20 cose comuni che possono provocare la morte del vostro cane

In questo elenco di cose che possono provocare la morte del vostro cane troviamo cibi, medicinali, piante e sostanze chimiche che dovreste tenere lontano dai vostri pelosi. Scoprite quali sono!
20 cose comuni che possono provocare la morte del vostro cane

Ultimo aggiornamento: 18 novembre, 2022

Esistono diverse cose che possono provocare la morte del vostro cane, con le quali vivete a stretto contatto. Conoscerle è importante per mantenerli al sicuro e sempre in salute.

Tenete conto che i cani sono naturalmente curiosi, che vogliono assaggiare e mordere tutto, e che esistono alcune sostanze chimiche e alimenti che, pur essendo tossici, hanno un alto livello di appetibilità che porta i cani a consumarli senza sospettare nulla.

Le 20 cose che possono provocare la morte del vostro cane

I cani scodinzolano solo quando sono felici?

Nelle prossime righe, vi mostreremo quali sono le 20 cose che possono mettere a rischio la vita del vostro cane, tra cui cibo, medicinali per il consumo umano, prodotti chimici, piante e persino la mancanza di cura da parte del padrone.

Alimenti

In casa spesso capita che, quando ci si siede a tavola, i cani si aspettino che i loro proprietari condividano il cibo con loro. Questo, oltre a essere fonte di cattive abitudini comportamentali, può essere una situazione pericolosa, a seconda del cibo che si condivide.

Per questo motivo, è meglio addestrare i cani in modo che consumino solo il mangime che viene loro comprato o qualunque alimento sia compreso nella dieta messa a punto per loro. In ogni caso, di seguito elenchiamo gli alimenti che non dovreste mai dare ai vostri animali domestici, perché possono provocarne la morte.

1. Avocado

Secondo l’Animal Poison Control Center Pet Poison Helpline, gli avocado contengono una tossina chiamata persina, che è tossica per diverse specie di animali. Anche se è meno tossico per cani e gatti, una grande quantità può provocare danni.

La più alta concentrazione di questa tossina si trova nei semi e nella buccia dell’avocado. Parti che, inoltre, potrebbero provocare il soffocamento del cane.

2. Cipolla

La cipolla ha un composto di zolfo chiamato solfuro di allile, che è tossico per i cani. Questo composto, secondo gli esperti, produce metaemoglobina, un’emoglobina che non è in grado di trasportare ossigeno, impedendogli di raggiungere efficacemente i tessuti dell’animale.

I sintomi dell’avvelenamento da cipolla nel cane includono ittero, urine scure, tachicardia, debolezza, anemia emolitica acuta, diminuzione dell’ematocrito e un elevato numero di corpi di Heinz.

3. Cioccolato

Il cioccolato contiene teobromina, che provoca intossicazione nei cani, e il loro corpo non è in grado di eliminarla facilmente. Si stima che da 100 a 250 milligrammi per chilo di questa sostanza possano essere letali per i canidi.

Anche gli esperti avvertono che, a seconda dell’età, una dose bassa può provocare gravi malattie. Provoca vomito, diarrea, aumento della minzione, tachicardia, atassia, convulsioni e, nei casi più gravi, la morte.

Una delle cause più comuni di emergenze da avvelenamento è il consumo di cioccolato nei cani.

4. Caffeina

La ricerca spiega che la caffeina è un alcaloide idrosolubile che fa parte del gruppo delle xantine, presente in prodotti come caffè, tè, cacao e alcune bevande energetiche e dietetiche. La sua funzione principale è quella di stimolare il sistema metabolico e centrale.

Quando un cane consuma caffè o qualsiasi prodotto contenente caffeina, presenterà tachicardia, nervosismo, iperattività, diarrea e, in casi più gravi, rischierà la vita.

5. Bevande alcoliche

Le bevande alcoliche hanno effetti negativi su tutte le specie animali e i cani non fanno eccezione. Anche le più piccole quantità provocano danni potenzialmente irreparabili al sistema nervoso.

Tra i sintomi provocati dalle bevande alcoliche nei canidi troviamo convulsioni e problemi respiratori che potrebbero portare al coma.

6. Noci

Le noci di macadamia causano avvelenamento nei cani. A seconda della quantità, può essere lieve o grave, provocando debolezza agli arti posteriori, vomito, atassia e ipertermia. Sebbene i sintomi siano allarmanti, questo alimento raramente provoca la morte.

