6 conseguenze - anche gravi - del tartaro nei cani

La comparsa del tartaro nei cani è piuttosto comune, perché la loro bocca entra a contatto con molte superfici. Se non viene rimosso può causare gravi malattie.
6 conseguenze - anche gravi - del tartaro nei cani

Ultimo aggiornamento: 28 gennaio, 2021

La salute dentale dei cani è qualcosa a cui i padroni tendono a prestare poca attenzione. Molti credono che i loro amici a quattro zampe, per la loro natura “selvaggia”, non abbiano bisogno di cure odontoiatriche e pulizia dei denti. Niente è più lontano dalla realtà, perché, che ci crediate o no, le conseguenze del tartaro nei cani possono essere gravi.

Per quanto eccessivo possa sembrare, i veterinari raccomandano di spazzolare i denti al cane ogni giorno. È stato scientificamente dimostrato che ciò riduce notevolmente le possibilità di comparsa di malattie batteriche e infiammazioni delle gengive (gengiviti), tra molte altre patologie.

Cos’è il tartaro?

Come indicato dai siti specializzati in salute dentale, il tartaro è la placca dentale che si è indurita a causa della precipitazione di minerali nella saliva e nel liquido gengivale. Il tartaro orale è costituito da materia organica e inorganica, ma quest’ultima è predominante – fino al 60% del totale.

Questo materiale alimenta la placca dentale formata da batteri con una superficie più ampia, che può portare a una serie di malattie minori ma anche gravi sia nei cani che nell’uomo. Il tartaro quindi non è solo un problema estetico: può compromettere la salute dei denti.

Cane con tartaro.

Quali sono le conseguenze del tartaro nei cani?

La formazione del tartaro non solo compromette l’igiene orale del cane, ma può portare a determinate malattie sistemiche nei casi più gravi. Successivamente, vi mostriamo le 6 conseguenze del tartaro nei cani.

1. Alitosi

L’alitosi nei cani è molto comune, specialmente nei cani anziani. Il fatto che la bocca del vostro cane faccia cattivo odore è del tutto normale, perché si trova a stretto contatto con le feci, la materia in decomposizione e altri elementi organici che, per l’uomo, sono sgradevoli ma che per il cane sono indispensabili.

Quando l’alito del vostro cane somiglia al tanfo di un bidone della spazzatura, sicuramente qualcosa non va, soprattutto se è piccolo. Molte volte questi odori forti provengono da colonie batteriche che si sono depositate nelle mucose orali.

2. Gengivite

La gengivite è un’infiammazione della mucosa orale, linguale o orofaringea del cane. Ciò fa sì che l’animale sviluppi ulcere alla bocca, salivazione eccessiva e persino difficoltà a mangiare.

Quando un cane ha il tartaro, i batteri patogeni si accumulano sulle gengive, rilasciando tossine e danneggiando i tessuti circostanti. Il sistema immunitario dell’animale reagisce inviando i globuli bianchi verso il sito dell’infezione, un processo attraverso il quale si genera la caratteristica infiammazione delle gengive.

3. Parodontite

Se la gengivite non viene trattata tempestivamente, compare la parodontite. In questo caso l’infiammazione delle gengive è molto più grave, in quanto è accompagnata da una degenerazione delle ossa e delle strutture portanti attorno ai denti del cane.

Questo processo può essere controllato ma non completamente riparato, poiché il danno osseo è già stato fatto e non si può tornare indietro.

È la causa più comune di malattie dentali nei cani: i veterinari stimano che l’80% dei cani domestici soffre di paradontite o di una patologia simile a partire dai 2 anni di età. L’alitosi è il primo sintomo clinico riconoscibile di parodontite, ma può avere conseguenze peggiori se non viene trattata in tempo.

4. Perdita di denti, una grave conseguenza del tartaro nei cani

Questo processo è legato alla parodontite, poiché i batteri orali patogeni causano la degenerazione dei denti e delle strutture circostanti. Le fratture dentali possono essere complicate, a seconda che i nervi e i capillari sanguigni risultino esposti dopo la lesione.

I sintomi più comuni dopo la perdita o la rottura di un dente sono dolore, disagio e sanguinamento vicino alla struttura compromessa. Se questa lesione non viene curata, può portare a un’infezione grave.

5. Endocardite: una conseguenza del tartaro nei cani

L’endocardite è un’infezione dell’endocardio, il tessuto che riveste le parti interne delle valvole e delle camere del cuore. Stranamente, i batteri che crescono nella bocca del cane possono insinuarsi nel flusso sanguigno (batteriemia) e, da lì, migrare e stabilirsi nel tessuto cardiaco.

Veterinario che controlla la bocca del cane.

Ciò si traduce in sintomi come letargia, anoressia, perdita di peso e debolezza nell’animale. Si possono anche verificare mancanza di respiro, aumento della pressione sanguigna e febbre. L’endocardite, se non viene trattata con antibiotici, può essere fatale.

6. Insufficienza renale ed epatica

I batteri che entrano nel sangue in seguito alla parodontite possono colpire anche il fegato e i reni. Ciò si traduce in insufficienza renale ed epatica che porta a sintomi estesi, a seconda del tipo e della gravità dell’infezione.

Come abbiamo avuto modo di constatare, le conseguenze del tartaro nei cani vanno ben oltre l’alitosi. Le colonie batteriche che si depositano a causa di una scarsa igiene orale possono causare carie, gengiviti e anche gravi malattie sistemiche.

Pertanto, l’ideale è spazzolare i denti del cane tutti i giorni, senza scuse. Se per qualsiasi motivo non potete farlo, esistono dei prodotti che favoriscono l’igiene orale del cane senza dover spazzolare i denti.

Potrebbe interessarti ...
Come prendersi cura dei denti del cane
I Miei AnimaliLeggilo in I Miei Animali
Come prendersi cura dei denti del cane

Se avete in casa un amico a quattro zampe, è vostra responsabilità preoccuparvi del suo benessere. Vediamo come occuparsi della salute dei denti del cane.