Botulismo nei cani: caratteristiche, cause e trattamento

Il botulismo nei cani è un'intossicazione alimentare che causa una serie di sintomi motori molto gravi e preoccupanti. Fortunatamente, la maggior parte dei cani guarisce grazie ad un trattamento tempestivo e adeguato.
Botulismo nei cani: caratteristiche, cause e trattamento

Ultimo aggiornamento: 27 luglio, 2021

Il botulismo nei cani è un tipo di avvelenamento causato dal batterio Clostridium botulinum. Questo patogeno può colpire vari vertebrati – compreso l’uomo – ma nei cani si trasmette quasi sempre per ingestione di animali morti o per consumo di carne cruda infetta.

Questa condizione è rara nei cani, ma ha causato perdite economiche significative nel settore avicolo durante le epidemie, e nell’uomo il suo tasso di mortalità è del 10%. Se volete imparare a rilevare questo tipo di intossicazione alimentare nei cani, siete nel posto giusto.

Cos’è il botulismo nei cani?

Prima di tutto, bisogna chiarire che il botulismo è un avvelenamento, e non una infezione. Il quadro clinico si sviluppa dall’ingestione della tossina sintetizzata dalle spore batteriche del Clostridium botulinum, non dal consumo del patogeno stesso. Sebbene in alcuni casi i batteri vengano ingeriti e producano la tossina nell’intestino, non è un evento comune.

Quando i cani mangiano carne morta e contaminata, la tossina viene assorbita dall’intestino ed entra nel flusso sanguigno. Il composto nocivo viaggia per via sistemica e si attacca alle terminazioni nervose negli animali, generando una serie di sintomi caratteristici.

Questo tipo di intossicazione alimentare è stata rilevata anche nella nostra specie e in anatre, fagiani, polli, visoni, mucche e cavalli, tra gli altri animali. Esistono 7 tipi di Clostridium botulinum, da A a G: A, B ed E sono clinicamente significativi nelle persone, mentre la maggior parte dei mammiferi e degli uccelli sono infettati da C1, inclusi i cani.

Un batterio botulinico.

Meccanismo patologico

Nell’esplorare l’eziologia di questa condizione, riteniamo di forte interesse spiegare brevemente le particolarità del composto che ci riguarda. Come indicano studi scientifici, la tossina botulinica (BoNT) è la tossina naturale più potente e dannosa scoperta fino ad oggi.

Clinicamente, questa proteina tossica si lega irreversibilmente alle terminazioni nervose presinaptiche. Ciò provoca il blocco del rilascio di acetilcolina, un neurotrasmettitore che modula la trasmissione nervosa nei cani e in altri animali. Di conseguenza, si verifica una denervazione totale e temporanea e i muscoli dell’animale smettono di rispondere.

Botulismo nei cani: sintomi

I sintomi del botulismo nei cani sono una diretta conseguenza della paralisi muscolare causata dalla tossina ingerita. Tra gli effetti sistemici più importanti, possiamo evidenziare i seguenti:

  • Diarrea e vomito.
  • Eccessiva produzione di saliva (ipersalivazione).
  • Dolore addominale.
  • Debolezza in rapido peggioramento.
  • Paralisi che inizia negli arti posteriori, per poi diffondersi al resto del corpo.
  • Problemi alla vista.
  • Difficoltà a mordere e deglutire.
  • Diminuzione della frequenza cardiaca.
  • Gravi problemi di respirazione.

I sintomi possono comparire da ore a giorni dopo l’ingestione della tossina, come indicato dal portale degli ospedali VCA. La gravità della condizione dipenderà dalla quantità di tossina botulinica ingerita. Solitamente prima compare la paralisi, peggiore è la prognosi.

I sintomi possono comparire fino a 6 giorni dopo aver mangiato carne marcia.

Cause

Come abbiamo detto, questa condizione è un avvelenamento, non un’infezione. Pertanto, non è necessario che il cane consumi i batteri: è sufficiente che ingerisca una quantità minima di tossina botulinica perché la sua condizione sia clinicamente significativa.

