Cristalli nell'urina del cane: tutto quello che c'è da sapere

I cristalli nelle urine del cane compaiono più spesso di quanto si possa pensare. A volte sarà sufficiente una buona dieta per dissolverli, ma nei casi più avanzati o a seconda del tipo di cristallo, sarà necessario un intervento chirurgico per rimuoverli.
Cristalli nell'urina del cane: tutto quello che c'è da sapere

Ultimo aggiornamento: 21 luglio, 2021

Una delle condizioni urinarie più comuni che possono comparire nei cani sono i cristalli nel tratto genito-urinario. Si può dire che i cristalli nell’urina del cane i sono solitamente formati da un eccesso di minerali nel liquido di scarto che non possono essere espulsi correttamente dal corpo.

Non essendo dissolti ed espulsi, questi minerali o sostanze si conglomereranno, formando così piccoli cristalli che, nel tempo, possono crescere di dimensioni. Tutto ciò ha chiaramente delle conseguenze negative sulla salute del cane.

Questi cristalli, come nel caso dell’uomo, possono essere di diverso tipo e si manifestano attraverso vari sintomi. Per questo motivo l’ideale è prestare attenzione ai segni indicativi della presenza di cristalli nel cane, e potersi così per tempo da uno specialista. Solo un veterinario potrà consigliare il trattamento appropriato.

Sintomi dei cristalli nell’urina del cane

I cristalli urinari (uroliti) di solito si depositano in una piccola percentuale nell’uretra, sebbene la maggior parte si trovi nella vescica, dove causano danni superficiali. Pertanto, uno dei sintomi più comuni è la presenza di sangue nelle urine, nota come ematuria.

Oltre a questo preoccupante segno clinico, un altro sintomo comune è l’ostruzione causata dalla formazione di calcoli derivati dai cristalli. Tutto ciò può rendere molto difficile per il cane urinare e, nei casi più gravi, impedirlo del tutto.

Senza raggiungere i livelli di ostruzione, anche urinare molto frequentemente ma in piccole quantità, perdite di urina, dolore durante la minzione o una strana postura sono altri sintomi evidenti di cristalli nell’urina del cane.

Infine, ci sono casi in cui i cristalli colpiscono i reni, danneggiando ulteriormente la salute dell’animale. Pertanto, vomiterà, mancherà di appetito e sarà molto svogliato. In breve, la cosa importante da tenere a mente è che uno qualsiasi dei suddetti sintomi è motivo per una consultazione veterinaria.

cristalli nell'urina del cane

Cristalli nell’urina del cane: diagnosi

I professionisti veterinari sono gli unici formati per fare una diagnosi corretta dei cristalli nell’urina del cane. Per farlo, eseguiranno diversi test. Il primo di questi consisterà nel prelevare un campione di urina per esaminarlo.

La raccolta di questo campione può essere un compito affidato al proprietario dell’animale, per il quale utilizzerà un bicchiere sterile per tale uso da casa. In caso contrario, il veterinario stesso estrarrà l’urina direttamente dalla vescica del cane.

Grazie alle analisi effettuate su questo campione è possibile rilevare la presenza di sangue o infezioni. Allo stesso modo, i risultati del pH aiuteranno a determinare quale tipo di cristallo si è formato e se questa tabella ha portato alla formazione di calcoli. Per confermare quest’ultimo, saranno necessari altri tipi di test, come gli ultrasuoni e i raggi X.

Cause

La cistite è tra le principali cause della comparsa di cristalli nelle urine dei cani. Oltre a questa infezione di origine batterica della vescica, un’altra delle cause più comuni è una dieta squilibrata, cioè quando al cane viene offerto un alimento povero di fibre e ricco di proteine e minerali.

D’altra parte, alcune malattie metaboliche, così come l’eccesso di calcio nel sangue, possono favorirne la formazione. Va notato che esiste una certa predisposizione genetica in alcune razze, come Yorkshire Terrier, Labrador, Dalmata, Bassotto, Mini Barboncino, Bulldog, Cocker Spaniel o Golden.

Anche se in misura minore, anche la mancanza di idratazione dell’animale può essere una causa.

