Come prendersi cura di un gattino orfano

I gatti piccoli o i neonati senza madre sono molto sensibili alla temperatura, al cibo e ad altri punti essenziali che devono essere presi in considerazione affinché i gattini possano sopravvivere.
Come prendersi cura di un gattino orfano

Ultimo aggiornamento: 21 agosto, 2021

Ci sono molte ragioni per cui possono esistere gattini orfani: per esempio, che la madre li abbia abbandonati per mancanza di latte o che sia morta. Tuttavia, quando si verificano queste circostanze, ci sono persone che vogliono prendersi cura dei cuccioli e che hanno bisogno di vari consigli, perché è del tutto normale non sapere nemmeno da dove cominciare. In questo articolo vi spiegheremo proprio come prendersi cura di un gattino orfano e guardarlo crescere. 

L’età, il peso e la salute dei gattini orfani determinano ciò di cui hanno bisogno. Prima delle 12 settimane di età, i gatti di piccola taglia dovrebbero sempre rimanere con la madre, ma se ciò non è possibile, è importante prendere in considerazione diverse cure. 

Prendersi cura di un gattino orfano

Assumersi la responsabilità di questi piccoli richiede molta attenzione e dedizione. Pertanto, in primo luogo è importante avere sempre a portata di mano il contatto di un veterinario di fiducia e chiedere consiglio per qualsiasi emergenza.

Se i vostri gattini hanno soffrono di diarrea, stitichezza, non ingrassano a sufficienza, si ammalano o succede qualcosa che non capite, è il momento di cercare un aiuto esperto immediato. Ricordate che la cosa più importante in questa missione è avere molto amore, pazienza e dare loro molta attenzione. I gattini non hanno la madre e ora siete voi che state svolgendo quel ruolo.

Gli esperti dicono che questo lavoro dura diverse settimane e, nonostante il tutore faccia del suo meglio e segua tutte le istruzioni alla lettera, i gattini possono comunque morire. Sono molto fragili alla temperatura, all’umidità e al cibo. Nonostante ciò, se vi trovate in questa situazione non dovete scoraggiarvi: questa opportunità che gli date ne vale la pena. Per voi saranno solo poche settimane, ma per loro significa avere la speranza della possibilità di vivere.

prendersi cura di un gattino orfano

Il nido dei gattini

Il calore è essenziale quando ci si prende cura di cuccioli orfani, poiché è qualcosa che la madre, ora assente, gli darebbe normalmente. Pet Kittens affermano che, per sopperire a questa mancanza, ci si può aiutare con una bottiglia calda o una lampada a infrarossi (non troppo calda, perché può scottare o disidratarre i gattini, e questo è mortale).

Se i piccoli hanno meno di 3 settimane, è consigliabile utilizzare come nido una cassetta o un cesto, dove si dovrebbe fornire loro anche la fonte di calore. Man mano che crescono, possono abitare uno spazio più ampio. Dopo la quinta settimana, è importante fornire loro anche un concentrato e una lettiera.

Nutrire i gattini orfani

Una delle cure più importanti che dovete prendere in considerazione è il cibo. Come sostituire il latte materno? Potete farlo da soli con il veterinario, poiché prescriverà una formula speciale per gattini che deve essere solo mescolata con acqua. Fate attenzione: non date loro latte di vacca o qualsiasi altro prodotto che non sia fatto apposta per loro.

Preparazione

L’acqua per preparare il latte (o la formula) può essere tiepida e minerale o del rubinetto, ma prima che sia stata bollita. Rimuovete quanti più grumi possibile e prendete una siringa senza ago per nutrire con cura i gattini. Dategli un goccio e aspettate che lo consumino mentre si abituano al sapore del latte.

Le quantità di cibo per prendersi cura di un gattino orfano 

All’inizio, usate il metodo drop or drop in modo che il gattino non soffochi, poiché sarebbe pericoloso se il latte entrasse nella trachea. Cercate di mantenere la sua posizione il più eretta possibile mentre gli date da mangiare. Per sapere quanto e con quale frequenza dovreste nutrire ogni cucciolo, potete basarvi su quanto segue:

  • Se ha 1 settimana, dategli da mangiare da 1 a 2 millilitri della formula ogni 1 o 2 ore.
  • Nella seconda settimana, somministrate da 3 a 7 millilitri di latte ogni 2 ore.
  • 10 millilitri ogni 2 o 3 ore nella terza settimana.
  • Da 15 a 20 millilitri ogni 3-4 ore nella quarta settimana.

Assicuratevi, dopo aver dato da mangiare a ogni cucciolo, di fargli un massaggio alla pancia per facilitare la digestione.

Il passaggio al cibo solido

Dopo le 3 settimane di età, potete iniziare ad abituare i gattini al cibo solido. A poco a poco, è tempo di passare a una dieta più completa. Non provatelo da un giorno all’altro, poiché questo deve essere accompagnato dalla formula sopra menzionata.

Se vedete che i gattini non vogliono mangiare il concentrato solido, potete mescolarlo con un po’ della formula in modo che riconoscano il latte e mangino tutto. Una volta che si sono abituati, dovreste iniziare a togliere il latte in breve tempo, perché la miscela con il concentrato crea un surplus di energia e può far ingrassare i gatti più del desiderato.

Prendersi cura di un gattino orfano attraverso l’igiene

I gatti sono noti per essere molto ordinati, ma da piccoli non sanno ancora come pulire il proprio corpo. Per questo è la madre – quando è presente – a mantenerli puliti. Questa volta, per ovvi motivi, dovrete farlo da soli.

Uno dei compiti che la madre svolge è quello di stimolare gli sfinteri dei bambini in modo che possano liberarsi. Per simularlo, potete tenere un panno umido e strofinare i genitali, in modo che i più piccoli possano defecare.

Dopo questo, non è necessario fare il bagno ai gattini. Con un altro panno umido potete pulire il loro pelo, perché in questo modo farete qualcosa di simile a quello che farebbe una madre felina leccandoli. Successivamente, assicuratevi che il gattino sia molto asciutto, perché il freddo può essere molto dannoso per lui. 

Un gruppo di gatti guarda la strada.

Dopo tutto quanto sopra, è tempo che i gattini vadano avanti con le loro vite. Per quanto complicato possa sembrare, vale sempre la pena vederli crescere gatti forti, giocherelloni e indipendenti. Seguite anche i consigli di esperti in materia per poter svolgere il tutto con grande calma e conoscenza.

Potrebbe interessarti ...
Come prendersi cura di un gattino non svezzato?
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Come prendersi cura di un gattino non svezzato?

Per prendersi cura di un gattino non svezzato, bisogna preparare una cuccia calda e nutrirlo con un biberon con latte in formula per gatti.