Cosa fare se trovate un serpente in giardino

· 22 ottobre 2018
Se avete trovato uno di questi rettili in giardino, anzitutto non dovete perderlo di vista e controllate sempre dove si trova, in ogni momento.

In determinati momenti dell’anno, come la primavera, l’attività di alcuni animali aumenta considerevolmente. Una tendenza che interessa soprattutto coloro che vivono in zone rurali o poco urbanizzate. Per questo motivo, abbiamo deciso di darvi alcune indicazioni utili nel caso in cui trovaste un serpente in giardino.

A volte, i serpenti possono finire intrappolati da oggetti, reti o altri ostacoli creati dall’uomo. Non è casuale trovarli all’interno di piscine vuote o nei ripostigli. Ecco perché, molte volte, quando ve li trovate davanti hanno bisogno di aiuto e non dovrete fargli del male.

Non tutte le specie di serpenti, infatti, rappresentano un pericolo per l’uomo. Cercate di mantenere la calma e agire con cautela e rispetto. Ecco cosa fare se trovate un serpente in giardino. 

Come agire dinanzi a un serpente in giardino?

In primo luogo, insistiamo, respirate a fondo e non siate precipitosi. È conveniente muoversi con calma e senza realizzare movimenti bruschi. I sensi dei serpenti sono molto sensibili ai tremori del terreno e possono stressarsi facilmente.

Se avete trovato uno di questi rettili in giardino, anzitutto non dovete perderlo di vista e controllate sempre dove si trova, in ogni momento. Non per un eventuale pericolo (difficilmente vi attaccherà) quanto per indicare dove si trova l’animale al personale di sicurezza che si incaricherà di rimuoverlo (Guardia Forestale o Vigili del Fuoco).

Serpente in giardino

Un serpente in giardino: le specie pericolose in Italia

Fortunatamente, tanto in Europa come in Italia, le specie di serpenti velenosi sono davvero poche. Conviene comunque imparare qualche concetto basico per poter riconoscere quelli più pericolosi. Ovviamente, non vi consigliamo di rischiare e, dinanzi a uno di questi rettili, vi invitiamo a non agire e contattare subito gli organismi predisposti.

Nel nostro paese questi sono i 4 serpenti più pericolosi:

  • Vipera (Vipera Aspis): è lunga al massimo 80 cm, vive soprattutto in Sicilia e Sardegna. Ha un colore marrone e grigio, con una testa triangolare e la pupilla con fessura verticale.
  • Vipera dell’Orsini (Vipera Ursini): più corta della precedente, vive nell’Appennino Centrale, ha un colore più marrone e misura al massimo 50 cm.
  • Marasso (Vipera berus): è la più diffusa in Europa e può superare il metro di lunghezza.
  • Vipera dal corno (Vipera ammodytes): è la specie più pericolosa in Italia. Vive solo nella zona nordest delle Alpi.

Oltre alle vipere, esiste un quinto serpente velenoso nel nostro paese. Si tratta del Colubro Lacertino (Malpolon monspessulanus). Ha un colore omogeneo che può essere marrone, oliva o nero, con testa ovale e pupille rotonde. Il suo veleno è comunque poco potente e non costituisce un vero problema per l’uomo.

Più diffuse sono le specie innocue, come il biacco (Hierophis viridiflavus), il saettone (Zamenis longissimus) il cervone (Elaphe quatuorlineata) o le famose bisce di campagna (Natrix).

Chi chiamare se trovate un serpente in giardino?

Una volta verificato che si tratta di un serpente, per prima cosa dovrete chiamare il 112. Si tratta del numero di emergenza generale che, a seconda dei casi, potrà smistare la vostra richiesta di aiuto ai Carabinieri Forestali, i Vigili del Fuoco o anche alla Polizia.

In linea di massima, occorre agire con cautela, evitare il contatto con l’animale e, soprattutto, proteggere i bambini e le persone anziane. Come detto prima, sono poche le specie velenose in Italia e il loro veleno non è abbastanza potente da uccidere.

Il morso inflitto a un giovane o a un anziano con problemi di salute, può però innescare reazioni anche gravissime.

Serpente tropicale turchese avvinghiato a un ramo

Generalmente i serpenti si nascondono in luoghi scuri, umidi, difficili da raggiungere. Se avete un giardino, muovetevi con cautela dinanzi a pile di legno, ripostigli, o zone in cui è stato accumulato molto materiale. Tenete l’erba del prato corta e, in caso di contatto visivo con il serpente, chiamate immediatamente il numero di emergenza 112. 

Un serpente in giardino: animali protetti

Un altro problema legato alla disavventura di imbattersi in un serpente, vipera, colubro o biscia che sia, risiede nel fatto che molte specie sono in via d’estinzione.

Per il rispetto verso la natura e gli animali, quindi, non si può uccidere questi rettili solamente per il fatto di aver “invaso” il vostro giardino.

Inoltre, la legislazione italiana (Legge n. 88 del 2018) proibisce assolutamente la cattura, detenzione o uccisione delle specie velenose che vivono in libertà.

Parliamo evidentemente della vipera, già citata, e questo divieto riguarda anche l’eventuale commercializzazione.