Cosa fare se una cagna in calore non smette di piangere?

Se la vostra cagna è in calore e non smette di piangere, ci sono diverse strategie che potete attuare per risolvere questo problema. In questo articolo ve le mostriamo.
Cosa fare se una cagna in calore non smette di piangere?

Ultimo aggiornamento: 08 dicembre, 2021

Ogni cagna vive il calore in modo diverso e alcune di loro non smettono di piangere durante quel periodo. È importante non perdere la pazienza e cercare di aiutarla come potete, dal momento che non è giusto rimproverare un animale per le proprie emozioni.

La prima cosa necessaria per affrontare questo problema è conoscere in dettaglio il ciclo estrale di questa specie e come influenza il comportamento delle femmine. In questo spazio troverete tutte le informazioni di cui avete bisogno, nonché consigli per alleviare il disagio della vostra cagnolina. Non perdetevelo.

Fasi del calore nelle femmine

Le femmine presentano il loro primo calore (estro) tra i 6 ei 12 mesi di vita. Il periodo estrale si presenta ogni 5 o 9 mesi, a seconda dell’esemplare, ed è suddiviso nelle seguenti 4 fasi:

  1. Proestro: dura da 9 a 27 giorni a seconda dell’animale. È il periodo in cui il cane soffre di perdite di sangue dalla vulva, che risulta infiammata. I maschi sono attratti dalla cagna, ma lei non li accetta. Nel suo corpo si verifica un picco di estrogeni in modo da sviluppare il follicolo ovarico.
  2. Estro: la fase in cui il follicolo ovarico rilascia una cellula uovo funzionale. Durante questa fase la femmina è ricettiva alla riproduzione, anche se i segni del calore saranno un po’ meno difficili da osservare.
  3. Metaestro: il livello di estrogeni scende per far posto a un picco di progesterone, che è l’ormone che prepara l’utero alla gravidanza se la cagna rimane incinta. In caso contrario, scenderà di nuovo affinché si torni in fase di anestro.
  4. Anestro: è un periodo di quiescenza riproduttiva, cioè di inattività sessuale. Questa fase dura tra 130 e 150 giorni e termina quando inizia il ciclo successivo.
Una cagna con il suo cucciolo.

La mia cagna in calore non smette di piangere, perché?

Ora che sapete come funziona il ciclo estrale dei cani passo dopo passo, potrete facilmente dedurre che queste variazioni ormonali influiscono sull’umore della cagna. Nello specifico, vi mostriamo come le concentrazioni di ormoni hanno effetto sull’animale:

  • Estrogeni: picchi e valli di questo ormone sono correlati a stati di ansia e depressione.
  • Progesterone: i livelli basali di questo ormone aiutano a combattere ansia e stanchezza. Quindi, quando calano al termine del metaestro, il vostro cane potrebbe deprimersi ed è questo il motivo per cui non smette di piangere.

Sebbene la concentrazione ormonale svolga un ruolo rilevante nelle emozioni dell’animale, non è l’unico fattore in grado di influenzare il suo umore. La cagna probabilmente cercherà l’attenzione dei suoi padroni quando si sente ansiosa o triste, ma fate attenzione: prestare troppa attenzione a questo comportamento può rafforzare il pianto e i lamenti.

Significa che bisogna ignorare la cagna quando piange? Non necessariamente. Nella prossima sezione vi diremo come procedere in questa situazione.

Cosa posso fare se la mia cagna è in calore e non smette di piangere?

Oltre ad avere l’umore a terra, la cagna nella fase di ricettività riproduttiva può mostrare altri segni come sonnolenza o perdita di appetito. Ci sono diversi modi per aiutarla a sentirsi meglio senza che pianga ogni volta che vuole attenzioni. Ecco alcuni suggerimenti:

  • Dedicale del tempo tutti i giorni: giocate con lei e datele affetto perché si senta amata, ma datele anche stimoli mentali affinché possa giocare da sola. Divertirsi le renderà più facile superare il periodo depressivo senza piangere.
  • Datele cibo più nutriente durante il calore: se la vostra cagna mangia di meno, datele del cibo più ricco di nutrienti essenziali. Inoltre, rendetele il cibo più appetibile utilizzando brodo, scatolette di cibo umido o qualsiasi tipo di frutta o verdura che le piace.
  • Mantenetela in esercizio: se la cagna mostra sintomi di irrequietezza e ansia, dei buoni metodi per farle sfogare le energie e farla sentire meglio è portarla a fare una lunga passeggiata, giocare e correre.
  • Erbe naturali: la camomilla, la valeriana e l’erba di San Giovanni agiscono come tranquillanti naturali per i cani. E’ possibile farci delle infusioni o acquistarli sotto forma di concentrato. Consultate il vostro veterinario per sapere la dose esatta da somministrare al vostro animale.
  • Terapie alternative: negli ultimi tempi l’aromaterapia, i fiori di Bach e il Reiki vengono usati spesso come trattamenti integrativi. Questi sono molto efficaci nell’aiutare il cane a mantenere l’umore stabile durante i periodi del calore. Tuttavia, è importante consultare il proprio veterinario di fiducia prima di far iniziare qualunque nuova terapia al proprio peloso.

La sterilizzazione può migliorare il comportamento di una cagna in calore?

La sterilizzazione ha molti vantaggi sia per voi che per il vostro cane: previene gravidanze indesiderate, infezioni gravi come la piometra e il tumore all’utero. Tuttavia, se l’animale viene sterilizzato senza rimuovere le gonadi, i cicli ormonali continueranno a susseguirsi, alterando sia l’umore che il comportamento del cane.

Una cagna su un prato.

L’ultima raccomandazione è di prestare attenzione ad altri sintomi che possono presentarsi insieme allo stato d’animo della cagna. Sanguinamento eccessivo, letargia, perdite vaginali purulente o aggressività sono segni di un problema di salute sottostante. In casi del genere, è fondamentale andare dal veterinario, perché potrebbe trattarsi di una condizione grave, che mette a rischio la vita dell’animale.



  • Sánchez, A. E. (1999). Factores que afectan el intervalo interestral en la perra domestica (Canis familiaris). Una revision. Revista Científica de la Facultad de Ciencias Veterinarias9(6), 532-537.
  • Céspedes, R., Pradere, J., Bermúdez, V., Díaz, T., Perozo, E., & Riera, M. (2006). Irrigación arterial y venosa del útero y los ovarios de la perra (Canis familiaris) y su relación con la actividad ovárica. Revista Científica16(4), 315-324.
  • Stornelli, M. C., Gimenez, F., Tittarelli, C. M., Savignone, C. A., Sota, R. L. D. L., & Stornelli, M. A. (2006). Inducción de ciclos estrales en la perra: Actualización bibliográfica. Analecta Veterinaria26.
  • Duarte, L., Sánchez, F., & Ortega, C. (2014). Desarrollo de piómetra y su relación con ovarios poliquísticos en hembras caninas. Spei Domus10(20), 17-22.