Clostridium botulinum è un batterio del suolo. Inoltre, le sue spore resistenti possono sopravvivere a lungo in ambienti umidi e sono microrganismi molto difficili da uccidere. Questa specie batterica è distribuita in tutto il mondo e si può presumere che cresca praticamente su qualsiasi superficie alimentare, sia essa animale o vegetale.

Nel caso dei canidi, il contatto più comune tra i batteri e l’animale si verifica dopo il consumo di carne cruda, soprattutto se in decomposizione nell’ambiente naturale. Occorre prestare particolare attenzione se il cane caccia o uccide uccelli selvatici, poiché il botulismo è molto più comune nelle anatre che in altri animali.

Diagnosi

Questa condizione è molto rara nei cani, ma nei casi in cui è stata rilevata, si è scoperto che i tipi C1 e D di Clostridium botulinum sono le cause più comuni. Se notate uno dei sintomi di cui sopra da 12 a 36 ore dopo che il vostro cane ha ingerito carne cruda e non trattata, correte dal veterinario.

Il professionista sospetterà il botulismo se descrivete una paralisi motoria ad insorgenza rapida nell’animale. Tuttavia, questa patologia può essere confusa con molte altre – consumo di veleno, infezione del sistema nervoso centrale (SNC), lesioni spinali e altro – quindi la diagnosi può essere piuttosto complicata.

In questi casi è sempre necessario prelevare campioni di sangue, feci, vomito e urina dell’animale. Lo scopo di questa raccolta è di effettuare test di laboratorio che rilevano la presenza della tossina. Tuttavia, poiché provoca sintomi a livelli estremamente bassi, i test a volte possono essere negativi anche se il cane è infetto.

In alcuni casi, il botulismo nei cani viene diagnosticato solo dopo aver escluso qualsiasi patologia del sistema nervoso.

Trattamento del botulismo nei cani

Se si sospetta che il cane consumi carne infetta prima che compaiano i sintomi, può essere somministrata un’antitossina. Ciò impedisce alla tossina botulinica di aderire alle terminazioni nervose e di impedire le connessioni, quindi può evitare l’intero quadro dei sintomi. Tuttavia, se i segni clinici sono già comparsi, l’antitossina non è di alcuna utilità.

Nel caso in cui la paralisi sia già iniziata, non esiste una cura. L’unica possibile è di supporto: fluidoterapia endovenosa, assistenza respiratoria, cateteri urinari e altri dispositivi che facilitano i bisogni fisiologici del cane. Nel tempo, i sintomi e la paralisi dovrebbero diminuire.

Un cane bianco malato dal veterinario, esempio di neosporosi canina.

Previsione

La maggior parte dei cani riacquista la normalità fisiologica entro 14-24 giorni se riceve cure di emergenza adeguate. In ogni caso, senza ricovero ospedaliero, l’esito più probabile è la morte, sia per paralisi respiratoria che per disfunzione cardiaca.

Se il vostro cane ha mangiato carne cruda nei boschi e sospettate che possa aver ingerito la tossina botulinica, potete recarvi dal veterinario per vedere se è possibile somministrare l’antitossina come misura preventiva. In materia di salute, prevenire è sempre meglio che curare.

Potrebbe interessarti ...
Il cimurro nei cani: cause, sintomi e come curarlo
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Il cimurro nei cani: cause, sintomi e come curarlo

L'unico modo di impedire al cane di contrarre il cimurro è la vaccinazione. L'età indicata per ricevere l'inoculazione è tra le sei e le otto setti...



  • Košenina S, Masuyer G, Zhang S, Dong M, Stenmark P (June 2019). “Crystal structure of the catalytic domain of the Weissella oryzae botulinum‐like toxin”. FEBS Letters. 593 (12): 1403–1410.
  • Botulism in dogs, VCA Hospitals. Recogido a 14 de julio en https://vcahospitals.com/know-your-pet/botulism-in-dogs