6 animali ibridi che dovresti conoscere

Gli animali ibridi nascono dall'accoppiamento di due specie diverse. Ne esistono più di quanti tu possa immaginare.
6 animali ibridi che dovresti conoscere

Ultimo aggiornamento: 31 maggio, 2021

Quando si pensa agli animali ibridi, la nostra mente può vagare verso diversi esseri fantastici. La letteratura e il cinema hanno avuto un’influenza significativa su questo aspetto, poiché la cultura generale tende a creare creature impossibili da ciò che già esiste.

Tuttavia, in natura possiamo trovare animali ibridi altrettanto o più interessanti di quelli narrati. Anche così, non tutti hanno un futuro promettente a livello evolutivo, poiché l’ibridazione di solito comporta una serie di costi associati. Se vuoi saperne di più su questo argomento, continua a leggere.

6 animali ibridi che dovresti conoscere

La Terra ospita fauna e flora suddivise in regni, ordini, famiglie, generi e altri gruppi tassonomici. Più due specie sono vicine a livello filogenetico e geografico, più è probabile che si verifichi un evento riproduttivo. Da questa unione emergono animali ibridi, ma anche l’intervento umano gioca un ruolo importante.

Un dettaglio curioso degli animali ibridi è che il loro nome scientifico include le designazioni dei loro genitori. Per prima cosa appare il nome del maschio, seguito da quello della femmina. Vi diamo alcuni esempi.

1. Balfin, tra gli animali ibridi più curiosi

Il nome già ci fa capire che i delfini sono coinvolti. Come è stato osservato, i genitori del balfin ( Tursiops truncatus x Pseudorca crassidens ) sono un delfino tursiope e una pseudorca.

Per quanto riguarda il suo aspetto, nel Sea Life Park alle Hawaii sono stati osservati solo esemplari in cattività. I loro genitori condividevano lo stesso habitat e hanno dato origine a 3 diversi discendenti, la cui forma, dimensione e colore risultano dalla combinazione di entrambe le specie.

Uno degli animali ibridi.

2. Bengala

Non c’è dubbio che i felini siano amati nella maggior parte delle culture, poiché fanno parte delle case in tutto il mondo. Il Bengala è un felino che rompe con i preconcetti, perché la sua colorazione selvaggia lo rende lontano dal tipico gatto domestico. Questo animale ibrido risponde al nome di Felis silvestris x Prionailurus bengalensis.

In definitiva, ciò significa che questo ibrido nasce dall’incrocio fortuito tra un gatto domestico ( F. silvestris) e un gatto leopardo ( P. bengalensis ). Attualmente è riconosciuta come una razza a sé stante.

Un bagliore in posa.

3. Cama, tra gli animali ibridi più bizzarri

Sì, il nome è scritto bene e sì, c’è davvero un animale ibrido con questo soprannome. Nello specifico, il cama ( Camelus dromedarius x Lama glama ) è un animale derivante dall’incrocio tra un lama ( Lama glama ) e un dromedario ( Camelus dromedarius ).

Per collocarci, il dromedario vive nel continente africano e presenta un’unica gobba, tratto con cui si differenzia dai cammelli. D’altra parte, il lama è presente in diversi paesi del Sud America.

Il dromedario è 6 volte più grande del lama, quindi la cucciolata è nata attraverso l’inseminazione artificiale. Nonostante le dimensioni del padre, il cucciolo è un ibrido ancora più piccolo del lama, con orecchie piccole ma una lunga coda di dromedario.

I lama possono dare origine ad animali ibridi
I lama trasportano metà dei geni nel letto.

4. Dzo

La specie Bos grunnies x Bos primigenius nasce dall’incrocio tra uno yak e una mucca. Si distingue per essere un animale molto forte, utilizzato nelle diverse attività agricole di paesi come il Nepal, il Bhutan o la Mongolia.

Inoltre, è apprezzato anche per la sua carne, considerata una prelibatezza. A livello fisico, assomiglia a una mucca, che allo stesso tempo ha il lungo mantello di uno yak.

Il dzo è uno degli animali ibridi.

5. Jagleón

Sebbene il nome possa sembrare simile a qualche città o cittadina coreana, non lo è. Il jagleón ( Panthera onca x Panthera leo ) nasce dall’incrocio tra una leonessa ( Panthera leo ) e un maschio di giaguaro ( Panthera onca ).

Qui l’uomo ha una responsabilità al 100%, poiché questo animale ibrido non appare in natura. Il motivo principale dell’assenza di questo ibrido in natura è che le specie vivono in ecosistemi totalmente diversi.

Attualmente, Tsunami e Jazhara sono i due jangleon più famosi. Il primo è un maschio dorato, mentre il secondo è una femmina maculata nera. Nel caso dei maschi, non sono stati ancora osservati maschi jangleon con criniera.

Il jagleón è un altro degli animali ibridi.

6. Narluga

Dall’incrocio tra un narvalo e un beluga, appare la Narluga o Monodon monoceros x Delphinapterus leucas. Il cranio appartenente a questo animale ibrido è stato scoperto in Groenlandia nel 1990 dal biologo Perter Heide-Jørgensen.

Gli studi effettuati hanno confermato che questo ibrido nasce dall’incrocio tra un maschio beluga e una madre narvalo. Attualmente, questo teschio è l’unica prova scientifica esistente al riguardo.

Un beluga.

In definitiva, gli animali ibridi possono sorgere spontaneamente in natura. Tuttavia, anche l’uomo influenza notevolmente il loro aspetto, poiché spesso vengono incrociate specie che non si incontrerebbero in un ambiente naturale.