AmStaff: una razza giocherellona ma non adatta ai principianti

14 dicembre, 2020
Gli American staffordshire terrier, meglio noti come Amstaff, sono cani forti e attivi che amano stare all'aria aperta. Ma sono poco adatti ai padroni inesperti, perché richiedono un serio addestramento.

L’amstaff, o american staffordshire terrier, è una razza leale e giocherellona che ama stare con la sua famiglia. Si tratta di cani dalla potente muscolatura che devono essere addestrati correttamente.

Questo cane ha la mascella molto forte, motivo per cui distruggerà tutto quello che gli capiterà tra i denti. Se non viene addestrato, l’amstaff svilupperà abitudini distruttive.

Gli american staffordshire terrier amano gli esercizi di agilità e i circuiti. Ciò nonostante, apprezza molto anche l’affetto famigliare.

Molte volte vengono impiegati come cani da guardia per via delle loro caratteristiche fisiche e la loro reputazione di animali aggressivi. A differenza di quanto si crede, però, se cresciuto con amore e la giusta educazione, raramente l’amstaff mostrerà comportamenti aggressivi innati.

In genere sono cani amichevoli e ideali per le famiglie che sono disposte a educarli. Gli staffordshire condividono molte caratteristiche con l’american pitbull terrier. Come quest’ultimo, per anni l’amstaff è stato usato nei combattimenti illegali.

Storia della razza

Gli american staffordshire terrier sono il risultato dell’unione tra le razze bulldog e terrier. Questa unione è avvenuta diversi secoli fa, quando entrambe le razze giunsero dal Regno Unito al Nuovo Mondo.

Amstaff di colore marrone.

I primi esemplari di questa razza erano noti come staffordshire bull terrier. A quel tempo venivano impiegati come cani da caccia e da lavoro nelle fattorie.

A causa della sua potente e resistente muscolatura, l’amstaff è purtroppo usato come cane da combattimento. Sebbene i combattimenti siano illegali, ancora oggi a molti cani tocca questa dolorosa sorte.

Eppure, l’amstaff non è una razza aggressiva sebbene molte persone pensino il contrario in seguito a questo loro impiego sanguinolento. In realtà, al di là dell’istinto animale proprio di qualsiasi cane, in natura nulla lo predispone alla violenza.

Caratteristiche fisiche dell’amstaff

Un esemplare di amstaff raggiunge all’incirca i 50 centimetri di altezza. Ciò nonostante, le femmine tendono a essere leggermente più piccole dei maschi.

Uno staffordshire adulto pesa tra i 20 e i 30 chilogrammi. Il suo peso è relazionato alla densità ossea e alla sua grande massa muscolare, la quale salta all’occhio.

In generale, gli amstaff godono di ottima salute, ma sono più inclini a soffrire di determinate malattie, alle quali bisognerà prestare le dovute attenzioni.

Questa razza tende a sviluppare patologie cutanee, come allergie da contatto e orticaria causata dagli acari. Oltre a ciò, soffre di infezioni delle vie urinarie con frequenza maggiore rispetto ad altre razze.

Molti staffordshire sviluppano osteoartrite durante la vecchiaia o altre affezioni autoimmuni. Tra i disturbi che colpiscono questi cani nei loro ultimi anni di vita ricordiamo la displasia dell’anca, l’ipotiroidismo e alcune malattie degenerative.

Gli american staffordshire terrier soffrono di alitosi, motivo per cui bisognerà pulirgli i denti almeno una volta alla settimana. In questo modo si eviterà l’accumulo di cibo in bocca.

Due esemplari di american staffordshire terrier.

Carattere

Gli amstaff adorano stare in famiglia. Secondo quanto affermato dagli esperti, questa razza si comporta molto meglio quando le si dedica tempo di qualità in famiglia.

Allo stesso modo, hanno bisogno di fare molto movimento per scaricare le energie. L’esercizio fisico deve essere accompagnato da stimoli mentali. In caso contrario, un amstaff annoiato può rivelarsi distruttivo e disubbidiente.

Si tratta di cani ideali per persone che amano le attività all’aria aperta; non sono dunque indicati per la vita in appartamento. Se vivono in un luogo chiuso, hanno bisogno tutti i giorni di almeno tre ore di intenso esercizio fisico.

A causa della loro forza, gli american staffordshire terrier hanno bisogno di un addestratore assertivo che sappia infondere fiducia. Sin da cuccioli questi cani hanno bisogno di socializzare con i loro simili.

Sebbene siano socievoli con gli umani, molti esemplari non sanno comportarsi in presenza di altri animali. Questo a volte è conseguenza di una scorretta socializzazione. Alcuni, per esempio, abbaiano di continuo quando sono agitati.

L’amstaff in famiglia

Gli american staffordshire terrier sono ottimi animali da compagnia per una famiglia. Ciò nonostante, si consiglia di adottare questa razza dopo che i bambini abbiano compiuto il sesto anno di vita.

Si tratta di una razza molto forte e ciò si traduce in compagni di giochi molto bruschi. Per di più, i più piccoli amano stuzzicare e mettere le loro piccole dita ovunque.

Sebbene il cane non voglia ferire intenzionalmente i bambini, potrebbe reagire male se gli viene messo un dito dentro l’orecchio.

È molto importante insegnargli a stare vicino ai bambini. Allo stesso modo, è vitale educare i bambini affinché siano gentili ed educati con qualsiasi animale. I genitori, dal canto loro, devono essere sempre presenti e vigili.

  • Olby, N., Blot, S., Thibaud, J. L., Phillips, J., O’Brien, D. P., Burr, J., … & Breen, M. (2004). Cerebellar cortical degeneration in adult American Staffordshire Terriers. Journal of veterinary internal medicine. Volumen 18, Numero 2. Pp. 201-208.
  • Lockwood, R., & Rindy, K. (1987). Are “pit bulls” different? An analysis of the pit bull terrier controversy. Anthrozoös. Volumen 1, Numero 1. pp. 2-8.
  • Pérez-Guisado, J., Muñoz-Serrano, A., & López-Rodríguez, R. Perros peligrosos, la agresividad por dominancia (parte2): factores asociados dependientes del perro (Dangerous dogs, dominance aggression (part 2): factors that depend on the dog).
  • Corbacho, J. M. R. (1996). Los animales como posibles sujetos de derecho penal. Algunas referencias sobre los artículos 631 (suelta de animales feroces o dañinos) y 632 (malos tratos crueles) del Código Penal español.