Anatomia del levriero: il segreto della sua velocità

· 6 aprile 2018

Il levriero è noto per essere uno dei cani più veloci che esistano. Molte persone si chiedono perché sia ​​così. Alcuni affermano che il suo uso nella caccia ha migliorato questa capacità, ma la verità è che la risposta a questa domanda si basa sull’anatomia di questo splendido essere vivente. Volete saperne di più? Continuate a leggere!

Anatomia del levriero: perché corre così veloce?

A prima vista è possibile notare le sue zampe affusolate e lunghe, da maratoneta olimpionico, il suo peso ridotto e il suo corpo lungo e snello. Questi elementi del fisico sarebbero già sufficienti motivi per spiegare come mai i levrieri possono correre più velocemente di altre razze. Ma andiamo ad analizzare alcuni dettagli interessanti, più in profondità.

Il corpo del Levriero

Il peso del suo corpo non è l’unica ragione per cui i Greyhound sono così follemente veloci. Soprattutto è a causa della sua fisionomia. La sua intera struttura fisica possiede una forma aerodinamica, e la razza sembra essere stata creata per fendere l’aria e raggiungere grandi velocità.

La sua piccola testa allungata e i suoi arti lunghi, sottili ma forti, aggiungono altri fattori positivi che permettono di raggiungere velocità impensabili per altri cani.

un levriero grigio corre su di un prato

Il cuore dei Levrieri

Il cuore del levriero è più grande di quello di qualsiasi altra razza, un record che risalta maggiormente agli occhi se lo si considera in proporzione a quello di un essere umano. Che vantaggio trae, questo animale, dall’avere un cuore così grande? Molto semplice: esso può battere molte più volte e molto più velocemente rispetto a quello di un altro cane, dunque offre una resistenza maggiore e un pompaggio più veloce nel sistema arterioso.

Uno dei motivi per cui la velocità di un essere vivente diminuisce, è la fatica. Questa, deriva dalla difficoltà di pompare sufficiente sangue alla velocità richiesta dallo sforzo. Per farvi capire, il levriero non ha questo tipo di problema, avendo un cuore di dimensioni superiori.

Il suo sangue

Poiché il cuore è più grande del normale, il levriero ha una maggiore quantità di sangue da pompare in questo organo vitale, che lo rende in grado di bruciare una maggiore quantità di ossigeno. In questo modo, la sua resistenza durante le competizioni, è maggiore.

Le sue zampe

Le sue zampe, anche se sottili, sono molto forti e lunghe, il che gli consente di prendere una grande spinta in gara. Se vedete un levriero che spinge sulle sue gambe, noterete che la sua posizione è simile a quella di un canguro, perché la lunghezza delle sue estremità consente di sfruttare al massimo la spinta del treno anteriore e posteriore, aumentando la forza motrice dell’animale.

un piccolo levriero italiano fermo sul giardino

Questo movimento caratteristico che il levriero fa costantemente, mentre corre, lo aiuta a raggiungere velocità incredibili e anche a mantenere tale ritmo per tutto il tempo che vuole.

La contrazione dei muscoli del Levriero

Nella velocità del levriero influenzano anche il lavoro dei suoi muscoli, perché hanno la capacità di contrarsi in modo potente e veloce. La proporzione della sua testa con il corpo, che è piccola, permette che insieme alla coda e al collo, l’animale possa mantenere il necessario equilibrio nonostante i suoi rapidi movimenti.

La posizione della testa

La sua testa è attaccata al collo ad angolo retto, quindi, con leggeri movimenti, può inclinarla verso il punto che desidera. Il suo centro di gravità cambia solo ruotando leggermente a destra o a sinistra, mostrando una brutale agilità che non è raggiungibile da altri animali. Nemmeno in altri cani da corsa.

La coda dei Levrieri

La coda del levriero, oltre ad aiutare a trovare e mantenere l’equilibrio durante la contrazione rapida dei muscoli, favorisce l’inarcatura della schiena, necessaria per rallentare o accelerare. La lunghezza della coda risulta molto utile, nella realizzazione di questi movimenti.

Come vedete, il fatto che questi cani siano veloci dipende dalla loro forma. L’anatomia del levriero è progettata proprio per permettergli di sfruttare ogni centimetro del corpo, trasformandolo in uno degli esserei viventi più veloci al mondo. Ecco perché per anni è stato usato come cane da caccia e da corsa. Per queste due attività, non esiste razza migliore.