Come allevare un cucciolo dentro casa

28 Aprile 2018

Una delle preoccupazioni più comuni, quando si adotta un cucciolo è che, a causa della sua fragile salute, non potrà ancora uscire di casa. Molte persone non sanno come gestire un giovane cane che deve trascorrere tutta la giornata dentro le mura domestiche. In questo articolo vi indicheremo i passi da seguire per sfruttare questo tempo in modo che il vostro cucciolo possa imparare e fare molte cose. Dalla socializzazione a ubbidire ai comandi più semplici o dove e quando fare i proprio bisogni.

Calendario delle vaccinazioni e tempi di socializzazione

I cuccioli vengono generalmente adottati tra le otto e le nove settimane di vita, perché sono più indipendenti dalle loro madri e, anche se molti sono ancora nella fase di allattamento, mangiano anche altri tipi di cibo. Ovviamente però, non sono ancora pronti per uscire perché non hanno completato il loro programma di vaccinazione.

Dipende da ciascun veterinario e dai regolamenti del paese, ma solitamente l’ultimo vaccino, indispensabile per poter uscire in strada, viene applicato dopo le 12 settimane. E’ possibile, quindi, che dobbiate passare un mese intero con il cucciolo tutto il giorno dentro casa.

D’altra parte, questo giovane animale si trova nel miglior momento per poter apprendere. Stiamo parlando di un periodo critico per la sua socializzazione. Infatti, avrete la grande opportunità di insegnargli a relazionarsi con il suo ambiente, con le persone e altri cani. Questa fase, all’incirca, interessa il periodo che va dalle 3 alle 14 settimane.

un cucciolo di beagle corre in casa

Pertanto, potrete e dovrete insegnare al cucciolo a comportarsi in modo corretto, in modo che quando arriverà il momento, dimostrerà di avere un atteggiamento equilibrato e solido. Vediamo come farlo:

Preparate il cucciolo per uscire a spasso

Non può ancora uscire, ma ciò non significa che non possa indossare il guinzaglio o il collare. E’ sempre meglio evitare di fare tutto di colpo. Abituare il vostro piccolo amico a camminare legato accanto a voi, prima dentro casa, vi permetterà di evitare molti problemi.

Per iniziare, mettegli collare e guinzaglio per alcuni minuti al giorno, mano mano aumentando sempre il tempo. Poi incoraggiatelo a fare determinate cose, come giocare o mangiare, in modo che associ l’uso dell’imbragatura con qualcosa di assolutamente normale. In tal modo, eviterete che si ecciti ogni volta che gli mettete il guinzaglio, perché sa che lo porterete a spasso. Inoltre, non collegherà il fatto di rimanere legato a un concetto negativo di punizione.

piccolo cagnolino al guinzaglio della padrona

Questo passo è fondamentale nella vita di un cucciolo. Portarlo a spasso senza aver prima “allenato” l’animale all’uso del guinzaglio può provacare dei problemi. Già dentro casa, noterete che il piccolo cane tenderà a tirare con forza. Vostro compito è proprio insegnargli a camminare con calma, accanto a voi, senza dare strattoni.

Come insegnare al cucciolo i comandi di base

Dato che il suo cervello, come quello dei bambini, è una spugna, questo periodo è perfetto per insegnargli alcuni comandi di base. Armatevi di pazienza: serviranno alcune ripetizioni per fargli capire gli ordini. Anche se il più comune è insegnargli a sedersi o sdraiarsi, i più utili, quando lo porterete a spasso, saranno due: “Vieni qui” per farlo tornare e “Molla” per lasciare ciò che ha in bocca.

cuccioli nella cuccia

Ricordate che il suo corpo è ancora molto giovane e con appena poche ripetizioni potrebbe facilmente stancarsi. Usate sempre il rinforzo positivo: è un sistema che premia l’animale ogni volta che fa ciò che gli chiedete. Offrire uno snack, un giocattolo o delle coccole, vi permetterà di accelerare il processo di apprendimento e associare l’addestramento a qualcosa di positivo e divertente.

Offritegli nuovi stimoli

Se avete un cucciolo che non può ancora uscire di casa per scoprire e annusare il mondo, ebbene potreste essere voi a portare il mondo in casa. Invitare amici, persone nuove (magari con altri animali) è il modo migliore per offrire nuovi stimoli al vostro piccolo cagnolino.

È un buon momento per fare un paio di chiamate e convincere i nonni o i nipoti a farvi visita. Far conoscere persone di diverse età al vostro cucciolo, è un processo essenziale per prepararlo a ciò che vedrà in strada.

Nel caso di altri animali, vi suggeriamo di far interagire il vostro con un cane adulto che abbia un carattere equilibrato e di cui abbiate totale fiducia. Dovrà avere i vaccini aggiornati ed essere particolarmente ubbidiente e mansueto. I momenti di contatto e comunicazione tra cani sono molto diversi da quelli tra persone ed è giusto che i cuccioli socializzino presto con i loro simili.

padrona gioca con il suo cucciolo in casa

In seguito, potreste presentargli anche gatti, uccelli o altri animali. Abituate il cucciolo ai rumori tipici della città, suoni e musica di diverso tipo. Anche se è ancora troppo giovane per poter stare da solo a casa, abituatelo a rimanere in una stanza diversa dalla vostra, in modo che impari ad essere un minimo indipendente.

Ricordate che tutti questi stimoli, persone, animali, suoni, dovranno essere forniti in modo graduale. Iniziate con poca intensità o poco tempo. Fatelo riposare tra uno stimolo e l’altro. E, se a un certo punto appare stanco e vuole andarsene, lasciatelo fare. Questo apprendimento deve essere positivo, non forzato né violento.

Le prime passeggiate

Quando avrete terminato con le vaccinazioni e il veterinario vi darà l’ok, potrete portare a spasso il cucciolo. Ovviamente, come sempre, un po’ alla volta. La strada è un posto molto diverso da casa, dove ci sono molti nuovi stimoli a cui prestare attenzione.

cane e gatto che giocano

Durante le prime passeggiate è possibile che il cucciolo non si senta sicuro di fare i suoi bisognini e, a volte, non vorrà nemmeno camminare. Dovrete fare dei piccoli giri, di appena una decina di minuti, camminando vicino casa, senza allontanarvi troppo. Non forzatelo mai a fare qualcosa che non vuole e rispettate i suoi limiti.

I cuccioli sono molto intelligenti, curiosi e assai desiderosi di imparare. Se il vostro non può ancora uscire di casa, non perdete tempo e approfittatene per dedicarvi alla sua socializzazione, abituatelo al guinzaglio e fategli conoscere nuovi stimoli. In questo modo, quando finalmente sarà pronto per la strada, l’impatto sarà meno traumatico e l’animale si sentirà più sicuro e sereno.