibre di spongina. Le prime offrono un’infinità di forme e proprietà, ma possono essere osservate solo con un microscopio.

Sono i rispettivi scheletri che ci permettono di classificare le spugne marine che popolano i mari. Da questa varietà deriva la spugna ‘calcarea’, così chiamata perché il calcio è la componente principale delle spicole. Altre spugne marine sono le demospongiae, dette anche spugne silicee o spugne cornee.

Diversi tipi di spugna di mare

Vita media delle spugne marine

Proprio come si può parlare di spugne risalenti a 600 milioni di anni fa, è possibile affermare che alcuni esemplari di spugne marine possono vivere più di mille milioni di anni. Un caso ha superato il piano puramente scientifico. Si tratta di una Monorhaphis chuni, trovato nel 1986 in Cina, a circa 1200 metri sotto la superficie dell’acqua.

L’età delle spugne può essere calcolata in modo simile a quella degli alberi. Grazie alle singolarità del loro scheletro, è possibile conoscere anche i diversi cambiamenti climatici delle profondità marine.

In questo senso, gli scienziati sfruttano le qualità di questi animali per utilizzarli come bioindicatori della qualità dell’acqua.

Distribuzione delle spugne marine

Uno dei motivi per cui le spugne marine sono riuscite ad espandersi in tutti i mari del mondo è perché hanno pochi predatori.

Inoltre, sono in grado di adattarsi rapidamente a diversi tipi di climi. Sono anche immuni da un fattore devastante per la maggior parte delle specie marine: l’inquinamento.

Al di là della grande adattabilità e della presenza di massa delle spugne marine nel mondo, ci sono alcuni luoghi in cui questi animali vivono in modo più confortevole rispetto ad altri.

Luoghi come il Golfo del Messico, il Mediterraneo orientale, i mari giapponesi e i Caraibi sono i loro habitat preferiti.