7 uccelli più belli dell’America centrale

· 28 ottobre 2018
Gli uccelli dell'America centrale sono molto colorati e sorprendenti.

I Caraibi sono uno dei luoghi più impressionanti al mondo, dove è possibile ammirare la fauna selvatica, lontano dalle contaminazioni umane. In questo articolo vi mostreremo quali sono gli uccelli più belli dell’America centrale, nel caso in cui abbiate intenzione di organizzare un viaggio nel cuore del Nuovo Mondo. Siamo sicuro che questo articolo piacerà molto anche agli appassionati di ornitologia e birdwatching.

Ecco gli uccelli più belli dell’America centrale.

Uccelli dell’America centrale: ecco i più belli

Con dozzine di parchi naturali e riserve, ecosistemi forestali e boschivi praticamente incontaminati, spiagge e tanta natura in un piccolo territorio, gli uccelli più belli dell’America centrale sono molto colorati e sorprendenti. Eccoli a seguire:

1. Motmot dai sopraccigli azzurri (El Salvador)

Un volatile dalla singolare bellezza che vive dalla penisola dello Yucatan (Messico) alla Costa Rica. I suoi habitat preferiti sono selva, foresta e macchia. E’ famoso per il suo piumaggio policromatico.

Chiamato anche torogoz – potete vederlo nell’immagine che apre questo articolo – ha il corpo verde, ventre rossastro ed ali di colore celeste, bianco, giallo o arancione. Inoltre, tra le piume per il volo e la coda blu, risaltano due caratteristiche “racchette” a forma di punta.

2. Ara scarlatta (Honduras) tra gli uccelli più belli dell’America Centrale

Conosciuto anche come Ara Macao, è uno degli uccelli più sorprendenti dell’America Centrale, per via del suo piumaggio tricolore: rosso, giallo e blu verde.

È la più grande specie della famiglia Ara e vive dal Messico meridionale alla Bolivia centrale. Preferisce vivere in foreste umide tropicali, giungle e a basse altitudini.

Ara scarlatta

3. Tordo di Gray (Costa Rica)

È uno degli uccelli dell’America centrale che occupa il territorio più ampio, come habitat: dal Texas del sud alla Colombia. È famoso per il suo canto in diverse tonalità che aumenta quando piove, per le sue piccole dimensioni – misura meno di 30 centimetri – e per il suo piumaggio marrone con strisce più scure, proprio sotto la gola.

Tordo di gray

4. Motmot capoblu (Nicaragua)

Appartiene alla famiglia dei momotidi, è di media grandezza e abita all’interno delle giungle più dense del continente. Il suo piumaggio è molto colorato.

Il corpo è verde, mostra un ventre arancione, con viso e coda blu. Quest’ultima, inoltre, presenta due “racchette” affusolate.

Motmot capoblu

Il Guardabarranco (questo il suo nome in spagnolo) si nutre di insetti, lucertole e frutti. Ama restare in silenzio sui rami per un po’ di tempo prima di saltare in cima alla sua preda.

La femmina depone quattro uova, le cova per 20 giorni alternandosi con compagno ,e un mese dopo la schiusa, i pulcini lasciano il nido.

5. Esmeralda capirotada (Costa Rica)

Si tratta di una varietà di colibrì endemico della Costa Rica. Questi piccolissimi uccelli vivono principalmente a sud del fiume Reventazon e nella catena montuosa del Tilarán.

Pesano solo tre grammi e il loro becco allungato gli consente di nutrirsi del nettare dei fiori e di alcuni invertebrati.

Esmeralda capirotada

6. Aquila arpia (Panama)

All’interno della famiglia delle aquile, la Harpia harpyja vive in aree neotropicali come la foresta pluviale dell’America Centrale. E’ il più grande rapace degli emisferi occidentali e meridionali. Può misurare un metro, con un peso prossimo agli 8 kg e la sua apertura alare supera i 2 metri nelle femmine adulte (i maschi sono un po’ più piccoli).

Aquila arpia vista da vicino

Il piumaggio è simile in entrambi i sessi ed è composto da tre sfumature di grigio sulla testa, sul corpo e sui possenti artigli. Il becco è lungo 15 centimetri e, oltre alle zampe muscolose, questo uccello si distingue per la doppia cresta sulla testa che rendono l’aquila arpia un rapace temuto da qualsiasi preda.

7. Quetzal splendente (Guatemala)

Questo animale è talmente bello e affascinante da sembrare magico. Non a caso, è stato incluso in molte leggende e miti dell’America Centrale. Pensate che dà persino il nome alla valuta nazionale del Guatemala.

Il quetzal è associato a una divinità Maya: le piume verdi della sua coda erano venerate fin dall’antichità.

Uccello quetzal del guatemala nella vegetazione

Per quanto riguarda le sue caratteristiche, vale la pena sottolineare che si tratta di un uccello di medie dimensioni – lungo circa 40 centimetri per 2 kg di peso.

Esiste un certo dimorfismo sessuale, dal momento che, rispetto alle femmine, i maschi presentano una coda che può essere lunga fino a 65 centimetri.

Già abbiamo accennato al suo piumaggio verde, ebbene esso presenta delle tonalità dorate con, in più, sfumature blu e viola e un intenso ventre rosso. Nelle femmine i toni sono più “tenui” e il becco è di colore nero (diventa giallo nei maschi). Entra di diritto nella lista degli uccelli più belli dell’America centrale.