Uno studio rivela come comunicano i gatti

11 luglio, 2017

Gli animali usano vari tipi di segnali per cercare di comunicare con i propri padroni. Attraverso suoni, ma anche usando i movimenti della coda o la posizione delle orecchie. L’obiettivo è trasmetterci uno stato d’animo, come si sentono o farci capire cosa preferiscono. In questo articolo vi presentiamo i risultati di una ricerca scientifica realizzata per capire come comunicano i gatti.

I gatti comunicano usando la coda

A seconda di come si muove la coda, è possibile determinare se il vostro felino domestico è spaventato, arrabbiato, felice o se semplicemente è attento. Prestate attenzione a questi segnali:

Uno studio rivela come comunicano i gatti
  • Coda ferma e dritta in verticale: vuol dire che non gli importa quello che state dicendo o facendo e continuerà per la sua strada.
  • Scodinzolio: quando desidera attirare la vostra attenzione, mostrando affetto o gioia, principalmente dinanzi al cibo. Spesso è accompagnato dalle fusa.
  • Movimento lento da un lato all’altro: vuol dire che si sente molto felice, a suo agio e sicuro nell’ambiente. Complimenti: si sente proprio a casa.
  • Coda orizzontale (parallela al suolo): è letteralmente “a metà strada” tra la fiducia e la diffidenza. E’ un semplice avviso di posizione.
  • Allungata verso il basso: è probabile che stia camminando molto lentamente, prima di rannicchiarsi e sgranare gli occhi. Tipico atteggiamento per cacciare o giocare.
  • Rapidi movimenti laterali: se la coda si sposta rapidamente, il gatto è interessato a un oggetto o ad una persona. Se le orecchie sono sollevate, l’interesse sarà tuttavia maggiore.
  • Coda in diagonale e rigida: la parte posteriore è leggermente arcuata e la coda è completamente dritta. Ciò vuol dire che c’è qualcosa che preoccupa l’animale.
  • Sollevata ma con la punta ritratta: è il modo per dire che si fida, ma non troppo. Si trova in una situazione sicura, ma preferisce comunque prendere qualche precauzione.
  • Colpi sul pavimento: il movimento della coda è veloce, breve e agitato. Questo accade quando il gatto è nervoso o ha paura (ad esempio quando piove, ci sono rumori forti o entrano in casa degli sconosciuti).
  • Coda in basso (con le zampe posteriori sollevate): si trova in una situazione di stress e sulla difensiva.
  • Tra le zampe posteriori: la posizione di un gatto timido, sottomesso o rispettoso. Di solito assume tale posizione quando viene rimproverato o in presenza di animali con rango gerarchico superiore.
  • Coda grossa: significa rabbia, disagio o irritazione. Meglio non avvicinarsi.

Come comunicano i gatti: occhi e orecchie

Un altro sistema per capire il vostro gatto è prestare attenzione all’espressione del suo viso (soprattutto osservando occhi ed orecchie):

  • Orecchie ferme e aperte all’indietro: il gatto vi guarda di taglio, significa che è turbato, irritato o arrabbiato. Lasciate che si allontani e si calmi da solo.
  • Orecchie tese in avanti: le pupille non sono dilatate. E’ un segnale di calma o di sonno. Il micio si sente protetto e a suo agio.
  • Orecchie in avanti, occhi a mandorla: se sta strizzando gli occhi è un buon segno. Questa espressione serve per trasmettere comfort, relax e la disponibilità a giocare e farsi coccolare.
  • Orecchie basse e occhi dilatati: può significare che qualcosa attira la sua attenzione o che il gatto è arrabbiato. Se provate ad avvicinarlo, reagirà scappando.

Come comunicano i gatti: i suoni

Uno studio rivela come comunicano i gatti

C’è anche un terzo gruppo di segnali che i gatti usano per comunicare con i propri padroni. Emettendo suoni con un determinato volume o tono, faranno capire ciò che sta passando nella loro mente.

  • Miagolare. Questo tipico verso nasconde diversi significati. Se il vostro gatto miagola con delicatezza, significa che è felice. Si tratta di una specie di saluto, specie se accompagnato da fusa, movimenti lenti della coda e strofinamento sulle gambe. Se il miagolio è forte e continuo, con la coda piegata, meglio lasciarlo da solo: potrebbe essere arrabbiato. Infine, se è ripetitivo e aumenta il tono, è perché ha voglia di qualcosa, sicuramente di cibo.
  • Fare le fusa. Il rumore più caratteristico dei felini è parte integrante del loro sistema di comunicazione. Si tratta del principale segno di fiducia e di amore nei confronti del proprio padrone. Il modo più diretto e semplice per dirvi “ti voglio bene“.