Tuttavia, è importante evitare che i cani mangino queste noci e, se ciò avviene, è necessario rivolgersi urgentemente a un veterinario.

7. Uva

Sia l’uva fresca che l’uvetta sono tossiche per i cani. Articoli scientifici sottolineano che il quadro clinico comprende vomito un paio d’ore dopo l’ingestione, diarrea, letargia, dolore addominale e anoressia.

Si sottolinea inoltre che a prescindere dalla dose, questi alimenti possono innescare i sintomi citati. Quindi, impedite al vostro cane di consumare qualsiasi tipo di uva fresca o secca. Se sospettate che li abbiano ingeriti, consultate il veterinario.

Medicinali

Tra le cose che possono provocare la morte del vostro cane troviamo le medicine per il consumo umano. A prescindere da quanto vi preoccupi la salute del vostro amico peloso, non dovreste mai somministrargli un trattamento di vostra iniziativa. Tantomeno utilizzando dei farmaci che non sono per uso veterinario, poiché le conseguenze possono essere molto gravi.

Di seguito, vi parliamo degli effetti della somministrazione ai cani di alcuni dei farmaci più comuni a casa.

8. Farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS)

I farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) includono l’ibuprofene e il naprossene, che sono sicuri per l’uomo ma altamente tossici per i cani. Possono provocare ulcere allo stomaco e all’intestino e insufficienza renale.

Solo una o due pillole di questi farmaci possono provocare seri danni a cani, gatti e piccoli mammiferi.

9. Paracetamolo

Il paracetamolo o acetaminofene è molto più tossico per i gatti che per i cani. Per questo motivo, questo farmaco viene solitamente prescritto a basse dosi nei cani, perché, come spiegano alcuni articoli, sono in grado di metabolizzarlo convertendolo in metaboliti non tossici.

Tuttavia, la situazione è l’opposta se si verifica un sovradosaggio, che può provocare necrosi epatica.

10. Pillole anticoncezionali

Dare pillole anticoncezionali ai cani o lasciare che le assumano accidentalmente di tanto in tanto può essere molto pericoloso. Queste pillole hanno un’elevata quantità di estrogeni ed estradiolo che possono provocare uno squilibrio ormonale, specialmente nel caso in cui le femmine non siano state sterilizzate.

Prodotti chimici

Le sostanze chimiche, indipendentemente dalla loro forma o utilizzo, possono provocare la morte del vostro cane. Pertanto, è importante tenerli sempre lontani, chiusi a chiave o in un luogo inaccessibile ai nostri animali domestici.

In questa sezione vi ricordiamo quali sono i prodotti che rappresentano un rischio per la salute dei vostri cani.

11. Sapone, candeggina e prodotti per la pulizia

Il sapone da bucato, così come vari prodotti per la pulizia, contengono componenti tossici per i cani, come fosfati, tensioattivi non ionici, perborato e carbonato, come confermato dai dati governativi. Queste sostanze provocano gravi danni alla mucosa gastrica.

Inoltre, la candeggina provoca ustioni gravi e letali alle mucose del tubo digerente come bocca, esofago, stomaco, intestino e colon.

12. Acido borico, palline di naftalina e sacchetti anti-umidità

L’acido borico è un’altra delle cose che possono mettere a rischio la vita del cane. È presente in insetticidi, antisettici e prodotti come il collutorio. Provoca vomito, salivazione eccessiva, convulsioni e persino il coma.

Le palline di naftalina, molto attraenti per i cani, provocano danni al fegato e al sistema nervoso centrale, così come i sacchetti anti-umidità, che contengono gel di silice.

Piante

Molti proprietari ritengono che cani e piante siano incompatibili, ma non è così. Devono però fare attenzione a quali piante siano tossiche per i loro pelosi.

Di seguito vi mostriamo alcune delle piante che è meglio non lasciare alla portata dei vostri cani.

13. Pothos

Il Pothos è una delle piante d’appartamento più comuni, ma si trova nell’elenco di cose che possono provocare la morte del vostro cane, perché può causare infiammazioni della mucosa orale e della faringe. Inoltre, può provocare dispnea, convulsioni e danni ai reni.

