Come far schiudere le uova di tartaruga

La quantità di uova nei nidi delle tartarughe determina la creazione di un microambiente che mantiene le condizioni ottimali per il loro sviluppo. Inoltre, consente anche la nascita di maschi e femmine nella stessa nidiata.
Come far schiudere le uova di tartaruga

Ultimo aggiornamento: 19 agosto, 2021

Attualmente, diverse specie di cheloni corrono un certo grado di rischio. Per questo motivo, e come metodo per aiutare la loro sussistenza, le uova di tartaruga vengono incubate artificialmente. Questo processo è concepito solo quando l’esemplare vive in cattività, quando il nido viene distrutto o predato e quando il suo successo di sopravvivenza può essere assicurato e aumentato. In questo articolo illustreremo come far schiudere le uova di tartaruga.

Ricordate che questi processi devono essere eseguiti solo da personale addestrato o, in mancanza di questo, da un tutor con la consulenza di professionisti. Anche se può sembrare semplice, una mossa sbagliata potrebbe costare la vita al cucciolo. Pertanto, nello spazio seguente, condividiamo alcune raccomandazioni e avvertenze per ottenere un’incubazione di successo nelle tartarughe.

Cos’è l’incubazione artificiale?

L’incubazione è il processo mediante il quale le uova si sviluppano mentre l’ambiente fornisce le condizioni necessarie come temperatura, umidità e protezione. In questo senso, quando si aggiunge il termine “artificiale”, significa che tutti i bisogni che l’uovo ha per schiudersi saranno forniti dalla mano dell’uomo.

Formalmente, questo processo si riferisce allo sviluppo embrionale, che forma l’individuo da piccole cellule. Poiché è un evento importante nella composizione del corpo, qualsiasi anomalia che si verifica può causare gravi complicazioni (e persino la morte). Ecco perché l’incubazione artificiale non è uno strumento utilizzabile in tutti i casi.

Gli animali in base ai loro tipi di riproduzione possono essere ovipari.

Quando è bene usare l’incubazione artificiale

L’incubazione artificiale è nata come risposta al pericolo affrontato da varie tartarughe. Pertanto, ciò che si cerca di fare è massimizzare il numero di tratteggi. Questo perché, in natura, sono troppe le minacce che impoveriscono la popolazione degli esemplari che devono essere reintrodotti.

Sebbene la maggior parte di loro siano esseri viventi che danneggiano le specie, anche la siccità, le tempeste e altri fenomeni climatici possono colpirli. È per questo che vengono create tecniche per tenere le uova al riparo, impedendo che qualsiasi fattore esterno ne causi la morte.

Come far schiudere le uova di tartaruga: localizzazione e trasporto

Innanzitutto, va sottolineato che le uova di tartaruga non devono essere spostate dal loro nido naturale a meno che non siano in pericolo imminente. Ciò significa che se vi capita di imbattervi in un nido, l’opzione migliore è starne alla larga e segnalarlo alle autorità locali in modo che possano tenerlo sotto controllo.

Vi chiederete perché questa riserva: la risposta è che questi gusci sono molto fragili, in modo che l’embrione può essere danneggiato con pochi movimenti. In altre parole, il semplice fatto di prenderlo tra le mani di solito fa sì che l’embrione diventi non vitale, o detto in altre parole, può causarne la morte.

Se per qualche strano motivo non ricevete aiuto (e se lasciate l’uovo all’aperto ovviamente morirà), allora come ultima risorsa potete provare a schiuderlo da solo. Per fare ciò, dovrete trasportarlo in un luogo sicuro, prendendolo con molta attenzione senza capovolgerlo e senza spostarlo bruscamente.

In effetti, alcune persone mettono un piccolo segno sul guscio per ricordare come l’hanno trovato.

Il trasporto deve essere effettuato in una scatola dai bordi rigidi, dove lo spostamento non farà rotolare o capovolgere l’uovo. Inoltre, ricordatevi di posizionarlo sempre nella stessa posizione in cui l’avete trovato a terra.

Verifica dell’embrione

Questo è un passaggio in più che ti dice solo se l’uovo che hai salvato ha o meno un embrione, cioè se è probabile che la tartaruga si schiuda o meno. Quando si esegue questo test, ciò che si fa è illuminare il guscio con una lampada, per verificare se c’è un piccolo punto con una rete di vene, che rivela l’embrione. Durante questo processo, aiuta che la lampada abbia una buona illuminazione e che sia fatta in una stanza buia.

