5 animali che portano fortuna

· 25 giugno 2018

E’ noto il simbolismo che l’uomo, ormai da secoli, ha assegnato a certe specie. Tra questi, ovviamente, non potevano mancare gli animali che portano fortuna. Tenere in casa un’immagine, una piccola statua o indossare un amuleto con uno di questi esseri viventi, servirà a far girare la buona sorte a vostro favore. Se siete superstiziosi e amate le curiosità, non perdetevi dunque questo articolo.

Quali sono gli animali che portano fortuna?

In diverse culture, a differenti specie sono stati riconosciuti poteri o abilità. Proteggono i raccolti, favoriscono i commerci, difendono dal malocchio e tengono lontane le cattive influenze. Vi è un animale portafortuna per ogni occasione. Ma non perdiamoci ulteriormente in chiacchiere: eccovi subito 5 degli animali che portano fortuna:

1. Rana

Gli anfibi appaiono di solito in tempo di pioggia o alta umidità. E che cosa ha a che fare una rana con la buona fortuna? Tutto! Nell’antichità, questo animale significava la possibilità di piogge, quindi di tanta acqua per i raccolti. Un chiaro beneficio per qualsiasi contadino.

I giapponesi assicurano che la rana – in forma di talismano di legno nella foto in alto – porta buona fortuna, poiché rappresenta il cambiamento positivo. Che poi è quello del girino che diventa adulto. Inoltre, simbolizza l’abbondanza, per via delle tantissime uova che la femmina depone. Un amuleto a forma di rana può essere regalato a una donna che vuole rimanere incinta, a una persona che deve realizzare un trasloco o un lungo viaggio.

2. Scarabeo

L’abitudine di regalare un oggetto a forma di animale risale a moltissime secoli fa. Già nell’antico Egitto lo scarabeo era considerato un simbolo di buona fortuna e successo. Questo perché esiste una relazione molto ampia tra questo insetto e il sole, dio supremo della famosa civiltà che proliferò agli argini del Nilo.

Due scarabei di giada egizia

Ecco perché nei templi ci sono rilievi e geroglifici dedicati a questo scarafaggio. Viene regalato ai viaggiatori e potete trovare molti gioielli e oggetti decorativi con la figura di questo animale. È anche considerato simbolo di rinascita o dell’inizio di una nuova era.

3. Coniglio

Al di là dell’orrenda tradizione di appendere, fuori dalla porta, le zampe di questo leporide per attirare il successo, in realtà il coniglio è uno dei più popolari animali portafortuna. Ad esempio, si dice che sia di buon auspicio in termini di fertilità e parto, perché sono una specie sicuramente prolifica.

Coniglio di legno accanto a uova di cioccolato

Da noi, in Italia, esiste persino il coniglio di Pasqua. E’ un simbolo ereditato dalla tradizione ancestrale della divinità germanica Eostre, che aveva la testa di lepre e rappresentava la primavera e la fertilità. Una volta superato il difficile inverno, con il suo arrivo tornava l’abbondanza e la vita.

4. Grillo

Da sempre, il canto del grillo è considerato di buon auspicio. In Giappone tendono a dar loro da mangiare una buona quantità di bambù in modo da poter ascoltare il loro particolare suono di continuo. Ma anche in altri paesi, come le Barbados, questo insetto ortottero viene usato per attirare la buona sorte.

Grillo appoggiato su una foglia

Secondo alcune culture, i grilli sono degli ottimi guardiani, proprio come i cani. Quando notano qualcosa di “strano”, infatti, smettono di cantare. Gli amuleti di questo invertebrato sono molto popolari nelle antiche culture dell’Europa e del Medio Oriente e servono per portare fortuna, proteggere e attirare il cambiamento.

5. Elefante

In questa lista di animali che portano fortuna, non poteva mancare questo grande mammifero. Infatti, sono moltissimi gli oggetti che rappresentano un elefante con la proboscide sollevata. Manufatti in legno, marmo o altri materiali, anche preziosi, da indossare o tenere in casa.

Elefantino di legno tra animali che portano fortuna

Per gli indù, questo animale è l’unico che possiede “una mano” ed è associato al concetto positivo di dare e ricevere. Inoltre, tanto nell’antichità come oggi, avere un elefante era sinonimo di ricchezza e potere, poiché solo le caste superiori potevano accedervi. In particolare, è un simbolo di abbondanza, di armonia nella famiglia e un potente amuleto contro tutti i mali.