5 consigli per prendersi cura di uno scorpione

Avete mai pensato di prendere uno scorpione come animale domestico? Con i nostri 5 consigli riuscirete a prendere la decisione e a prendervi cura di lui nel modo migliore.
5 consigli per prendersi cura di uno scorpione
Samuel Sanchez

Scritto e verificato il biologo Samuel Sanchez.

Ultimo aggiornamento: 27 dicembre, 2022

L’ordine degli scorpioni (Scorpiones) contiene più di 2500 specie descritte, che sono distribuite in 22 diverse famiglie biologiche. L’adattabilità di questi artropodi e il loro successo nella caccia hanno permesso loro di adattarsi a vari ecosistemi caldi e temperati, motivo per cui sono a stretto contatto con l’uomo in alcune regioni, in cui p rendersi cura di uno scorpione è semplice.

Tuttavia, è necessario tenere conto di una serie di condizioni sia a livello di specie che a livello di ecosistema quando si tratta di tenerne uno. Leggete questi suggerimenti che vi mostriamo e imparate come mantenere uno di questi artropodi aracnidi nel modo più appropriato possibile.

1. Non catturare lo scorpione dal campo

Il primo errore che molti tutor inesperti fanno nella terrariumphilia è quello di prendere un animale selvatico da tenere in cattività. Questo non è etico e può danneggiare gravemente gli ecosistemi, poiché è stato dimostrato che il furto di esseri viventi per scopi commerciali o ricreativi favorisce il declino delle loro popolazioni (e quindi la loro estinzione).

Uno scorpione catturato difficilmente si adatterà bene all’ecosistema domestico, in quasi tutti i casi. Inoltre, è probabile che sia vecchio, che porti acari parassiti o che abbia qualche altro problema di salute precedente. Per questo motivo morirà quasi sempre entro pochi giorni.

Prendere gli animali dal loro ambiente naturale è dannoso in ogni caso.

2. Scegliere la specie di scorpione giusta di cui prendersi cura

Oggi decine di specie di scorpioni vengono allevate e addomesticate in cattività e possono essere acquistate nei negozi professionali. Alcuni sono più costosi di altri, ma in generale un esemplare giovanile di una specie tipica (in particolare il genere Heterometrus) di solito non è affatto costoso.

Tutti gli scorpioni sono velenosi, poiché hanno un telson o un pungiglione sulla punta della coda che si collega direttamente con una ghiandola che produce tossine. Tuttavia, alcuni esemplari sono molto più letali e aggressivi di altri.

Ad esempio, la maggior parte degli scorpioni del genere Heterometrus ( longimanus, laoticus, petersii e altri) ha un veleno molto debole. Qualcosa di simile accade con Scorpio maurus e altri grandi scorpionidi con chele molto evidenti. D’altra parte, i rappresentanti dei generi Tytius, Androctonus e Hottentotta possono persino uccidere un essere umano con il loro morso.

Il possesso di scorpioni letali richiede l’acquisizione di una licenza e di strutture speciali.

Uno scorpione mauro.

3. Mantenere il terrario semplice e pratico

Il terrario dovrebbe sempre essere progettato tenendo conto delle esigenze dell’invertebrato. Uno scorpione tropicale del genere Heterometrus richiede un’umidità ambientale del 70-80% e un substrato terroso, oltre a muschio, corteccia di tronchi e forse qualche pianta sotto cui può nascondersi. Questo parametro generale si applica alle specie umidi climi.

Uno scorpione del deserto, invece, richiederà un apporto minimo di umidità, temperature molto elevate ( quasi sempre sopra i 25°C durante il giorno), substrato sabbioso e grosse pietre sotto le quali può rifugiarsi. La cosa più appropriata sarà sempre quella di simulare l’ambiente naturale della specie, sia esso arido o giungla.

Gli scorpioni beneficiano di semplici terrari, poiché troppi rami o rocce aumentano le possibilità di cadute o schiacciamenti non necessari. La regola generale è che l’installazione sia da 2 a 3 volte la lunghezza dell’animale in lunghezza, 2 volte in larghezza e circa 20 centimetri di altezza e che abbia un paio di ripari (uno nella zona più fredda e l’altro in quella più calda).

Questi invertebrati non si arrampicano, ma dovrete riempire circa la metà del terrario di substrato affinché possano seppellirsi.

4. Procurarsi cibo vivo

Gli scorpioni sono predatori che “si siedono e aspettano”, cioè aspettano nella loro tana finché non appare una preda ignara e pongono fine alla loro vita con l’aiuto del pungiglione. Essendo predatori, mangeranno solo prede (non verdure) e queste devono essere vive. In ogni caso, sono animali poco attivi con un metabolismo lento.

Mantenere gli insetti come cibo vivo può essere complicato per molti tutor, quindi questo punto deve essere preso in considerazione. La maggior parte degli esemplari si accontenta di un grillo, scarafaggio o verme medio a settimana. In ogni caso, è molto comune che gli esemplari adulti smettano di mangiare per lunghi intervalli prima della muta.

Prendersi cura di uno scorpione richiede sempre l’allevamento di insetti preda in cattività.

5. Non abbassare la guardia e usa sempre le pinzette

Le pinzette chirurgiche o da cucina (meglio se lunghe 10 o 20 centimetri) saranno le vostre migliori alleate quando si tratterà di manipolare l’ambiente dello scorpione. Ogni volta che volete rimuovere cibo morto, feci o aggiungere nuove prede al terrario, fatelo con le pinze abilitate. Non importa quanto pensate di conoscere il vostro animale domestico o quanto sia calmo.

Gli scorpioni sono molto scarsi nell’arrampicata, ma si distinguono per la loro velocità quando si tratta di inseguire la loro preda in brevi periodi di tempo e possono iniettare le loro tossine nella pelle del tutor in una manciata di secondi. È necessario non abbassare mai la guardia e mantenere una distanza di almeno 15 centimetri ogni volta che si interagisce con l’ambiente dell’animale.

Gli scorpioni sono imprevedibili. Non mettete mai le mani nude nel suo terrario, ancor di più se non avete localizzato l’animale.

Sai cosa mangiano gli scorpioni?

Raccomandazioni finali sulla cura dello scorpione

Gli scorpioni perdono il loro esoscheletro per crescere in un processo noto come ecdysis più volte durante la loro vita. In questo momento sono molto vulnerabili ed è quando si verificano più morti, soprattutto se i giovani sono tenuti in cattive condizioni. È necessario aumentare l’umidità e rimuovere tutte le prede vive dal terrario per evitare incidenti in questa fase.

Infine, va anche notato che gli scorpioni sono relativamente longevi, poiché vivono dai 3 ai 5 anni (o molto più a lungo). Assicuratevi di potervi prendere cura del vostro invertebrato fino alla sua morte naturale, poiché rilasciarlo in natura non è mai un’opzione ed è anche considerato illegale. Prendersi cura di uno scorpione è semplice, ma è una responsabilità a lungo termine.


Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.


  • Marshall, B. M., Strine, C., & Hughes, A. C. (2020). Thousands of reptile species threatened by under-regulated global trade. Nature communications, 11(1), 1-12.
  • Nirthanan, S., Joseph, J. S., Gopalakrishnakone, P., Khoo, H. E., Cheah, L. S., & Gwee, M. C. (2002). Biochemical and pharmacological characterization of the venom of the black scorpion Heterometrus spinifer. Biochemical pharmacology, 63(1), 49-55.

Questo testo è fornito solo a scopo informativo e non sostituisce la consultazione con un professionista. In caso di dubbi, consulta il tuo specialista.