Avvelenamento nei cani: come agire?

L'avvelenamento nei cani è un rischio costante se si considera il comportamento curioso di questi animali domestici. Scoprite quali sono i primi passi da seguire nel caso in cui il vostro cane subisca un avvelenamento accidentale. Inoltre, vi mostriamo alcune precauzioni che potete prendere per evitare che succeda.
Avvelenamento nei cani: come agire?

Ultimo aggiornamento: 07 settembre, 2022

L’avvelenamento nei cani è una situazione estremamente delicata. Quando un animale domestico subisce un avvelenamento, un’azione tempestiva e appropriata è vitale per un esito positivo. E voi, sapete cosa fare? In questo articolo vi mostreremo in modo semplice come dovremmo agire.

Semplici passaggi che possono aiutare a salvare la vita di un animale domestico

Di fronte all’avvelenamento nei cani, gli obiettivi del trattamento sono due. Innanzitutto, è necessario neutralizzare la sostanza ingerita per impedire che venga assorbita ulteriormente dal corpo del cane. In secondo luogo, e quando possibile, gli verrà somministrato un antidoto in base a ciò che ha ingerito. I passaggi da seguire in questa situazione sono dettagliati di seguito.

Ci sono molti segnali del cancro nel cane.

1. Valutazione

La prima cosa è identificare a quale sostanza è stato esposto o ha ingerito il vostro animale domestico. Trovate l’etichetta, i principi attivi e stimate la quantità consumata o a cui è stato esposto.

Portate eventuali altre sostanze velenose fuori dalla portata dell’animale. Quindi procedete a valutare i sintomi che state riscontrando.

Anche se il vostro animale domestico si comporta normalmente, l’esposizione alla sostanza tossica potrebbe non aver ancora iniziato ad avere effetto.

2. Chiedere assistenza telefonica al veterinario

Questo primo soccorso vi consentirà di determinare se l’esposizione può essere considerata tossica e se è necessario un ulteriore trattamento. Tenete presente che nei casi di avvelenamento, in genere viene consigliato di indurre il vomito.

Tuttavia, indurre il vomito può essere controindicato nel caso di alcune sostanze tossiche. Tra queste ci sono idrocarburi, batterie, sostanze corrosive; è controproducente anche nel caso in cui l’intossicazione provochi sintomi neurologici, distress respiratorio, ecc.

Non si consiglia assolutamente di indurre il vomito se il cane è privo di sensi o ha le convulsioni. Per le sostanze tossiche da contatto, spesso è necessario fare il bagno al cane con detersivo liquido per piatti.

3. Non fare nulla di propria iniziativa se non indicato

Molte persone penseranno di stare aiutando il proprio animale domestico facendo ricorso a rimedi casalinghi di cui hanno sentito parlare. Questi di solito includono l’utilizzo di latte, sale, aspirina, ecc.

Le reazioni avverse a questi rimedi a volte possono risultare più gravi dell’avvelenamento stesso. Mantenete la calma e non date nulla al vostro animale domestico se non indicato da un veterinario.

Quali sono i trattamenti possibili se la sostanza è stata ingerita?

Esistono diverse opzioni di trattamento che contribuiscono a rimuovere la sostanza tossica e ad assistere il cane nella riabilitazione. Il trattamento ha anche l’obiettivo di alleviare il dolore e controllare la temperatura corporea. Qui di seguito riassumiamo alcune procedure comuni in caso di avvelenamento nei cani.

  1. Se il cane non riesce a respirare, è necessario stabilire rapidamente un trattamento di emergenza per prevenire il soffocamento.
  2. Se il cuore del vostro animale domestico si è fermato, potrebbe essere necessaria la rianimazione cardio-polmonare (RCP) o il massaggio cardiaco per ripristinare una cadenza dei battiti corretta.
  3. Il ricorso a clisteri e carbone attivo è indicato per aiutare a prevenire un ulteriore assorbimento della sostanza nel corpo. Inoltre, si può utilizzare alcuni oli per uso esterno per prevenire l’assorbimento nella pelle mentre la sostanza attraversa il corpo.
  4. Il veterinario può anche scegliere di optare per una lavanda gastrica. Usando un tubo che viene inserito nello stomaco e riempito d’acqua per lavarlo, la sostanza verrà rimossa direttamente dallo stomaco. Può inoltre prescrivere farmaci diuretici per fare sì che la sostanza venga eliminata più facilmente attraverso l’urina.
  5. In caso di condizioni gravi, si consiglia di filtrare i reni con una macchina per dialisi per rimuovere la sostanza dal sangue e dai reni del cane.

In seguito al trattamento per avvelenamento nei cani, non resta che tenere il vostro cane sotto osservazione per controllarne la progressione. Dopo il trattamento, il veterinario continuerà a monitorare il vostro animale domestico per determinare se le sue condizioni stanno migliorando o peggiorando. Verrà consigliata la fluidoterapia nel caso in cui ci sia bisogno di mantenere idratato il vostro animale domestico.

Come prevenire l’avvelenamento nei cani?

Un cane malato dal veterinario.

Il miglior metodo di prevenzione è tenere tutte le sostanze nocive fuori dalla portata del cane. Dovreste farlo sia all’interno della casa che nei suoi dintorni.

Se mai doveste trovarvi ad affrontare l’avvelenamento del vostro cane, mantenete la calma e cercate di farla mantenere anche al vostro animale domestico. Ricordate che il vostro peloso avrà maggiori possibilità di sopravvivenza se agite immediatamente.

Potrebbe interessarti ...
Piante velenose per gli animali: ecco quali sono
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Piante velenose per gli animali: ecco quali sono

Esistono delle incompatibilità tra alcune piante domestiche e gli animali. Per questo, è utile conoscere il nome delle piante velenose per i nostri...



  • Daza, M., & Ayuso, E. (2004). Intoxicaciones más frecuentes en pequeños animales. Clínica veterinaria de pequeños animales, 24(4), 0231-239.
  • Salvago, M. R. M., López, A. M. M., Benítez, A. J. L., Moya, P. J. R., Fernández-Palacios, R., & Sillero, L. N. C. (2009). Intoxicación aguda en perro por toxinas de sapo (Bufo bufo). REDVET. Revista Electrónica de Veterinaria, 10(4), 1-5.
  • Navas, I., Motas-Guzmán, M., María-Mojica, P., Romero, D., & García-Fernández, A. J. (1998). Intoxicaciones accidentales e intencionadas en perros y gatos en el Sudeste de España (1994-1996). Revista de Toxicología, 15, 110-113.