L’importanza della stimolazione precoce nei cuccioli

23 dicembre, 2017
 

La stimolazione precoce nei cuccioli permette di incentivare l’apprendimento intellettuale, emotivo, motorio e sociale fin dai loro primi giorni di vita. In questo articolo vi presentiamo alcune semplici tecniche per aiutarvi nell’educazione del vostro migliore amico.

Stimolazione precoce nei cuccioli: cos’è?

La maggior parte delle tecniche sono state sviluppate e perfezionate per l’addestramento dei cuccioli per uso professionale. Principalmente, sono state pensate per i cani di cui si avvalgono le forze armate, i pompieri e la polizia.

La loro applicazione permette di ottimizzare le abilità di apprendimento e risposta positiva rispetto a stimoli differenti. Al raggiungimento dell’età giusta per l’addestramento, i cuccioli sottoposti a queste tecniche risultano effettivamente più predisposti all’apprendimento.

padrone indica con il dito cane seduto

La stimolazione precoce nei cuccioli non vuol dire solamente istruire gli animali verso comandi e trucchi. Questa è molto importante per insegnargli a vivere in società, ad alimentarsi correttamente, a sviluppare la loro sicurezza nonché le loro abilità nell’affrontare gli stimoli esterni.

 

Benefici della stimolazione precoce nei cuccioli

– Migliora la robustezza del sistema cardiovascolare.

– Rafforza le ghiandole surrenali.

– Equilibra il comportamento.

– Aumenta la tolleranza allo stress e al lavoro sotto pressione.

– Rafforza il sistema immunitario.

– Favorisce lo sviluppo fisico ed emotivo.

È sicura la stimolazione precoce nei cuccioli?

Gli esercizi sono indolori e sicuri, visto che sono stati sviluppati da degli specialisti. Eppure, la loro esecuzione richiede estrema attenzione per evitare di esporre l’animale a situazioni di vulnerabilità per la sua salute.

La stimolazione precoce nei cuccioli richiede che l’animale esca per strada e venga esposto a diversi stimoli. Il cucciolo non avrà tuttavia ancora sviluppato tutte le sue difese o non avrà ultimato il ciclo di vaccinazione, e proprio per questo la sua esposizione deve essere strettamente controllata per non recare danni alla sua salute.

Durante le prime quattro settimane di vita, si raccomanda di introdurre il cucciolo ai cani di amici o familiari, una volta appurato che siano stati correttamente vaccinati e deparassitati. È importante impedire il contatto con cuccioli sconosciuti o che non abbiano ultimato un corretto piano sanitario.

Le passeggiate devono essere corte e in ambienti il più possibile controllati. L’ideale è evitare che il cucciolo annusi l’urina o le feci di qualsiasi altro animale.

Un’eccessiva protezione è poco produttiva tanto per l’addestramento quanto per l’educazione precoce. Per questo motivo non si deve portare il cucciolo a passeggio in braccio né trasmettere paura all’animale. Fargli correre dei rischi è fondamentale per lavorare sulla fiducia che ha in sé stesso e sulla sua sicurezza davanti ad una situazione sconosciuta.

 

Semplici esercizi di stimolazione precoce nei cuccioli

I seguenti esercizi di stimolazione precoce nei cuccioli sono stati utilizzati perfino dall’esercito degli Stati Uniti. L’obiettivo era quello di incentivare gli animali fin dai loro primi mesi di vita, senza però metterne in pericolo la salute. Per questo, sono state utilizzate tecniche molto semplici che non comprendevano un’esposizione esterna dell’animale.

Sono tecniche che possono essere messe in pratica direttamente a casa vostra, una volta prese delle misure di sicurezza, per non rischiare di far male al vostro cucciolo. Gli esercizi devono essere fatti una volta al giorno durante le loro prime due settimane di vita.

cucciolo seduto su ginocchia della padrona

1- Stimolazione termica

Prima di cominciare questo esercizio si deve far freddare un asciugamano mettendolo in frigo. L’esercizio consiste nell’appoggiare le 4 zampe del cucciolo sull’asciugamano per cinque secondi. Mentre lo fate, non impedite all’animale di muoversi.

2- Stimolazione tattile

Si comincia sostenendo il cucciolo con una mano. In seguito, utilizzate un bastoncino per stimolare la regione tra le dita di ognuna delle sue quattro zampe. Ogni stimolazione deve durare tra i tre e i cinque secondi.

 

Esercizi per la testa

3- Esercizi a testa in su

Si tratta del primo esercizio posturale e la sua durata non deve essere superiore ai cinque secondi. L’esercizio è molto semplice: basta tenere il cucciolo con entrambe le mani, mantenendolo perpendicolare al suolo.

4- Esercizi a testa in giù

L’esecuzione di questo esercizio è simile a quella dell’esercizio precedente. Consiste nel sostenere il cucciolo con entrambe le mani in modo deciso, tenendo la testa all’ingiù. Anche in questo caso la durata dell’esercizio non deve superare i cinque secondi. Come stiamo vedendo, non è importante che gli esercizi durino tanto, ma che vengano fatti con costanza e disciplina.

5- Posizione supina

Questo è l’ultimo esercizio posturale. Consiste nel sostenere il cucciolo con entrambe le mani, in modo che la spina dorsale riposi sui due palmi. La durata di questo esercizio deve durare dai tre ai cinque secondi.

La stimolazione precoce nei cuccioli permette di prepararli all’addestramento, garantendo una miglior condotta quando diventeranno adulti. Investire nell’educazione del vostro amico a quattro zampe è fondamentale per garantirvi una vita assieme ricca di momenti da condividere.