Che cos'è un cane da difesa?

03 febbraio, 2016
 

Da quando il cane è stato addomesticato, l’uomo lo ha impiegato per proteggere la casa e il bestiame. Alcune razze canine creano un legame privilegiato con uno solo dei proprietari, altre si affezionano a tutta la famiglia e proteggono allo stesso modo ciascun membro. Oggi vogliamo parlarvi del cane da difesa.

Per spiegare meglio cosa vuol dire essere un cane da difesa, cominciamo con il dire cosa non è.

Un cane da difesa non è un cane da combattimento

Un cane da guardia non è un cane da combattimento. Alcune razze canine vengono addestrate per essere aggressive a comando. Questi cani vengono adoperati, ad esempio, dalla polizia o per il controllo dell’ordine pubblico. Si tratta, però, di un tipo di addestramento completamente diverso dal tipico uso del cane da guardia familiare.

I cani addestrati ad attaccare sono in grado di combattere o, per lo meno, difendere con aggressività. I cani da difesa, invece, si utilizzano generalmente più per dissuadere che per prendere parte ad un combattimento attivo.

bullmastiff

I cani da difesa o da guardia, si usano per vigilare la proprietà privata, le persone o per dissuadere ladri e intrusi con la loro semplice presenza o con il loro aspetto imponente. Le razze adatte a fare il cane da guardia sono, in genere, quelle di taglia grande che intimidiscono solo a vederle, hanno un latrato forte e sono custodi naturali della casa e della famiglia.

 

Le migliori razze di cani da difesa sono quelle che non attaccano, a meno che non gli si lasci assolutamente nessuna alternativa.

Cos’altro non è un cane da difesa?

Un cane da guardia non può, ovviamente, provenire da una razza canina socievole, giocherellona e aperta a tutti gli estranei che entrano in casa. Esistono certo delle eccezioni, ma se state cercando un cane che vi offra protezione, non è consigliabile scegliere una razza che “lecchi la mano ai ladri”.

Senza dubbio, qualunque cane difenderà il proprio padrone fino alla morte. Senza arrivare a questo, il solo sguardo del cane da difesa dovrebbe essere intimidatorio: spesso questo è sufficiente ed è quanto la maggior parte dei padroni richiedono al proprio cane da guardia.

Questo tipo di intimidazione viene chiamata “deterrenza criminale” e ha lo scopo principale di rendere inviolabile il luogo in cui vive il cane.

Nel caso in cui, però, un estraneo riesca ad infiltrarsi in casa, il cane difenderà la sua famiglia fino alle estreme conseguenze. Questo a seguito di una situazione potenzialmente violenta, come aggressione o minacce al padrone.

Avere un cane da difesa non è una decisione da prendere alla leggera

cane-poliziotto
 

Molte persone pensano che procurarsi un cane da guardia sia la soluzione definitiva ai loro problemi di sicurezza in casa, ma questo non è vero.

Un cane da guardia non può sostituire misure adeguate di sicurezza all’interno della vostra casa e tanto meno sostituire le forze dell’ordine. È pur sempre una creatura vivente ed esiste la possibilità che anche un cane da guardia non riesca ad impedire ad un ladro di entrare. Inoltre, è anche possibile che il cane ne esca ferito o addirittura ucciso.

La sicurezza della vostra casa e del vostro cane dipendono anche dalle misure intraprese per proteggerli.

Prima di portare un cane da guardia in casa, quindi, pensate a rendere la casa stessa più sicura. Il cane non è un antifurto ma, a tutti gli effetti, un membro della vostra famiglia.