Axolotl: scoprite di che animale si tratta

28 Maggio 2019
L'axolotl è un tipo di salamandra, tuttavia, a differenza di queste ultime, non va incontro a metamorfosi e rimane nello stadio larvale (branchie comprese) per tutta la vita.

L’axolotl può essere di diversi colori: nero, grigio, oro, albino, bianco con occhi neri e molto altro ancora. Sono relativamente facili da accudire, ma vivono tutta la loro vita in acqua. Quindi è necessario fornire loro un acquario mantenuto alla giusta temperatura.

Gli axolotl sono endemici del Lago Xochimilco in Messico, dove sono considerati in pericolo critico di estiznione. Fortunatamente, questa specie si riproduce facilmente in cattività. Inoltre è soggetto di ricerche per la sua capacità unica di rigenerarsi.

Comportamento dell’axolotl

L’axolotl è un animale relativamente resistente. Spesso sono animali domestici, tuttavia, queste creature dovrebbero essere considerate come animali da esposizione. Infatti, non possono interagire con i loro proprietari al di fuori dell’acquario.

Sono anfibi delicati, con un corpo molle e una pelle permeabile. Gli axolotl non devono essere manipolati se non assolutamente necessario. Non sono animali particolarmente sociali e non traggono beneficio dall’avere un compagno di giochi.

Prendersi cura di un axolotl

L’axolotl può essere molto più grande di una salamandra, quindi è raccomandato un acquario da 70 a 90 litri. Anche se questo non deve essere pieno fino all’orlo: l’acqua deve essere appena più profonda della lunghezza totale dell’animale.

axolotl rosa

L’acquario deve essere posizionato in una stanza fresca, lontano dalla luce solare intensa. La temperatura dell’acqua dovrebbe essere compresa tra 14º C e 20º C.

Per gli axolotl non è richiesta un’illuminazione molto intensa, a differenza dei rettili. Infatti, è meglio offrire loro un luogo nell’acquario in cui possono evitare la luce, come per esempio un castello.

Se si utilizza ghiaia sul fondale dell’acquario, questa dovrebbe essere ghiaia grossolana. La ghiaia fine può essere ingerita quando l’animale si nutre e causare delle ostruzioni.

Alcuni proprietari scelgono semplicemente di lasciare vuoto il fondo dell’acquario. Tuttavia, altri ritengono che questo non sia un accorgimento adeguato per l’axolotl, in quanto l’animale non può avere un punto d’appoggio sul fondo dell’acquario.

Usa un filtro appropriato

La maggior parte dei proprietari troverà l’uso di un acquario con filtro più facile da gestire rispetto a uno non filtrato. L’acqua non filtrata deve essere cambiata frequentemente.

Tuttavia, se si sceglie di usare un filtro, la velocità di filtraggio deve essere piuttosto lenta e si dovrebbero evitare filtri potenti che creano correnti eccessive. Inoltre, assicuratevi che le maglie del filtro non siano abbastanza larghe da aspirare le branchie dell’axolotl.

Se si dispone di un acquario con filtro, la pulizia consisterà nell’usare un sifone per aspirare il fondo dell’acquario e basterà un cambio d’acqua del 20% con cadenza settimanalmente.

Se non si utilizza un filtro, si dovrà effettuare un cambio d’ acqua del 20% ogni giorno o ogni altro giorno. Non apportare mai un cambio completo dell’acqua. Questo crea un cambio chimico troppo drastico per il vostro axolotl.

anfibio in acqua

L’acqua del rubinetto, solitamente, contiene cloro, usato per il trattamento delle acque. Per eliminarlo esistono delle soluzioni disponibili in commercio. Non usate mai acqua distillata e assicuratevi che il pH rimanga tra 6.5 e 7.5 (neutro).

Cibo e acqua

In natura, gli axolotl si nutrono di lumache, vermi, crostacei, piccoli pesci e piccoli anfibi. In cattività, possono nutrirsi di una varietà di gamberi di Artemia, piccole strisce di manzo o fegato, lombrichi e altri alimenti surgelati appositi per pesci.

Il cibo non mangiato deve essere rimosso giornalmente dall’acquario per mantenerlo pulito.

Problemi di salute comuni

In alcune circostanze, l’axolotl può mutare in una forma terrestre. Si tratta di un evento stressante per l’animale e che non si verifica frequentemente. Le condizioni di questa cambiamento in natura non sono ben note.

Sappiamo che la metamorfosi può essere indotta da cambiamenti nelle caratteristiche dell’acqua o con l’utilizzo di ormone tiroideo.

Naturalmente, la forma terrestre dell’axolotl ha una serie di necessità diverse. Tuttavia, non è consigliabile di indurre la metamorfosi, poiché ciò può essere uno stress notevole per l’axolotl e ridurre significativamente la durata della sua vita.

Gli axolotl spesso mangiano ghiaia o parte del fondale e sono spesso soggetti a ostruzione gastrointestinale e ingestione di corpi estranei. Le ostruzioni intestinali sono una causa comune di morte. La ghiaia e gli altri oggetti nell’acquario devono essere di dimensioni adeguate.

http://www.axolotl.org/