L’airone guardabuoi, l’uccello che ha conquistato il mondo

· 22 Febbraio 2019
Questo uccello dalla natura migratoria, ha beneficiato della diffusione dell'allevamento estensivo, poiché si nutre degli insetti spaventati dal passo dei grandi mammiferi; gli umani traggono vantaggio dal suo lavoro

L’airone guardabuoi è una specie poco nota, nonostante sia l’uccello che ha contribuito alla più grande e veloce espansione naturale. L’airone guardabuoi è diventato un autentico conquistatore, e tutto senza bisogno della collaborazione umana.

Scopriamo insieme perché l’airone guardabuoi è l’uccello che ha conquistato il mondo.

Habitat dell’airone guardabuoi

Questo uccello vive praticamente in tutte le regioni subtropicali, tropicali e temperate del pianeta e, sebbene sia originario del Vecchio Mondo, al momento si trova in tutti i continenti, ad esclusione dell’Antartico.

L’airone guardabuoi presenta un esile corpo biancastro decorato con piume d’arancio o d’oro sulla testa e sul collo. Sappiamo che nidifica vicino alle colonie d’acqua, in particolare su piattaforme di rami, che di solito si trovano vicino ad altri uccelli trampolieri come il tarabuso.

Il suo nome deriva dalla sua abitudine di appollaiarsi o di avvicinarsi al bestiame o ad altri grandi mammiferi, con l’obiettivo di consumare gli insetti spaventati da questi animali.

Abitudini airone guardabuoi

L’incredibile espansione dell’airone guardabuoi

Questo uccello è originario delle regioni umide dell’Africa e dell’Asia tropicale e del sud della penisola iberica. E’ stato rilevato che, a metà del diciannovesimo secolo, abbia iniziato a espandersi nell’Africa meridionale. In seguito, ha cominciato a riprodursi nella provincia del Capo all’inizio del XX secolo.

L’airone guardabuoi è stato avvistato per la prima volta in America nel 1877, in particolare tra la Guyana e il Suriname. Sembra che abbia attraversato l’intero Oceano Atlantico dal continente africano.

Durante la seconda guerra mondiale l’airone guardabuoi iniziò a colonizzare gli Stati Uniti, cosa che portò alla sua riproduzione in Florida nel 1953. Sorprendentemente, durante il 1962 iniziò a riprodursi in Canada, un paese molto più freddo.

Allo stesso tempo, si è diffuso a sud in paesi come Cuba, Costa Rica e Messico, e ha raggiunto il sud America, in particolare il Perù e gli altri paesi dell’America Latina.

In Europa, la sua espansione iniziò nel XX secolo, quando colonizzò praticamente l’intera penisola iberica, la Francia e l’Italia.

Solo un decennio fa, nel 2008, il suo allevamento è stato registrato nel Regno Unito e in Irlanda. In Australia, negli anni ’40, iniziò a stabilirsi in tutto il continente e iniziò a visitare la Nuova Zelanda.

Aironi su un albero

Perché l’airone guardabuoi si è adattato a così tanti posti?

La diffusione dell’airone guardabuoi è uno dei più incredibili fenomeni registrati nel regno animale.

Questo animale spesso si basa sulla presenza di grande bestiame per catturare gli insetti, e l’uomo è responsabile per l’enorme espansione di mucche, cavalli e altre specie dai quali può trarre vantaggio alimentare o di pascolo.

Pertanto, l’espansione dell’allevamento estensivo è stata responsabile della colonizzazione dell’airone del bestiame. A questo si aggiunge il fatto che questo uccello non ha bisogno di abbondanti aree d’acqua come il resto degli aironi, e che ha anche un certo carattere migratore e viaggiatore, che ha facilitato il suo adattamento.

Al contrario, la maggior parte degli uccelli migratori tendono a colonizzare nuove aree a causa dei cambiamenti climatici. Sembra dunque che l’airone guardabuoi sia dipendente dall’allevamento, e questo è il motivo per cui l’espansione degli animali vantaggiosi per l’uomo è stato così positivo anche per questa specie.

In rare occasioni, questa colonizzazione è stata causata direttamente dall’uomo: per questo motivo ci sono luoghi in cui l’airone guardabuoi è considerato una specie esotica invasiva, sebbene il suo impatto sia praticamente nullo.