4 consigli per la cura della pelle del gatto

La pelle del gatto è un ottimo indicatore di salute. Scopri come prendertene cura.
4 consigli per la cura della pelle del gatto

Ultimo aggiornamento: 10 giugno, 2021

Prendersi cura della pelle del gatto è importante quanto quella del resto del corpo. Come qualsiasi altro organo, la pelle può soffrire di malattie e ha bisogno di nutrienti specifici per mantenersi in salute, poiché è un tessuto costantemente esposto a vari fattori di stress ambientale.

Informazioni e consigli sulla cura dermatologica del gatto possono essere contraddittori nelle ricerche su Internet. Pertanto, ecco una serie di consigli generali per mantenere sana l’epidermide di qualsiasi razza di felino.

Caratteristiche della pelle del gatto

La pelle è l’organo più grande del corpo e i gatti non fanno eccezione. Lo spessore della pelle dei gatti è di 0,4 millimetri, anche se è più spessa nella zona delle estremità e del dorso e più sottile nella pancia. Tra le sue funzioni di base, puoi trovare le seguenti:

  • Protegge il corpo da agenti patogeni e corpi esterni.
  • Funziona come termoregolatore contro le variazioni di temperatura ambiente.
  • Ha una funzione sensibile che gli permette di percepire l’ambiente.
  • Invia segnali comunicativi: ad esempio, quando il gatto si arruffa il pelo, invia un messaggio minaccioso.
Uno dei gatti con meno malattie.

La pelle del gatto come indicatore di salute generale

Le condizioni della pelle e del pelo inviano segnali abbastanza affidabili sulla salute del tuo gatto. Ci sono diversi motivi per cui la pelle dei gatti può essere danneggiata:

  • Cattiva alimentazione: la mancanza di nutrienti essenziali per la salute dei capillari si manifesta rapidamente nell’aspetto del felino.
  • Sovrappeso : se il gatto diventa troppo grasso, non sarà in grado di raggiungere alcune parti del suo corpo per pulirsi.
  • Vecchiaia : la perdita di elasticità oi dolori della vecchiaia possono far sì che il gatto si pulisca meno di quando era giovane.
  • Bagni eccessivi: quando il gatto viene toelettato, oltre a rimuovere lo sporco, distribuisce oli essenziali importanti per la salute della sua pelle. Pertanto, bagni troppo frequenti possono eliminare questo strato di grasso necessario per proteggere il derma.
  • Malattie: il dolore o la malattia impediranno al gatto di pulirsi da solo. D’altra parte, condizioni come allergie o dermatiti influenzano anche l’aspetto della pelle e del pelo di un gatto.

4 consigli per la cura della pelle del gatto

Come hai potuto leggere prima, la pelle dei gatti è importante quanto il resto degli organi, quindi non può essere trascurata – specialmente nelle razze senza pelo, come la sfinge -. Se vuoi sapere come mantenere il tuo micio sano e lucente, ecco alcuni consigli.

1. Dargli cibo di qualità

Dargli un’alimentazione equilibrata e specifica è essenziale per mantenere il pelo del tuo felino in buone condizioni. Ogni dieta deve contenere proteine sane e alti livelli di acidi grassi omega 3 e 6. Gli alimenti extra, come dolci o lattine bagnate, devono essere dosati in modo da non sbilanciare la dieta.

Come indicano i documenti professionali, idealmente il 50% dell’energia del felino dovrebbe provenire da fonti proteiche. Il restante 30% sarà costituito da grassi naturali, come il tessuto adiposo presente nella carne e nel pesce. I carboidrati dovrebbero rappresentare meno del 10% dell’apporto calorico, ma i produttori di mangimi a volte usano i cereali per ridurre i costi.

Per questo motivo alcuni guardiani scelgono di evitare i mangimi con cereali o granaglie nella loro composizione.

2. Cure veterinarie per la pelle dei gatti

La sverminazione regolare del tuo felino, soprattutto se può uscire, è necessaria per una buona manutenzione della pelle. In ogni caso, i controlli veterinari periodici sono utili sia per problemi dermatologici che per altri aspetti della salute del gatto.

3. Fare il bagno solo quando necessario

In generale, i gatti sono animali molto ordinati e bastano da soli per tenersi puliti. Tuttavia, potrebbero esserci momenti in cui è necessario lavarlo.

Quando ciò si verifica, è molto importante ridurre al minimo lo stress per l’animale. Si può fare in una vasca da bagno o in un grande lavabo, con un tappetino che ne impedisce lo scivolamento. Dovresti usare acqua tiepida e fare movimenti delicati.

I prodotti per la pulizia devono essere rigorosamente fatti per i felini. Solo così garantirai che la pelle o il pH dell’epidermide del gatto non venga alterato. A seconda delle abitudini dell’animale, la frequenza del bagno può variare da una volta all’anno a 2 volte al mese.

4. Spazzolarlo regolarmente

I peli morti che non cadono impediscono alla pelle di respirare correttamente, aumentando il rischio di malattie, come dermatiti o la proliferazione di acari. Usa una spazzola adatta alla pelliccia del tuo felino – se ha il pelo corto, non potrai usare pettini con setole molto lunghe, ad esempio – per non danneggiare la pelliccia durante il processo.

Spazzolare i capelli nei gatti.

Prendersi cura del pelo e della pelle del vostro gatto non solo gli darà un aspetto sano e lucente, ma eviterà anche problemi a tutti i livelli: allergie, parassiti, seborrea e molti altri. Eviterai persino che il tuo gatto debba vomitare boli di pelo molto spesso. L’aspetto del tuo felino, lontano dalla mera estetica, sarà il miglior indicatore di cui avrai bisogno per prenderti cura della sua salute.