Incubazione

Per questo passaggio è necessario disporre di un’incubatrice. Queste macchine sono vendute commercialmente, quindi devono solo essere assemblate e collegate. Questa è sempre l’opzione migliore, poiché uno degli elementi essenziali per la schiusa delle uova di tartaruga è mantenere costante la temperatura e l’umidità dei piccoli.

Quando si arriva nell’area in cui si sta per incubare, l’importante è avere un buon substrato come la vermiculite, che assorba bene l’umidità e mantenga il parametro fisso. Dopo averlo ottenuto, inumidirete il substrato e seppellirete l’uovo, facendo attenzione che non si muova troppo. Dopodiché, mettetelo nell’incubatrice e tenetelo lì finché non si schiude.

Come far schiudere le uova di tartaruga: parametri

Sebbene sembri semplice, da qui il processo si complica, poiché dovete stare attenti alle condizioni all’interno dell’incubatrice. Ciò significa che dovrete monitorare la temperatura e l’umidità su base giornaliera, per evitare che i valori cambino drasticamente. In effetti, i parametri di incubazione variano da specie a specie, ma possono essere ridotti alle seguenti raccomandazioni:

  • Temperatura: 28-32°C.
  • Umidità: uova a guscio tenero tra il 40 e il 60% e uova a guscio duro tra il 70 e il 90%.
  • Ventilazione: aperta (le incubatrici hanno dei fori che arieggiano l’interno).

Un’ottima opzione è chiedere aiuto per l’identificazione della specie, poiché questo può darvi indizi specifici su quali siano i bisogni dell’uovo. Inoltre, come nei coccodrilli, tenete presente che la temperatura definisce il sesso dei piccoli, quindi dovreste considerare questo punto durante la schiusa.

Una tartaruga che emerge da un uovo.

Come costruire un’incubatrice

Non servono molti materiali oltre al substrato e alcuni contenitori. Per costruire un’incubatrice occorrono solo 2 contenitori, uno più grande dell’altro, per fare una sorta di “bagnomaria”. In questo modo il recipiente piccolo rimane a galleggiare all’interno di quello grande e si mette una resistenza o un riscaldatore nell’acqua per alzare un po’ la temperatura.

La dimensione dell’incubatrice non è importante, a patto di poter mettere un coperchio che racchiuda tutto. Pertanto, si consiglia che il contenitore grande sia di circa 20 litri, con un contenitore piccolo in cui possano stare le uova. Ricordate che la vermiculite funziona anche in questo caso, poiché ha la stessa funzione dell’incubatrice commerciale.

Infine, l’intera incubatrice domestica deve essere un sistema quasi ermetico, il cui coperchio lo protegga dall’esterno. Questo può essere sostituito da un foglio di alluminio perforato per far uscire l’umidità. Oltre a tutto ciò, al contenitore dovrebbero essere aggiunti un igrometro e un termometro, in modo da poter monitorare la temperatura e l’umidità. Oltre a questo, considerate di riempire di nuovo l’acqua che evapora.

Come far schiudere le uova di tartaruga: cova

Il periodo di incubazione è piuttosto diverso tra le specie, quindi dovreste essere pronti a trascorrere fino a 115 giorni a monitorare l’incubatrice. Tuttavia, una volta nate queste creature, vi renderete conto di quanto ne valga la pena.

Le uova di tartaruga si schiudono da sole, quindi in questo momento tutto ciò che potete fare è guardare. In effetti, alcune tartarughe possono impiegare diverse ore o giorni per terminare la schiusa, ma nonostante ciò, non dovrebbero essere disturbate o maneggiate. Inoltre, potreste notare che una piccola borsa pende dalla loro pancia (tuorlo), che non dovreste rimuovere per nessun motivo.

Una volta trascorsi i primi 2 giorni, il processo per la schiusa delle uova di tartaruga è terminato. Di conseguenza, il tuorlo viene riassorbito e i piccoli sono pronti a lasciare il “nido”. In questo momento, l’opzione migliore è rilasciarli proprio nell’area in cui sono stati trovati. Se invece le uova provengono dai propri animali domestici, è preferibile tenere i piccoli in terrari specializzati.

Cosa fanno i gruppi di rilascio delle tartarughe?

