Anoressia nei gatti: tutto quello che c'è da sapere

L'anoressia nei gatti non è di per sé una malattia, ma un segno di altre patologie che possono compromettere seriamente la salute dei felini.
Anoressia nei gatti: tutto quello che c'è da sapere

Ultimo aggiornamento: 06 settembre, 2021

Per quanto incredibile possa sembrare ai tutori, l’anoressia nei gatti esiste ed è un segno di malattia che va curata immediatamente. Anche gli esperti veterinari concordano sul fatto che sia uno dei sintomi più frequenti in questo animale domestico e che abbia origine in varie affezioni.

Va ricordato che i gatti sono animali neofobici, cioè soffrono della fobia del nuovo. Essendo amanti della routine, possono stressarsi quando accade qualcosa di strano e diverso intorno a loro. Pertanto, cose semplici per l’uomo come cambiare il cibo o la sabbia, cambiare il pavimento e l’arrivo di un bambino a casa possono scatenare l’anoressia.

A causa dell’elevata prevalenza di questo segno clinico, in questo articolo vi diremo tutto ciò che dovete sapere al riguardo: cos’è l’anoressia nei gatti, come può influenzare il loro corpo, i sintomi, le cause e il possibile trattamento veterinario che il paziente potrebbe richiedere.

Cos’è l’anoressia nei gatti?

L’anoressia è descritta negli articoli scientifici come un disturbo alimentare (DE) in cui l’essere vivente che ne soffre smette di mangiare. Nel caso dei gatti, si parla di anoressia quando smettono di mangiare o hanno una significativa e persistente perdita di appetito.

Esperti dell’Università Nazionale del Messico (UNAM) spiegano che i gatti non sviluppano l’anoressia durante la notte, ma iniziano a smettere di mangiare a poco a poco fino a quando non ingeriscono più nulla. Pertanto, chiedono ai tutor di essere attenti a questo tipo di comportamento e fornire un’attenzione tempestiva se ritengono che qualcosa non vada prima che sia troppo tardi.

Il 95% delle condizioni che presenta un gatto malato sono in una certa misura legate all’anoressia.

Un gatto steso a terra.

Meccanismo patologico dell’anoressia nei gatti

L’anoressia felina può scatenare la liposi epatica idiopatica felina (LHIF). Secondo la ricerca, questo è uno dei disturbi epatici più comuni nei gatti, il risultato di un eccessivo accumulo epatocellulare di triacilgliceridi.

LHIF è una delle cause di morte più frequenti nei gatti domestici, perché il loro corpo richiede un’alimentazione costante e la condizione lo impedisce. Oltre all’anoressia, lo stress e l’obesità sono fattori associati a questa malattia che devono essere presi in considerazione.

Tipi di anoressia nei gatti

L’anoressia felina stessa si riferisce alla perdita volontaria di appetito, cioè il gatto smette di nutrirsi consapevolmente ma potrebbe farlo fisicamente. Tuttavia, questo non è l’unico motivo per cui un felino smette di mangiare. È qui che si parla di diversi tipi di anoressia nei gatti, tra cui vengono presentati i seguenti:

  • Pseudoanoressia: si verifica quando il gatto ha voglia di mangiare, ma il cibo che gli viene fornito o qualcosa nel suo corpo provoca dolore o disagio durante la deglutizione. Quindi, visto il disagio che produce, preferisce smettere di mangiare.
  • Anoressia psicologica: è quando il gatto smette di mangiare perché l’atto stesso è legato a qualche trauma fisico o psicologico.

Sintomi di anoressia nei gatti

L’anoressia felina è classificata come un segno di malattia e non come una malattia in quanto tale. Per i tutori è importante identificare i sintomi che avvertono della sua presenza, poiché il gatto anoressico deve essere curato in tempo per evitare lo sviluppo di malattie associate. Pertanto, prestate particolare attenzione se il vostro gatto soddisfa uno di questi requisiti:

  • Perdita di peso.
  • Atrofia muscolare o perdita di massa muscolare.
  • Debolezza e stanchezza.
  • Perdita o scarsa qualità del pelo.

Tuttavia, l’animale può presentare altri sintomi associati alla malattia sottostante che produce l’anoressia, come i seguenti:

  • Vomito, rigurgito, ipersalivazione, tosse, febbre e postura estesa della testa e del collo durante la deglutizione quando sono presenti disturbi esofagei e gastrici.
  • Diarrea, vomito e disidratazione in presenza di malattie infiammatorie intestinali.
  • Dolore addominale, disidratazione e debolezza, segni che avvertono di una possibile pancreatite.
  • Ittero o colore giallo delle mucose, letargia e addome disteso in presenza di malattia epatobiliare.
  • Minzione eccessiva e assunzione di acqua a causa di malattie renali.

