Come far conoscere due gatti in sicurezza

I gatti sono animali territoriali, che possono entrare in conflitto con i nuovi arrivati. In questo articolo vi presenteremo alcune linee guida per far conoscere due gatti e preservare la pace domestica.
Come far conoscere due gatti in sicurezza

Ultimo aggiornamento: 07 febbraio, 2021

Adottare un nuovo gatto non è una decisione da prendere alla leggera. Bisogna essere sicuri di potergli offrire tutto ciò di cui ha bisogno, di soddisfare le sue esigenze alimentari ed etologiche e, quando serve, portarlo dal veterinario per un controllo. Se avete già un gatto in casa, oggi vi diremo come far conoscere i due gatti.

Se avete deciso di adottare un nuovo gatto, ma ne avete già uno in casa, è importante che i gatti si conoscano in modo da permettere una convivenza pacifica tra i due felini. Per questo motivo, in questo articolo vi daremo delle linee guida per far conoscere due gatti che non si conoscono.

Inoltre, vi diremo come presentare al vostro gatto il nuovo arrivato. Questo compito non è facile come sembra. In natura, questi animali vivono in colonie matrilineari che difficilmente accettano i nuovi arrivati.

Cose da fare prima dell’arrivo del nuovo gatto

La prima cosa da fare è portare il gatto o i gatti che già vivono in casa dal veterinario per un controllo. I vostri gatti (o gatto) dovranno effettuare:

  • Test per la leucemia o immunodeficienze.
  • Vaccinazioni e sverminazione.
  • Dovete assicurarvi che non abbiano malattie che possono infettare il nuovo arrivato.
  • È opportuno che abbiamo un chip e che siano sterilizzati.

Anche il nuovo gatto deve effettuare tutti i controlli in modo che la convivenza non crei dei problemi a nessuno.

Come far conoscere due gatti: operazioni preliminari

La stanza del gatto

È necessario che predisponiate una stanza per il nuovo arrivato dove il gatto dovrà trascorrere dai 7 ai 10 giorni senza avere contatti diretti con i gatti che vivono già in casa. È molto importante procedere lentamente e con attenzione durante tutto il processo di presentazione. In questa stanza dovete collocare:

  • Due ciotole. Una per il cibo secco ed una per il cibo umido.
  • Una ciotola per l’acqua (lontana dalle ciotole per il cibo). A causa del loro istinto di autoconservazione, ai gatti non piace bere vicino a dove mangiano. In natura, una preda lasciata vicino ad una fonte d’acqua, col passare dei giorni, si decompone e potrebbe contaminarla. Per questo motivo, i gatti preferiscono che il cibo e l’acqua non stiano vicini.
  • La lettiera (lontana il più possibile dall’acqua e dal cibo).
  • Un raschietto per gatti. Con questo oggetto preserverete eventuali mobili presenti nella stanza dai graffi dei gatti.
  • Un lettino o un piccola cuccia per il gatto. Un suggerimento: se li posizionate in alto il gatto si sentirà più al sicuro.
  • In questo modo, il nuovo arrivato potrà intrattenersi nei momenti in cui non siete con lui.
Gatto seduto vicino al suo raschiature per le unghie.

A seconda del carattere, il gatto si potrà sentire subito “a casa” dopo pochi minuti o trascorrere diversi giorni nascosto.

Scambio di odori

Dopo un paio di giorni, se vedete che il nuovo gatto si è adattato al nuovo ambiente, potrete iniziare lo scambio di odori (allorubbing). Alcune delle azioni che potete effettuare per far conoscere i due gatti sono:

  • Scambiare un po’ di sabbia tra le lettiere dei gatti.
  • Scambiare le coperte o i letti su cui dormono di solito.
  • Mettere un asciugamano o uno straccio sotto le ciotole dove mangiano i gatti e scambiarli dopo 24 ore.
  • Scambiare i raschietti per i gatti. In questi oggetti si accumulano i feromoni che stimolano a graffiare permettendo così l’accettazione tra due individui.
Gatti che si annusano per conoscersi.

 

Scambio di territori

Quando sono passati alcuni giorni (2 o 3) tra lo scambio degli odori, potete passare alla fase successiva. Dovete lasciare che il nuovo gatto giri per la casa un paio di ore, mangi e beva dalle ciotole del gatto che già avete in casa o che si sdrai nei suoi luoghi preferiti.