Tipi di cristalli

Diversi tipi di cristalli possono formarsi nelle urine dei cani, quindi la loro diagnosi e l’analisi corrispondente sono necessarie per determinare quale si trova in ciascuna scatola. Questi tipi di cristalli saranno differenziati per la loro dimensione, forma e colorazione. Tenendo conto di ciò, è possibile distinguere quanto segue:

  • Cristalli di ossalato di calcio: compaiono a causa di una sovrasaturazione di ossalato e calcio.
  • Cristalli di urato: compaiono nelle urine neutre o acide, poiché provengono dall’acido urico. A volte sono un riflesso di malattie epatiche o renali.
  • Cristalli di struvite: hanno una forma rettangolare e sono prodotti da un eccesso di magnesio, ammoniaca e fosfato. Sono correlati all’urina alcalina, e sono i più comuni.
  • Cristalli di cistina: sono associati anche alle urine acide o neutre, e sono trasparenti ed esagonali. Sono meno comuni di quelli di struvite, urato e ossalato di calcio.
  • Cristalli di xantina: i cristalli meno frequenti, sebbene compaiano; di solito lo fanno nei cani con leishmaniosi che sono stati trattati per lungo tempo con allopurinolo, poiché queste feci derivano dalla degradazione delle purine.

Trattamento dei cristalli nell’urina del cane

Per stabilire un corretto trattamento occorre prima chiarire quali tipi di cristalli sono quelli da trattare. È un passaggio molto importante, poiché la raccomandazione veterinaria dipenderà da questo.

Nel caso di cristalli che possono essere disciolti, come i cristalli di struvite, verrà prescritta la somministrazione di farmaci per aiutarli a dissolverli. Tuttavia, questo non è efficace con altri cristalli, come i cristalli di ossalato di calcio.

Nel caso di quest’ultimo tipo, sarà necessaria un’operazione per estrarli. Questo intervento viene eseguito, a sua volta, quando i cristalli hanno dato origine a calcoli urinari (urolitiasi) e questi non possono essere espulsi.

In modo complementare verrà fornita una dieta adeguata che riequilibri il livello di minerali nell’organismo, oltre a favorire l’idratazione del cane. A questo proposito, al cane devono essere date molte possibilità di urinare quotidianamente, quindi le uscite in strada a questo scopo dovrebbero aumentare. Infine, se c’è un’infezione, dovrebbe essere trattata con antibiotici.

Dieta per il cane con cristalli nell’urina

Come già detto, una corretta alimentazione aiuterà, in alcuni casi, a risolvere il problema. Ciò è particolarmente valido quando si tratta di cristalli di urato, struvite o cistina, poiché questi possono dissolversi, ponendo fine al problema.

Queste diete si basano su un tipo di dieta commerciale specificamente formulata per alleviare questo problema, o addirittura prevenirlo. La raccomandazione delle dosi e della durata della sua somministrazione sarà data dal professionista veterinario che ha analizzato il caso del cane da trattare.

Se, invece, quella che viene offerta al cane è una dieta naturale e casalinga, bisognerà fare alcune considerazioni. Ad esempio, mentre le verdure e le proteine delle uova possono essere utili, mangiare le frattaglie non lo sarà per la cistina o i cristalli di urato.

Forse può essere difficile trovare la dieta perfetta in questi casi se non siete professionisti del settore. Pertanto, è opportuno in tutti i casi consultare la situazione con un nutrizionista canino.

cristalli nell'urina del cane

L’idratazione è essenziale

Infine, va notato che l’idratazione costante è una parte molto importante della dieta corretta per i cani con cristalli nelle urine. L’assunzione di acqua sarà di grande aiuto per ridurre la formazione dei cristalli.

La ciotola dell’acqua dell’animale deve essere sempre piena d’acqua, e a tua disposizione. Infine, se il cane malato viene alimentato solo con mangime, la sua dieta base può essere combinata con cibo umido per cani. Con pazienza e cure veterinarie adeguate, questa condizione può essere affrontata con successo.

Potrebbe interessarti ...
Le diete per problemi renali nei cani: tutto quello che c’è da sapere
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Le diete per problemi renali nei cani: tutto quello che c’è da sapere

Le diete per problemi renali nei cani devono essere adeguatamente bilanciate, poiché questi cani hanno una salute delicata.