Chiudono una strada per proteggere il leone marino della Nuova Zelanda

Quando c'è la volontà, un'intera città può unirsi per prendersi cura degli animali con cui convive.
Chiudono una strada per proteggere il leone marino della Nuova Zelanda
Ana Díaz Maqueda

Scritto e verificato da il biologo Ana Díaz Maqueda.

Ultimo aggiornamento: 30 ottobre, 2022

Senza provvedimenti straordinari, molte specie attualmente in via di estinzione finiranno prima o poi per scomparire. Questo è ciò che devono aver pensato i funzionari del consiglio comunale di Dunedin quando hanno deciso di chiudere un’intera strada per proteggere un leone marino che aveva dato alla luce un piccolo.

Sebbene questa zona della costa della Nuova Zelanda sia popolata da diversi esemplari di questa specie, nessuno si era mai riprodotto più lontano della spiaggia, tanto meno aveva attraversato una strada per raggiungere la riva. La decisione di questo consiglio comunale è da ammirare, e così hanno fatto i loro vicini.

Qualunque cosa pur di proteggere il leone marino della Nuova Zelanda

Alcuni cespugli vicino alla buca numero 13 di un campo da golf a Dunedin (Nuova Zelanda) sono stati il luogo prescelto da una femmina di leone marino per partorire. In seguito alla pubblicazione della notizia, i funzionari del Dipartimento locale per la conservazione si sono recati sul posto.

Jim Fyfe, una guardia forestale del parco del Dipartimento, ha affermato che, finché i golfisti si fossero mantenuti a distanza di sicurezza e non avessero lanciato palline verso il punto di nidificazione dell’animale, la convivenza non sarebbe stata un problema.

Quest’anno, infatti, sono previste circa 20 nascite. A causa della mancanza di spazio naturale, non sarebbe strano che qualche altra femmina partorisca sul campo da golf. Il problema arriva quando madre e piccolo iniziano ad andare e tornare tutti i giorni da e verso la costa. Per farlo, devono attraversare una strada trafficata, dove le possibilità di essere investiti sono davvero alte.

Per questo motivo, e per il rispetto e la considerazione che questo paese ha per i leoni marini, il comune ha deciso di chiudere questa strada alla circolazione dei veicoli per un mese intero per evitare incidenti. Trascorso questo tempo, madre e piccolo non dipenderanno più dal nido e non avranno bisogno di attraversare la strada.

Un leone marino su sfondo bianco.

Una misura permanente?

Al di là di questa situazione aneddotica, molti cittadini di Dunedin vogliono che questa norma diventi legge. Pertanto, vorrebbero che la strada venga chiusa al traffico automobilistico, impedendo la morte di molti altri animali.

D’altra parte, le persone possono continuare a camminare e andare in bicicletta. Naturalmente, i cani devono essere tenuti sempre al guinzaglio, cosa a cui le guardie forestali danno molta importanza.

Inoltre, nessuno può avvicinarsi a meno di 20 metri dai leoni marini. Secondo il Marine Mammal Protection Act del 1978, è severamente vietato disturbare questi animali in qualunque modo, nonché molestarli o ucciderli.

La protezione del leone marino è una priorità per la legislazione locale, che condanna chiunque metta fine alla vita di un esemplare a due anni di carcere o a una multa fino a 178.000 dollari.

Perché tanta considerazione per il leone marino della Nuova Zelanda?

Il leone marino della Nuova Zelanda ( Phocarctos hookeri ) è in uno stato di conservazione pessimo secondo l’Unione mondiale per la conservazione della natura (IUCN). Inoltre, il World Wildlife Fund sottolinea che sono rimasti solo circa 10.000 individui, il che la rende la specie di leoni marini più a rischio di estinzione del pianeta.

Il declino di questa specie ha avuto inizio al principio del XIX secolo, a causa dello sfruttamento eccessivo della caccia commerciale di foche e leoni marini. Oggi la distribuzione di questa specie è ristretta a due piccole aree separate l’una dall’altra.

Questo fatto, sommato al basso numero di individui, favorisce la consanguineità e, di conseguenza, la perdita della diversità genetica, che rende la specie più vulnerabile alle malattie, ai cambiamenti ambientali e all’attività umana.

Sebbene i leoni marini al giorno d’oggi siano protetti, la pesca commerciale con reti da traino ne uccide accidentalmente circa 92 ogni anno. Allo stesso modo, la pesca intensiva lascia i leoni marini senza cibo, il che può portarli alla fame.

All’inizio del XXI secolo, vari focolai di polmonite provocati dal batterio Klebsiella pneumoniae hanno provocato la morte di almeno il 50% dei cuccioli dell’epoca.

Non c’è dubbio che lo stato di conservazione di questa specie sia critico. Sono senza dubbio necessarie misure come la chiusura di un’intera strada per proteggere la femmina di leone marino e il suo cucciolo.

Un leone marino su sfondo nero.

Queste azioni non solo proteggono gli esseri viventi, ma creano anche consapevolezza del danno che gli esseri umani provocano all’ambiente. Che un animale non abbia avuto altro che un cespuglio di un campo da golf come spazio per riprodursi la dice lunga sullo stato in cui si trova la natura.

Potrebbe interessarti ...
5 specie marine in pericolo di estinzione
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
5 specie marine in pericolo di estinzione

L'uomo, con le sue attività massive e crudeli, condanna a morte ogni anno numerosissimi animali. Le specie marine in pericolo di estinzione sono mo...




I contenuti de I miei animali sono redatti a scopo informativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.