È importante che il gatto che già avete in casa non veda il nuovo arrivato nel suo territorio. Dovete far girare il nuovo gatto un paio di volte al giorno per due o tre giorni nel nuovo territorio. In base al comportamento del gatto che avete già in casa, quanto tornerà nel suo territorio, capirete se prolungare ancora per qualche giorno lo scambio di territori.

Il primo incontro

Questo è il momento più delicato. I due gatti potrebbero non andare d’accordo e attaccarsi a vicenda. Una lotta tra gatti può essere pericolosa e traumatica, sia per loro che per i padroni.

Per iniziare, potete aprire direttamente la porta della stanza dove è presente il nuovo gatto o, se avete una porta a vetri, far conoscere i due gatti attraverso il vetro per maggiore sicurezza. Inoltre, potete giocare con il nuovo gatto in modo che si distragga e non si concentri sul gatto che avete già in casa.

È normale che quando i due gatti si vedono per la prima volta uno dei due sbuffi o ringhi (soprattutto il gatto che avete già in casa). Non dovete allarmarvi, questo è un comportamento normale. Il vostro compito deve essere quello di attirare l’attenzione dei gatti e creare un ambiente positivo. Ad esempio, potete dar loro dei giocattoli o del cibo.

Gatti che si conoscono. Come far conoscere due gatti.

Se l’incontro tra i gatti diventa eccessivamente teso e non siete in grado di attirare la loro attenzione, è preferibile interrompere la presentazione e tornare alle fasi precedenti. Al contrario, se i gatti si annusano, mostrano curiosità reciproca e sbuffano solo qualche volta, significa che il primo incontro sta andando bene.

Come far conoscere due gatti: la fase finale

Lasciate tutti gli oggetti del nuovo gatto nella stanza che avete predisposto per lui. In questo modo, il gatto avrà un luogo dove andare (una sorta di comfort zone) durante il periodo necessario per ambientarsi nella sua nuova casa e conoscere il vostro vecchio gatto.

Da questo momento in poi, in caso di rissa tra i due gatti, non dovete punirli in modo esplicito. Potete separarli chiudendo una porta, ma senza prenderli o buttarli fuori dalla stanza. In nessun caso bisogna urlare o colpire uno o entrambi i gatti.

Gatti con le code alzate che camminano all'aperto.

Consigli extra per far conoscere due gatti

  • Non dovete toccare il gatto quando è nel bel mezzo di una rissa o confortarlo subito dopo. Se lo fate, potrebbe reindirizzare la sua aggressività verso di voi.
  • Durante i primi giorni accarezzate sempre il gatto che avete già in casa ed evitate di farvi vedere da lui mentre accarezzate il nuovo gatto. Ricordatevi che i gatti sono degli animali molto gelosi.
  • Sbuffi, grugniti e graffiare sono delle azioni normali per i gatti. Tuttavia, vi consigliamo di tagliare le unghie al vostro gatto.
  • Non è normale che i gatti non mangino, vomitino più del solito, non si puliscano o facciano i loro bisogni fuori dalla lettiera. Se si verificano spesso queste situazioni, vi consigliamo di portare il vostro gatto dal veterinario.
  • Anche se non è di fondamentale importanza, è preferibile che il nuovo gatto abbia la stessa età del gatto che avete già in casa. Tuttavia, a volte, un gatto di pochi mesi rivitalizza il gatto adulto stimolandolo a condurre una vita più sana, soprattutto se obeso.
  • L’arricchimento ambientale è molto importante nella vita dei gatti. Fornite ai vostri gatti dei giochi, delle strutture sulle quali arrampicarsi, delle piccole casette nelle quali nascondersi, ecc.
Potrebbe interessarti ...
Le possibili cause dell’aggressività nei gatti
I Miei AnimaliLeggilo in I Miei Animali
Le possibili cause dell’aggressività nei gatti

L'aggressività nei gatti è un fenomeno che può essere abbastanza comune. Esistono molti tipi di aggressività innescati da diversi fattori.

Immagine principale: Pixabay / AdinaVoicu



  • Crowell-Davis, S. L. (2007). Cat behaviour: social organization, communication and development. In The welfare of cats (pp. 1-22). Springer, Dordrecht.
  • Levine, E., Perry, P., Scarlett, J., & Houpt, K. A. (2005). Intercat aggression in households following the introduction of a new cat. Applied Animal Behaviour Science, 90(3-4), 325-336.
  • Lowe, S. E., & Bradshaw, J. W. (2001). Ontogeny of individuality in the domestic cat in the home environment. Animal Behaviour, 61(1), 231-237.