Cozza zebrata: caratteristiche di una specie invasiva

La cozza zebrata è un perfetto esempio dei gravi danni che le specie invasive possono causare e di quanto sia cruciale un loro controllo precoce ed efficace.
Cozza zebrata: caratteristiche di una specie invasiva

Ultimo aggiornamento: 22 maggio, 2021

Quando si pensa a una specie invasiva, vengono in mente esempi molto vistosi: i famosi pappagalli argentini, le tartarughe americane che infestano i fiumi spagnoli, oppure i gatti domestici, che sono devastanti per la fauna selvatica. Tuttavia, una delle specie invasive più dannose sembra molto meno appariscente: stiamo parlando della cozza zebrata.

Come una normale cozza, questo invertebrato non si muove né caccia. La tua unica difesa è il tuo guscio. Nonostante ciò, questi animali sono pericolosi. Hanno un’incredibile capacità di colonizzare gli ecosistemi a cui non appartengono, una volta introdotti dall’uomo.

Le conseguenze dell’invasione della cozza zebrata sono disastrose, sia per la natura autoctona che per l’essere umano, causando enormi perdite economiche.

Com’è la cozza zebrata?

La cozza zebrata (Dreissena polymorpha) è un mollusco bivalve molto piccolo. Raggiunge un massimo di 3 centimetri di lunghezza, anche se di solito è più piccolo. I suoi colori e il suo guscio sono screziati e variabili, da qui il suo nome scientifico.

Il motivo sul guscio è solitamente costituito da bande irregolari chiare e scure che sono spesso a zig-zag, ma possono essere lisce. Quelle scure sono generalmente marroni o nere, quelle chiare sono crema o giallo pallido.

Il guscio è invece più o meno triangolare, con 2 lati più dritti e uno arrotondato. L’umbone – il vertice che unisce i 2 lati dritti – è piuttosto affilato. Gli altri 2 vertici sono molto smussati.

Inoltre, uno dei lati diritti è più lungo dell’altro. Questo lato è ispessito e piatto, consentendo alla cozza di stare in piedi se posta su questo lato su una superficie piana. Ciò consente di distinguere Dreissena polymorpha dalle altre cozze.

Una cozza zebra su una pietra.

Da dove proviene?

Questo mollusco vive in acque dolci e salmastre. La sua distribuzione naturale è limitata ai bacini del Mar Nero e del Mar Caspio, che si trovano nell’Europa orientale e al confine con l’Asia.

Tuttavia, la sua attuale distribuzione copre gran parte del globo ed è in continua espansione. Oggi, la cozza zebrata appare come una specie invasiva in Spagna, Svizzera, Grecia, Francia, Svezia o Belgio sono solo alcuni esempi. Lo stesso vale negli Stati Uniti, dove ha colonizzato la maggior parte degli stati, e in alcune aree del Canada.

Come è caratteristico delle specie invasive, la cozza zebrata si è diffusa in tutto il mondo a causa dell’uomo. In questo caso, il colpevole più probabile è la navigazione.

La cozza è stata trasportata lontano dalle sue aree naturali nell’acqua di zavorra delle navi o fissata su qualche superficie. Al problema hanno contribuito anche i trasferimenti di acqua tra i bacini fluviali e il trasporto di pesci esotici. Un altro vettore da considerare è l’attrezzatura contaminata.

Queste cozze hanno un’enorme tolleranza ai livelli di salinità, temperatura e siccità. Inoltre, sono molto resistenti al cloro. Pertanto, sono colonizzatori straordinari.

Finché hanno una superficie dura su cui fissarsi e la disponibilità di ossigeno è adeguata, i mitili possono riprodursi e colonizzare ovunque gli esseri umani li trasportino. Indubbiamente, la resistenza di questo invertebrato è un pericolo per l’ecosistema al di fuori del suo areale naturale.

Danni causati dalla cozza zebrata

Le specie invasive danneggiano gravemente gli ecosistemi che colonizzano, ma questi danni non sono limitati solo alla fauna selvatica. Anche gli esseri umani sono fortemente influenzati dalla sua presenza.

Vittime umane

D. polymorpha si attacca in massa a infrastrutture e macchinari di ogni tipo. Pertanto, ostruisce tubi, filtri, motori, e serbatoi, tra gli altri. Ciò danneggia le industrie energetiche, agricole e turistiche, oltre a rendere molto più difficile l’approvvigionamento d’acqua dei centri urbani. Tutto ciò causa notevoli perdite economiche.

Questi invertebrati si trovano anche nelle aree ricreative. I loro gusci sono affilati e possono tagliare, mettendo a rischio la salute pubblica.

Perdite ambientali

Questi bivalvi si nutrono di plancton, la base degli ecosistemi acquatici. Quando ne invadono uno nuovo, trasformano notevolmente le sue caratteristiche.

I mitili aumentano la limpidezza dell’acqua, modificano i cicli del fosforo, aumentano la deposizione di materia organica e la proliferazione di batteri nocivi e alghe. Riducono anche la disponibilità di ossigeno negli ecosistemi acquatici. Tutte queste alterazioni rendono gli ambienti invasi meno adatti alla vita locale.

D’altra parte, questo mollusco bivalve minaccia i mitili autoctoni attraverso la concorrenza diretta. Specie come Margaritifera auricularia, Anodonta cygnea e Unio elongatulus sono seriamente minacciate dalla cozza zebrata.

Inoltre, favorisce anche la trasmissione di agenti patogeni alla fauna locale. Molti uccelli sono morti di botulismo – causato da un batterio tossico – che proviene da queste cozze.

Una cozza zebra incollata a una foglia.

Come è stato dimostrato, la cozza zebrata è una specie molto pericolosa. Tenerla sotto controllo è molto importante, ma anche molto complicato. Pertanto, come sempre accade in questi casi, la migliore strategia per evitare danni è impedire in primo luogo l’introduzione di potenziali specie invasive.