Allergie nei gatti: come si manifestano?

09 febbraio, 2021
Anche i gatti possono avere delle allergie. Uno dei sintomi più evidenti è il prurito costante.

Le allergie sono delle risposte del sistema immunitario a sostanze che di per sé non provocano dei danni all’organismo. Le allergie più comuni sono al polline, a certi tipi di alimenti, agli acari della polvere, alle muffe, alle punture di insetti, ecc. In questo articolo andremo a scoprire quali sono le allergie più comuni nei gatti e quali sono i principali sintomi che mostrano.

Le allergie possono manifestarsi a qualsiasi età. La genetica e l’ambiente in cui si vive giocano un ruolo importante nello sviluppo delle allergie.

Allergie alimentari nei gatti

In genere, le allergie alimentari nei gatti sono determinate da alcune proteine presenti nella carne, nel pesce o nei latticini. Per rilevare un’allergia alimentare, esistono dei test che ci può fornire il nostro veterinario. Si può anche far seguire al gatto una dieta particolare per individuare quale alimento gli fa male ed eliminarlo dalla sua alimentazione.

I sintomi delle allergie alimentari nei gatti sono spesso associati a problemi alla pelle (prurito o arrossamenti) o problemi intestinali (vomito o diarrea).

Gratto che si gratta il collo perché ha un'allergia.

Allergie nei gatti: i problemi alla pelle

I problemi alla pelle dei gatti possono essere dovuti a parassiti (acari, pulci, zecche), infezioni, funghi, malattie della pelle o, appunto, allergie. Il prurito è il sintomo più comune. Il gatto può procurarsi delle ferite grattandosi costantemente per alleviare il prurito che sente. Altri sintomi di allergie alla pelle sono:

  • Rossore della pelle.
  • Pelle secca o squamosa.
  • Aree di pelle senza pelo. La caduta dei peli, dovuta al leccare eccessivo da parte del gatto, è una delle allergie cutanee più comuni causate principalmente dal prurito insopportabile che prova l’animale.
  • Lesioni della pelle. Le ferite e le croste sono altri segnali che ci indicano la presenza di un’allergia che riguarda la pelle o il mantello. L’eccessivo grattarsi può causare al gatto delle ulcere cutanee. In genere, si notano nel viso o nella zona del collo.
  • Pelle infiammata.
  • Starnuti.
  • Tosse.
  • Secrezioni oculari.
  • Secrezioni nasali.
  • Infezioni della pelle. Le allergie nei gatti possono essere causate da infezioni secondarie delle aree in cui la pelle è lesionata.
Gattino che si gratta l'orecchio a causa di un'allergia.

Se osservate uno o più di questi sintomi, vi consigliamo di consultare subito un veterinario. Il vostro gatto potrebbe avere un’allergia, essere stressato o avere una malattia che presenta gli stessi sintomi.

Il complesso granuloma eosinofilo

Il complesso granuloma eosinofilo è un gruppo di lesioni sulla pelle e sulla bocca del gatto causate dalle allergie. Questo “complesso” comprende tre tipi di lesioni: le placche eosinofile, l’ulcera indolente e il granuloma eosinofilo.

  • Le placche eosinofile sono delle zone di pelle senza peli di colore rosa brillante che si trovano solitamente sull’addome e sulle cosce. In genere, provocano molto prurito.
  • L’ulcera indolente compare sul labbro del gatto e di solito non è dolorosa.
  • Il granuloma eosinofilo è un piccolo rigonfiamento che può apparire sul mento, sul labbro inferiore o sui cuscinetti del gatto.

Come trattare le allergie nei gatti?

Il modo migliore per trattare le allergie nei gatti è rimuovere l’allergene (ciò che causa l’allergia) dall’ambiente in cui vivono. A volte, è impossibile eliminare totalmente la presenza dell’allergene ed alcuni gatti possono avere anche dei problemi respiratori. In questi casi, il veterinario può prescrivere dei farmaci per alleviare i sintomi dell’allergia.

I modi migliori per prevenire le allergie nei gatti è mantenere i luoghi in cui vivono puliti e far seguire loro una dieta alimentare sana. Pulite bene le lettiere, i loro giocattoli, le coperte su cui si riposano e date loro da mangiare del cibo di qualità.

L’asma felina

L’asma felina comprende delle malattie che colpiscono le basse vie respiratorie, dai bronchioli ai polmoni. Si tratta di un processo infiammatorio che ostruisce le vie respiratorie e ostacola il passaggio dell’aria. L’asma felina è causato anche da fattori ambientali come l’inquinamento, il fumo di tabacco, le muffe, gli acari della polvere, ecc.

I gatti siamesi sono una delle razze più colpite da questa malattia. Inoltre, questi gatti sono più propensi ad avere delle allergie.

La tosse è un altro dei sintomi dell’asma felina. Tuttavia, la difficoltà a respirare è il sintomo più evidente di questa malattia.

  • Purina. Alergia en gatos.
  • Hillspet. Sensibilidad alimentaria y cuidado de la piel.
  • Ateuves. Presentaciones clínicas de la alergia felina.