4 buoni motivi per parlare al vostro cane

· 5 ottobre 2015

A tutti coloro che hanno un cane sarà capitato di tornare a casa, incappare nel proprio cane che è corso fuori a ricevervi e automaticamente cominciare una conversazione con lui.

Non c’è nulla di male. Di fatto, tutto fa pensare che conversare con il proprio animale aiuti a stabilire vincoli più forti con lui. Qui di seguito vi spiegheremo 4 buone ragioni per parlare con il vostro cane.

Parlare agli animali è un comportamento normale e non significa necessariamente cercare di renderli umani, per cui lasciate da parte l’imbarazzo e fatelo con tranquillità: sarà salutare per entrambi. Ma andiamo a capire il perché.

I cani capiscono alcune parole

È in ballo una discussione riguardo la capacità dei cani di capire parole o interpretare il tono di voce. Seppur non capiscano il significato o il contesto delle cose, sono lo stesso in grado di associare alcune parole con determinate azioni. Per esempio, la parola “No” o “Passeggiata”.

I nostri cani possono comprendere alcune parole o frasi che usiamo quotidianamente, soprattutto se parliamo con loro di frequente. Questo processo li aiuta dunque a sviluppare metodi sempre migliori per comunicare e farsi capire da voi.

Comprendono quello che vogliamo dirgli anche se non capiscono le parole

cane-uomo-giochi

Come abbiamo detto in precedenza, i cani sono in grado di capire quello che gli diciamo nonostante non colgano il significato delle parole.

Alcuni studi suggeriscono che i suoni che emettiamo riescono ad evocare dei segnali emotivi trasmessi attraverso il nostro tono di voce o l’espressione del corpo.

Grazie al fatto che il linguaggio dei cani si basa sulla loro capacità di capire la corporalità degli altri, si rivelano particolarmente bravi quando si tratta di interpretare i nostri movimenti.

Se consideriamo che circa l’80% di quello che comunichiamo lo facciamo attraverso le espressioni del corpo, i cani hanno delle buone chance di comprenderci. Per questo uno dei metodi per migliorare la loro capacità di comprensione è proprio quello di investire del tempo parlando con loro.

È psicologicamente sano

Il vostro cane è una creatura affidabile. Di sicuro non potrà consigliarvi, ma non potrà neanche spifferare tutto quello che gli dite. Per questo, conversare con il cane potrà aiutarvi a sfogare le vostre emozioni e a schiarirvi un po’ le idee.

Di fatto, per i bambini stabilire dialoghi con i propri animali domestici è un’abitudine sana poiché lo possono fare senza timore di essere giudicati, ed è inoltre importante per rafforzare l’immagine che hanno di sé.

Per quanto riguarda l’educazione, i cani sono importanti per lo sviluppo dei bambini, non solo perché essi impareranno a rispettare creature diverse da loro, ma permetteranno loro di stabilire vincoli forti e duraturi.

Esistono casi in cui i cani vengono utilizzati nelle terapie per bambini autistici, per aiutarli ad interagire meglio con l’ambiente che li circonda.

Fa bene all’animale

I cani richiedono molte attenzioni, e stabilire conversazioni con loro è un buon modo per dargliele. È stato infatti provato che le persone che parlano con i propri animali riescono ad avere vincoli più forti con loro.

Per i cani è importante percepire che gli diciamo cose con affetto, ed è così che si sentiranno amati e parte integrante del nucleo familiare. Si potrà dunque stabilire un forte legame di fraternità, amore e fiducia.

Inoltre…è divertente

bambino-cane

Nessuno può negare quanto sia divertente trovarsi da soli con un cane e cominciare a parlargli, sia quando utilizziamo vocine strane, che quando completiamo i dialoghi immaginandoci cosa ci potrebbe rispondere.

Non è solo un modo per rinforzare la propria creatività o per esercitarsi a discutere con i propri simili, ma si rivela un vero e proprio momento piacevole.

Parlare con il cane è rilassante. Provate a farlo dopo una giornata pesante passata in ufficio o a scuola, e vedrete come vi rilasserete di fronte alle sue silenziose risposte, basate su movimenti di coda o su tentativi di giocare con voi.

Immagine in evidenza gentilmente offerta da Pamela Graham.