Substrato per i rettili: quale scegliere?

29 Giugno 2019
In base al materiale, ogni substrato può offrire al rettile una esperienza del tutto diversa

Al momento di preparare il terrario dei nostri animali, è importante conoscere e scegliere il migliore substrato per i rettili. Ciò dipenderà dalle loro caratteristiche e bisogni.

Il comfort e la salute dei nostri rettili dipenderà in gran parte dal substrato che sceglieremo.

Cosa è e come deve essere un buon substrato per i rettili

Il substrato è il materiale che utilizzeremo per coprire il fondo del terrario del nostro animale. Costituirà il suo habitat e sarà presente per il resto della sua vita, motivo per cui è molto importante familiarizzare con le diverse opzioni che offre il mercato e di conseguenza scegliere il substrato migliore per i nostri rettili.

Tartaruga nel terrario

Le caratteristiche essenziali che deve riunire sono le seguenti:

  1. Non deve contenere elementi tossici che l’animale potrebbe ingerire, inalare o toccare.
  2. Il materiale scelto non deve rilasciare sostanze tossiche mentre si rovina con il passare del tempo.
  3. Deve essere facile da lavare e disinfettare.
  4. Dovrà trattenere bene l’umidità per evitare problemi ambientali.
  5. Avrà un aspetto naturale. I colori troppo sgargianti sono sconsigliati.

Non tutti i materiali disponibili in commercio presenteranno queste caratteristiche. Per trovare il substrato migliore per i nostri rettili, dovremo quindi familiarizzare con i diversi tipi che abbiamo a nostra disposizione.

Vari substrati per rettili in base al materiale

I materiali economici e durevoli di solito sono i più popolari tra i padroni di rettili. Alcuni tra i più economici, tuttavia, possono essere fatti con materiali sintetici che con il tempo rilasciano sostanze tossiche

Serpente come animale domestico

  • Substrato a partire da erba sintetica. Il terrario è ricoperto da una base tessile. La prima erba sintetica per terrari fu sviluppata dalla marca Astroturf. La sua flessibilità e la facilità con cui è possibile disinfettarla ha influito sulla popolarità di questo prodotto. È possibile tagliarla, dunque questo substrato può adattarsi perfettamente alla forma del proprio terrario. Uno dei pericoli dell’erba sintetica, tuttavia, è la possibilità che l’animale ingoi pezzi di plastica che si staccano con il tempo.
  • Substrato per rettili a partire dalla sabbia. Possiamo trovare basi costituite da sabbie di spiaggia, sabbie di ghiaietto e sabbie di silice. Le prime sono consigliate per i terrari degli insetti, poiché i rettili tendono a ingerirla per errore quando escono la lingua. Inoltre, può causare infezioni del tratto urinario. La sabbia a base di ghiaietto è consigliata per le specie desertiche di grande taglia, tuttavia si consiglia di somministrare il cibo in una zona separata.
  • Substrato a base di carta di giornale tagliata in strisce. Sebbene questo substrato non sia particolarmente piacevole alla vista, è economico e può essere cambiato senza grossi problemi. I suoi componenti non risultano nocivi per gli animali e assorbono bene l’umidità. Il suo inconveniente principale è che richiede una pulizia settimanale dell’habitat, i cambiamenti costanti prevengono con efficacia la comparsa di parassiti e malattie.