Come vengono classificati i cetacei?

· 13 Maggio 2019
I cetacei sono mammiferi marini con caratteristiche morfologiche e fisiologiche molto diverse tra loro. Possono raggiungere i 35 metri di lunghezza e sono tra gli animali più grandi al mondo. I cetacei sono classificati in tre sottordini.

Lo studio dei cetacei è un’area alla quale molti scienziati si sono dedicati. A causa delle loro curiose caratteristiche morfologiche e fisiologiche, i cetacei hanno affascinato molti studiosi.

Forse la caratteristica che più contraddistingue i cetacei è il fatto che siano mammiferi acquatici euteri . I mammiferi euteri sono tutti quei mammiferi che possiedono la placenta. Questa caratteristica è molto rara negli animali marini.

Il nome cetaceo deriva dal greco ketos, che significava mostro marino. Per Aristotele, colui che ha coniato il termine, le balene erano animali mostruosi.

Secondo i greci, i ketos erano animali marini con la capacità di respirare tramite i polmoni. Sebbene i cetacei si siano completamente adattati all’ambiente marino, non possono ottenere ossigeno dall’acqua. Per respirare devono risalire in superficie.

I cetacei possono essere di diverse dimensioni. Alcuni, come le focene, sono piccoli. Tuttavia, molte specie di cetacei hanno dimensioni enormi, come nel caso dei capodogli.

Focena

I cetacei si sono evoluti da animali semi-acquatici a animali marini. Come è successo per le otarie, le zampe anteriori sono diventate pinne. Nel corso del tempo, la parte posteriore dei loro corpi si è trasformata in una pinna caudale orizzontale.

L’orientamento della pinna caudale consente di nuotare più facilmente. In generale, hanno uno o due fori nella parte superiore del corpo, attraverso cui respirano.

Secondo le loro caratteristiche morfologiche, i cetacei sono divisi in diverse specie. Se volete sapere quali sono, questo articolo è fatto apposta per voi.

Come vengono classificati i cetacei?

All’interno della famiglia dei cetacei, ci sono tre sottordini. Questi sottordini sono gli archeoceti, i misticeti e gli odontoceti. Gli archeoceti sono specie di cetacei estinte.

Il sottordine dei cetacei dei misticeti è costituito da balene con fanoni. I misticeti comprendono alcuni degli animali più grandi del mondo, come le balene e le balenottere.

I misticeti sono quacetacei carnivori, anche se non hanno denti. Questa classe di animali ha dei fanoni di cheratina nella mascella superiore. Questi aiutano a filtrare l’acqua che esce dalla bocca. In questo modo intrappolano gli esseri viventi di cui si nutrono.

I corpi di questi cetacei resistono a temperature molto basse, grazie allo spesso strato di grasso sotto la pelle. Inoltre, i polmoni hanno una capacità di trattenere l’ossigeno pari all’80%.

La balena e i cetacei

Il terzo sottordine di cetacei è quello degli odontoceti, noti anche come cetacei dentati. Come suggerisce il nome, questi sono caratterizzati da una bocca dotata di denti.

A differenza degli enormi misticeti, gli odontoceti sono di dimensioni molto diverse. Tra di essi troviamo i delfini, le orche e i capodogli, ma anche le piccole focene. In genere, è facile identificare gli odontoceti, poiché hanno tutti una pinna dorsale.

Una curiosa caratteristica degli odontoceti è la loro fronte sporgente. Sotto di questa si trova un organo straordinario.

Questo organo è chiamato biosonar: l’animale emette un suono che rimbalza contro gli oggetti. Quando le onde sonore ritornano, il biosonar percepisce la posizione degli oggetti che lo circondano. Questo fattore è conosciuto come ecolocalizzazione.

Dalle balene ai delfini: le specie di cetacei

Ci sono molte specie di cetacei. Tra queste ci sono le balene, i delfini marini e fluviali, le focene, i capodogli, le balene dal becco e i beluga.

Balene e balenottere

Le balene sono classificate in tre famiglie: Balaenidae, Eschrichtiidae e Neobalaenidae. Le tre famiglie sono caratterizzate da esemplari grandi e longevi.

Le balene possono vivere più di 30 anni e misurare, in media, da 5 a 17 metri di lunghezza. Inoltre, una balena può pesare più di 80 tonnellate.

Tuttavia, le balenottere sono persino più grandi. Possono arrivare a misurare fino a 35 metri di lunghezza e pesare più di 170 tonnellate. Le pieghe della gola possono espandersi per contenere fino a 90 tonnellate di acqua. Solo in questo modo possono consumare abbastanza krill.

Delfini che nuotano

I delfinidi

Tra le specie più comuni di cetacei ci sono i delfinidi. Tra questi troviamo le orche, conosciute per la loro violenza e rapidità nelle acque. La dimensione dei delfinidi varia tra i due e i nove metri e il loro corpo si è evoluto per raggiungere una grande velocità nel nuoto.

Tutti i delfini, essendo odontoceti, possiedono il biosonar per l’ecolocalizzazione. Per questo motivo, i delfini sono caratterizzati da fronti sporgenti. I delfini sono animali estremamente intelligenti.

Ci sono molte altre specie di cetacei nel mondo. Tuttavia, negli ultimi anni questa famiglia ha perso moltissimi esemplari.

Sebbene ci siano molte misure internazionali per proteggerli, questi animali sono ancora in pericolo di estinzione. La caccia alla balena è una pratica comune in molti paesi, anche se a poco a poco sta diminuendo.

Fortunatamente, si prevede che nei prossimi anni diminuirà il numero di cetacei in pericolo.

  • Aguayo-Lobo, A. (1999) Los cetáceos y sus perspectivas de conservación. Instituto Antártico Chileno, Chile.