Cause

Le cause dell’anoressia felina sono molteplici e possono manifestarsi senza distinzione di razza o di età, nonostante vi sia una maggiore prevalenza nei gatti anziani. Questo perché l’usura del loro corpo associata al passare del tempo li porta a sviluppare diverse malattie legate alla mancanza di appetito.

Ecco le cause più comuni di anoressia nei gatti:

  • Disturbo orale: infezioni o qualsiasi tipo di malattia che colpisce le gengive, i denti o i tessuti molli della bocca possono portare il gatto a sviluppare l’anoressia.
  • Condizioni del mangime: il cambio di mangime, la consistenza o l’odore possono far sì che il gatto eviti di consumare il cibo. Controllate che non sia troppo duro e cercate di offrire cibi più appetibili.
  • Calore: quando un gatto va in calore diventa ansioso e può mettere da parte il cibo per concentrarsi sulla sua riproduzione. La sterilizzazione è un modo per evitare stress e ansia per i felini durante questa fase.
  • Stress: i gatti sono neofobici, quindi qualsiasi alterazione della loro routine o delle dinamiche di vita può portarli a stress e soffrire di ansia, portando all’anoressia.
  • Infezioni o parassiti: qualsiasi tipo di infezione o fastidio da parassiti intestinali o extraintestinali può far smettere di mangiare al gatto, in quanto queste malattie lo indeboliscono.
  • Malattia esofagea: in cui si verifica reflusso o presenza di corpi estranei che provocano disagio e dolore durante la deglutizione.
  • Insufficienza renale: malattie intestinali, malattie del fegato o delle vie biliari e malattie del pancreas. Tutte queste condizioni causano dolore e disagio interni.

Diagnosi

Quando il tutor è in grado di monitorare da vicino i comportamenti del gatto, è molto più facile diagnosticare l’anoressia. Il motivo principale di preoccupazione è la mancanza di appetito, quindi ogni volta che si scopre che il gatto mangia poco o smette di mangiare, è necessario consultare il veterinario.

Da parte sua, il professionista cercherà in tutti i modi di stabilire l’origine della mancanza di appetito. Per fare ciò, è possibile eseguire esami fisici, esami del sangue, radiografie, ultrasuoni, citologia e biopsie. Inoltre, redigerà un referto o un’anamnesi con i dati forniti dal tutor e quelli raccolti attraverso le suddette tecniche.

L’anoressia è un sintomo aspecifico di molte malattie. Pertanto, sul gatto devono essere eseguiti molti test diversi.

Trattamento

Il trattamento dell’anoressia nei gatti dipenderà, in larga misura, dalla patologia di origine. In ogni caso, più rapida è la cura e l’attuazione dell’approccio clinico, più rapida sarà la guarigione. Quando il gatto non è più in una condizione grave e viene individuata l’origine della perdita di appetito, il trattamento porta al pronto miglioramento e recupero dell’appetito.

Nei casi più complessi, la gestione comprende l’idratazione per via endovenosa e persino l’alimentazione assistita da sondino nasogastrico, che va dal naso allo stomaco. Si può anche scegliere un tubo esofagostomico, che va dall’esofago allo stomaco attraverso un’incisione nel collo.

Articoli professionali indicano che, in un’alta percentuale, i gatti che necessitano di ricovero soffrono di anoressia, una condizione che può aggravarsi a causa dello stress generato dal ricovero ospedaliero. Il trattamento consiste sempre nel controllare il dolore e nel fornire un’adeguata nutrizione all’animale, che può essere somministrata attraverso le suddette sonde.

Un gatto dal veterinario per la leucemia felina.

Prognosi dell’anoressia nei gatti

L’anoressia nei gatti, così come le malattie sottostanti che la producono o di cui è sintomo, hanno una prognosi migliore se diagnosticata precocemente. Indipendentemente dal tipo di anoressia, il gatto sarà in grado di riprendersi molto più facilmente se riceve un trattamento tempestivo. Non catalogate la mancanza di appetito del vostro gatto come qualcosa di normale e andate dal veterinario il prima possibile.

Potrebbe interessarti ...
I gatti possono mangiare l’ananas?
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
I gatti possono mangiare l’ananas?

I gatti possono mangiare l'ananas. Scoprite con noi le sue proprietà e i benefici che può portare inserendolo nella dieta di un felino.



  • Gasca, A. Guía para el diagnóstico, manejo clínico y terapéutico de pacientes con Lipidosis Hepática Idiopática Felina. Corporación Universitaria Lasallista. 2020.
  • La anorexia en gatos, síntoma frecuente de enfermedad. Boletín Universidad Nacional de México (UNAM). 2018.
  • Fuertes, J., Pérez, R., Hernández, A. Trastornos de la conducta alimentaria. Anorexia y bulimia. Offarm. Vol. 29, 2010.
  • Manejo de la anorexia en el gato hospitalizado. Nutrición enteral por sonda nasoesofágica. Gattos centro Clínico Felino.