L’obiettivo principale di questi gruppi o associazioni è proteggere le tartarughe marine, poiché tutte rientrano in una categoria di protezione speciale. Diverso, infatti, è il processo che svolgono questi professionisti, poiché non utilizzano incubatori commerciali, ma praticano buchi nella sabbia per simulare il nido originale.

Grazie a questo, possono proteggere le uova fino alla schiusa.

Per i volontari l’incubazione delle uova di tartaruga è obbligatoria, poiché aumentano il numero di esemplari di ogni specie che raggiungono il mare. Inoltre, molti esperti li consigliano, quindi sono costantemente aggiornati sulle migliori tecniche e si prendono cura di questi cheloni.

Che tipo di uova di tartaruga si possono covare?

Tutte le raccomandazioni di cui sopra sono per la schiusa delle uova di tartaruga di qualsiasi specie. Tuttavia, dovrete tenere conto dei parametri specifici che devono essere soddisfatti per ottenere la loro schiusa. Ricordate che ogni tipo di tartaruga ha requisiti diversi, che saranno essenziali per completare lo sviluppo embrionale.

Come si schiudono le uova di tartaruga?

Nonostante tutto, la migliore raccomandazione è quella di lasciare che l’incubazione si sviluppi nel suo habitat naturale, purché non vi siano fattori che minaccino i piccoli. Per questo motivo l’incubazione artificiale è solo un metodo di emergenza che serve a far fronte a pericoli imminenti per la specie. Sebbene chiunque possa eseguirlo, deve essere fatto con grande cura e rispetto per gli animali.

Potrebbe interessarti ...
Ciclo di vita delle tartarughe: imparare a conoscerlo
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Ciclo di vita delle tartarughe: imparare a conoscerlo

Cos'è e come funziona il ciclo di vita delle tartarughe? Se amate questi formidabili e antichissimi rettili, comprenderlo vi aiuterà a conoscerle.



  • Rangel-Mendoza, J., Weber, M., Hernández-García, J., & López-Luna, M. A. (2015). Manejo en cautiverio de la tortuga blanca (Dermatemys mawii Gray), estado actual e implicaciones para su conservación. AGRO249.
  • Eckert, K. L., Bjorndal, K. A., Abreu-Grobois, F. A., & Donnelly, M. (2000). Técnicas de Investigación y Manejo para la Conservación de las Tortugas Marinas. Grupo especialista en tortugas marinas UICN/CSE Publicación4.
  • Chacón, D., Sánchez, J., Calvo, J. J., & Ash, J. (2007). Manual para el manejo y la conservación de las tortugas marinas en Costa Rica; con énfasis en la operación de proyectos en playa y viveros. Sistema Nacional de Areas de Conservación, Ministerio de Ambiente y Energía, San José.
  • Chacón, D., Dick, B., Harrison, E., Sarti, L., & Solano, M. (2008). Manual sobre técnicas de manejo y conservación de las tortugas marinas en playas de anidación de Centroamérica. Secretaría Pro Tempore de la Convención Interamericana para la Protección y Conservación de las Tortugas Marinas (CIT), San José, Costa Rica.
  • Rana, C. A., Gachen, G., & Ceriani, C. (2016). Causas de retención de huevos en tortugas terrestres (Chelonoides chilensis). Universidad Nacional Del Centro de La Provincia de Buenos Aires. Tandil-Argentina18.
  • Romito, M. L., Parachu Marco, M. V., & Imhof, A. (2015). Growth and reproduction of Chelonoidis chilensis (Reptilia, Testudinidae) in captivity.
  • Arzola-González, J. F., Barrón-Hernández, J., Gutiérrez-Rubio, Y., Voltolina, D., & Ramírez-Pérez, J. S. (2019). Anidación e incubación artificial de huevos de tortuga golfina Lepidochelys olivacea (Testudines: Cheloniidae). Ecosistemas y recursos agropecuarios6(18), 595-599.
  • Hernández, O., & Boede, E. O. (2008). Relación entre el tamaño de hembra y la producción de huevos en el morrocoy sabanero Geochelone (Chelonoidis) carbonaria (spix, 1824) en un zoocriadero comercial de Venezuela. Interciencia33(6), 461-466.
  • Sarti, L., Huerta, P., Vasconcelos, D., Ocampo, E., Tavera, A., & Ángeles, M. A. (2006). Manual de técnicas de protección de tortugas marinas. Kutzari AC.