Come capire se il vostro cane è sordo?

· 20 gennaio 2018

Il vostro cane non si gira quando lo chiamate? Ultimamente non obbedisce ai vostri comandi? Forse non vi sente bene, infatti la sordità è un problema che riguarda anche i nostri animali domestici. È importante stare attenti ai sintomi che ci permettono di capire se il cane è sordo.  

Questa patologia può essere congenita o prodursi in seguito ad infezioni o traumi. Anche l’età è un fattore importante, a mano a mano che invecchia, il nostro animale domestico può perdere il senso dell’udito.

Comportamenti che possiamo osservare in casa per capire se il cane è sordo

La maggior parte delle volte i problemi di udito nei cani possono passare inosservati. A meno che la mancanza di udito non sia assoluta, sarà difficile renderci conto della situazione. Possiamo realizzare in casa un test di attenzione per capire se il nostro cane presenta problemi di udito.

Test per attirare l’attenzione del proprio animale domestico

Quando il cane non ci sta guardando, possiamo provocare un rumore. Cercheremo di produrre un suono che possa percepire solo con le orecchie, nulla che provochi spostamento d’aria o vibrazioni. Ad esempio, fare rumore con le chiavi o aumentare il volume della radio o della televisione. Se il cane non reagisce, dobbiamo metterci in allerta.

Possiamo aspettare anche che si addormenti e iniziare a chiamarlo a bassa voce aumentando a poco a poco il volume della stessa. Se presenta un certo grado di sordità, risponderà ad un determinato livello di volume; qualora non rispondesse, dobbiamo sospettare che sia sordo.

Cane e comando seduto

Se il cane sente da un orecchio solo, probabilmente risponderà in modo confuso, senza riconoscere bene la direzione del suono. In ogni caso, se si ha il sospetto che il proprio animale sia sordo, è necessario andare dal veterinario.

Tecniche per capire se il cane è sordo 

Possiamo verificare in casa i sospetti che nutriamo sulla sordità del nostro cane. Tuttavia, solo il veterinario dispone degli strumenti per diagnosticare la perdita di udito dell’animale.

A tale scopo, di solito si ricorre al BAER test o di potenziali evocati uditivi, con il quale si valuta l’attività cerebrale del cane in risposta ad una serie di suoni.

L’esame consiste nel collegare degli elettrodi alla testa e alla base delle orecchie dell’animale; si applicano stimoli sotto forma di clic e si misura la sua risposta cerebrale.

Vengono usati anche metodi come la timpanometria che valuta il funzionamento del timpano e dell’orecchio medio. Allo stesso modo, è possibile ricorrere all’esame del riflesso acustico, il quale misura la risposta dell’orecchio in presenza di suoni forti.

Il test con le otoemissioni acustiche è un’altra tecnica per diagnosticare se il cane è affetto da sordità. Consiste nello stimolare le cellule ciliate dell’orecchio con un suono e valutare la risposta dell’animale.

Con questi metodi si può verificare il livello di sordità del cane: se è totale (il cane non sente assolutamente nulla), unilaterale (sente solo da un orecchio) o presenta un certo livello di perdita dell’udito.

Sintomi della sordità del cane 

Alcuni sintomi possono essere utili per capire se il nostro cane ha un problema di udito:

  • Se non si sveglia con suoni forti.
  • Se non risponde a suoni con i quali ha sempre reagito: il campanello, le chiavi che indicano l’ora della passeggiata, etc.
  • Se non accorre quando lo chiamiamo per nome o se ignora i comandi abituali.

Sono segnali che ci avvisano di un problema uditivo del nostro animale.

Sordità nei cuccioli

Anche nei cuccioli è possibile osservare alcune condotte che possono indicarci che sono affetti da sordità. Un cucciolo che morde con forza gli altri forse non sente e non si accorge di fargli male. Anche il fatto che il piccolo si sveglia solo con il movimento della madre o dei suoi fratellini può indicarci possibili problemi di udito.

Bambino con cane sordo

Deve essere estremamente chiaro, però, che un cane affetto da sordità, parziale o totale, è un cane del tutto normale. Non dobbiamo preoccuparci per questo, infatti il nostro amico a quattro zampe sarà altrettanto allegro, giocherellone, affettuoso e leale.

Se adottiamo un cucciolo a cui è stata diagnosticata la sordità, non dobbiamo aspettarci che cresca in modo diverso. Semplicemente non sente.

Infine, non bisogna dare retta ai miti o alle dicerie che abbiamo sempre sentito su cani di cattivo umore e aggressivi perché sordi.