Consigli sull’alimentazione dei cani di taglia grande

· 19 Maggio 2018

I bisogni nutritivi di qualsiasi animale sono associati al tipo di metabolismo, al livello di esercizio fisico e alle dimensioni. L’alimentazione dei cani di taglia grande differisce dalle altre razze e i padroni devono avere le conoscenze necessarie per fornire al loro amico a 4 zampe i nutrienti di cui necessita.

I bisogni nutritivi di un cane di taglia grande

Alla nascita, un cucciolo medio peserà tra i 120 e i 550 grammi. La quantità di cibo che dovete fornirgli varia in base alle sue dimensioni. 

A grandi linee, ecco cosa dovete sapere sui nutrienti:

  • Un cane medio deve ricevere una dieta composta da un minimo di 22 grammi di proteine animali e da un massimo di 25 grammi.
  • Per quanto riguarda i grassi, può ingerirne fino a 82,5 grammi al giorno. La quantità media raccomandata è di 13,8 grammi.
  • In quanto alle vitamine e ai minerali, devono essere presenti la vitamina A ed E, il calcio, il fosforo e il potassio.

La Association of American Feed Control Officials (AAFCO) è un’organizzazione che pubblica dei profili nutrizionali regolarmente, indicando i nutrienti che fanno bene agli animali.

radiografia ossea cane

Le conseguenze di uno squilibrio nutrizionale

Il 25% dei consulti veterinari è legato a malattie ortopediche dello sviluppo, come la osteoartrite. In almeno un quarto dei casi, la patologia è dovuta ad una dieta non equilibrata povera di calcio e di altri nutrienti essenziali.

Una sovralimentazione in un cucciolo può essere peggio di una malnutrizione. Anche se per un periodo di tempo il piccolo non riceverà i nutrienti necessari, crescerà poco dopo aver recuperato un equilibrio nella sua dieta.

Se un cucciolo è sovralimentato, aumenterà di peso e crescerà ad un ritmo maggiore di quello consigliato. Ciò provocherà un sovraccarico dello scheletro che può causare le seguenti malattie:

Nel 1974, uno studio ha analizzato 12 coppie di cani di razza Alano, che hanno ricevuto una dieta ricca di proteine, di fosforo e di calorie. In quelli alimentati in questo modo, le malattie citate prima prevalevano.

Alano in mezzo al prato

Comparati ai cani di taglia grande ai quali è stata fornita una dieta non equilibrata, quelli che ne hanno ricevuta una equilibrata hanno mostrato molte meno patologie associate ad una crescita eccessiva. La displasia dell’anca era una delle più comuni negli animali sovralimentati.

Agli adulti, una sovralimentazione causa una serie di problemi. Il deterioramento delle articolazioni sembra essere uno dei sintomi più frequenti.

Ricordatevi che ad una dieta equilibrata va associato l’esercizio fisico giornaliero relazionato al dispendio energetico della razza in questione, poiché potrebbero nascere dei disturbi relazionati ad uno stile di vita sedentario.