Che cos'è la riproduzione alternata negli animali?

La riproduzione alternata non è tipica solo delle piante, ma anche alcuni animali sfruttano questa strategia. Ecco di che si tratta.
Che cos'è la riproduzione alternata negli animali?

Ultimo aggiornamento: 08 giugno, 2021

I meccanismi di riproduzione sono generalmente orientati verso un fine specifico, come la produzione di una numerosa prole o la diversità genetica, ma ci sono altri modi che combinano i vantaggi di varie strategie. Questo è il caso della riproduzione alternata.

Sebbene questo adattamento riproduttivo sia più comune nelle piante, ci sono alcuni animali che lo praticano. In questo articolo, puoi imparare come funziona questo tipo di riproduzione e quali vantaggi offre rispetto a quello sessuale e asessuale. Non perderlo.

Che cos’è il gioco alternato?

La riproduzione alternata è una strategia che consiste in 2 fasi, una sessuale e l’altra asessuata, che si alternano successivamente. Nelle piante senza fiori, dove questa strategia è più comune, le fasi sono le seguenti:

  • Fase sporofita : la pianta produce spore che danno origine ad altre geneticamente identiche all’originale.
  • Fase gametofita: in questa fase la pianta produce gameti femminili e maschili, che si uniranno a quelli di altre piante, per creare diversità genetica ed evitare consanguineità e omozigosi. In altre parole, la riproduzione sessuale impedisce a tutti gli individui di una specie di essere “uguali”.

Vantaggi della riproduzione alternata negli animali

Nel caso di animali con questa strategia si verifica anche la fase sessuale e asessuale, ma assume forme diverse a seconda della specie. L’obiettivo finale è massimizzare la prole e ridurre al minimo i costi di riproduzione.

In questo modo, con la riproduzione asessuata, gli animali si assicurano di produrre un gran numero di prole. Nel frattempo, con la fase asessuale mantengono la diversità genetica necessaria per la sopravvivenza della specie. Nelle righe seguenti potrete leggere delle specie animali che praticano questa strategia riproduttiva.

Esempi di riproduzione alternata negli animali

La riproduzione alternata può essere osservata principalmente negli invertebrati. Sebbene all’inizio sia difficile da immaginare, gli esempi che hai di seguito sono specie che hai sicuramente incontrato in qualche momento della tua vita quotidiana.

Riproduzione di formiche e api

Sia le api che le formiche hanno una regina che, attraverso la riproduzione sessuale, è responsabile della generazione di nuovi membri per la colonia, all’inizio della formazione del formicaio o dell’alveare. Durante questa fase, tutte le figlie della regina saranno il risultato della miscelazione dello sperma maschile immagazzinato e dei geni della femmina.

Ad un certo punto della vita della colonia, quando sarà matura e funzionante, la regina deporrà uova non fecondate, dalle quali si schiuderanno i maschi per un nuovo ciclo di riproduzione sessuale. Questa è la fase asessuata della riproduzione delle api e delle formiche, poiché questi maschi nascono per partenogenesi della regina.

Le formiche maschi hanno la metà delle informazioni genetiche (aploidi) delle regine e delle operaie (diploidi).

Formiche d'argento sub-sahariana.

Riproduzione di meduse

La maggior parte degli cnidari o meduse attraversa un ciclo vitale che riunisce i 2 tipi di riproduzione. L’alternanza è la seguente:

  • Medusa adulta: La medusa a vita libera si riproduce sessualmente con altri individui della sua specie e produce uova.
  • Larva: da queste uova nascerà un numero variabile di larve, che subiranno una metamorfosi per diventare un polipo.
  • Fase del polipo: in questa fase vitale, i polipi si frammentano per moltiplicarsi. Ogni polipo generato dalla riproduzione asessuata darà origine ad una medusa adulta, riavviando così il ciclo.
Il tipico ciclo di vita delle meduse.

Crostacei a riproduzione alternata

I crostacei del genere Daphnia, detti anche pulci d’acqua – anche se non hanno nulla a che fare con gli insetti – si riproducono sessualmente, per allevare solo femmine in condizioni ambientali favorevoli. Tuttavia, in ambienti difficili – come un’improvvisa ondata di freddo – queste femmine si riproducono per partenogenesi.

Questa riproduzione alternata che si adatta ai cambiamenti improvvisi dell’ambiente è particolarmente ottimale, poiché da questa partenogenesi nasceranno solo maschi. In questo modo le popolazioni assicurano la sopravvivenza della specie, poiché il numero dei maschi non sarà mai superiore a quello delle femmine.

Una dafnia su sfondo blu. Questi crostacei seguono una riproduzione alternata.

Altri insetti a riproduzione alternata

C’è un insetto chiamato fillossera ( Phylloxera vitifoliae ) che parassita la vite. Nella loro fase sessuale, maschi e femmine si accoppiano in modo che la femmina deponga un solo uovo, che si schiude in estate per dare origine alle sole femmine. Queste femmine deporranno le uova attraverso la partenogenesi, che darà origine ad altre femmine.

Un insetto della vite con riproduzione alternata.

Qual è la fase dominante?

La fase sessuale di questi cicli è solitamente quella dominante per un semplice motivo. Come hanno spiegato gli studi, la presenza di un cromosoma paterno e di uno materno nel genoma della prole che derivano dalla riproduzione sessuale impedisce la manifestazione di mutazioni deleterie.

Se un animale ha una coppia di cromosomi di ogni tipo invece di uno solo, è possibile che, se uno di essi è disfunzionale, l’altro possa compensare la mancanza. Al contrario, poiché le fasi asessuali sono copie esatte della madre, è più probabile che patologie o mutazioni negative si manifestino in un’intera generazione.

Una doppia elica bianca del DNA.

Se ci sono prove che tutti gli esseri viventi provengono dallo stesso luogo, questi sono esemplificati da processi come la riproduzione alternata. Al momento attuale può sembrare che gli animali abbiano processi biologici simili a quelli delle piante, ma in realtà è che non sono mai stati completamente separati.



  • Granett, J., Walker, M. A., Kocsis, L., & Omer, A. D. (2001). Biology and management of grape phylloxera. Annual review of entomology46(1), 387-412.
  • Galván, E. I. N. (2020). Reproducción en medusas comunes (escifozoos). Recursos Naturales y Sociedad.
  • Huertas Rodríguez, C. K., & Arrieta Violeta, L. (2015). Taxonomic Revision of the Subgenus Daphnia and Hyalodaphnia (Daphnia genus) using Molecular Markers and Barcodes (COI). Ciencia en Desarrollo6(1), 77-86.http://www.scielo.org.co/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0121-74882015000100010