14. Ciclamino

Il ciclamino contiene una sostanza nota come ciclamina, che agisce come purgante nei cani. Può causare vomito, diarrea cronica, dolore, convulsioni, insufficienza renale e paralisi.

15. Edera

La parte più pericolosa dell’edera comune sono i suoi frutti, che possono provocare l’arresto cardiorespiratorio se ingeriti dal cane.

A seconda della quantità ingerita, il cane può manifestare vomito, diarrea, febbre, diminuzione della frequenza cardiaca e coma. Se è solo entrato in contatto con il frutto, può presentare dermatiti, vesciche e ulcere.

16. Oleandro

L’oleandro è una pianta dal fiore molto appariscente, ma per i cani può essere mortale. Provoca vomito, diarrea, dolore addominale, sonnolenza, dispnea, aritmia, coma e arresto cardiaco.

Mancanza di cure

Concludiamo questo elenco di cose che potrebbero provocare la morte del vostro cane: la mancanza di cure. Proprio così, i cani di qualsiasi razza e taglia richiedono cure che solo i loro padroni possono dargli. In caso contrario, i cani possono ammalarsi e persino morire.

17. Non vaccinare o sverminare

Quando una persona decide di adottare un cane, a prescindere dalla razza o dalle dimensioni, dovrà recarsi da un veterinario per stabilire un piano di vaccinazione e sverminazione. Non farlo può compromettere la salute dei cani, provocare diverse condizioni e portare alla morte nel caso in cui contraggano malattie o virus che avrebbero potuto evitare.

18. Dare loro dei giocattoli pericolosi

La scelta dei giocattoli per cani è più importante di quanto molti padroni credano, soprattutto quando sono cuccioli. I cani tendono a mordere e sminuzzare tutto ciò che tengono in bocca, motivo per cui è importante fare attenzione al materiale di cui sono fatti, per evitare che soffochino se ingoiano i resti dei loro giocattoli.

19. Una cattiva alimentazione

I cani hanno bisogno di cibo di qualità che soddisfi tutte le loro esigenze nutrizionali. Il mangime o la dieta che gli somministrate deve contenere un alto livello di proteine e carboidrati, che devono essere adattati alla loro età, razza e tipo di attività fisica.

Una dieta povera può essere fatale a lungo termine.

20. Calore eccessivo

Esporre i cani a temperature elevate per lungo tempo può provocare un colpo di calore. Secondo gli studi, i cani brachicefali (bulldog, boxer e carlini) hanno un rischio maggiore di contrarre questa condizione, che può essere fatale.

Inoltre, se andate a fare jogging in estate, dovreste considerare che l’asfalto caldo può provocare ustioni ai cuscinetti delle zampe dei cani. In ogni caso, è importante che il cane abbia a disposizione degli spazi per bere acqua e riposare all’ombra.

D’estate, invece, non si deve mai lasciare il cane chiuso in macchina, poiché può morire di disidratazione e mancanza di ventilazione.

Fare esercizio con il cane

Evitate le cose che possono provocare la morte del vostro cane

Come potete vedere, ci sono molte cose, azioni e negligenze che possono provocare la morte del cane. Cercate di tenerle a mente per evitare di compromettere la salute dei vostri cani; in questo modo avrete la certezza che potranno starvi accanto per ancora molto tempo.

Potrebbe interessarti ...
Malattie mortali nei cani e nei gatti: quali sono?
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Malattie mortali nei cani e nei gatti: quali sono?

Le malattie mortali nei cani e nei gatti sono una preoccupazione per i padroni. E' importante conoscere le patologie più letali che possono colpire...



  • Amengual, P., Doria, G. Síndrome branquicéfalo, belleza perjudicial. 2012.
  • Corponor. Detergente en polvo, detergente concentrado en polco para ropa. 2015.
  • Muriel, K. Práctica empresarial con énfasis en la clínica de pequeñas especies en la Clínica Médica Veterinaria Animal Hospital. Corporación Universitaria Lasallista. 2018.
  • Pereira, L., Sarkis, A., Brillante, C., Carvalho, R. Intoxicación por uva en perros – relato de un caso. Revista clínica veterinaria. Núm. 101. Pág. 46 – 49, 2012.
  • Joseph D. Roder. Manual de toxicología.
  • Avocado. Pet Poison Helpline.