Cucciolo di riccio: tutte le cure di cui dovresti tenere conto

Nelle prime settimane di vita, il piccolo riccio dovrebbe essere nutrito ogni 2-4 ore. Preparati a conoscere le cure di cui ha bisogno, sia in presenza che in assenza di sua madre!
Cucciolo di riccio: tutte le cure di cui dovresti tenere conto

Ultimo aggiornamento: 08 febbraio, 2024

Un cucciolo di riccio è un adorabile animaletto che viene al mondo cieco. Pertanto, deve affrontare molteplici sfide per la sopravvivenza. Non sfugge al rischio di lesioni e di morte da parte della madre. Per ridurre al minimo la possibilità di rigetto, l’ideale è garantire privacy alla femmina e ai suoi figli durante i 7 giorni prima della nascita e i primi 10 giorni dopo la nascita.

Anche se è necessario concedergli il suo spazio, quando si tratta di prendersi cura dei cuccioli di riccio è importante monitorare che tutto vada bene. Verificare cioè che i neonati emettano suoni e che la madre allatti, affinché l’allattamento al seno sia ottimale.

Se hai a casa dei ricci di pochi giorni — affidati alle cure della madre o in sua assenza —, questo articolo fa per te. Nelle righe che seguono scoprirai le caratteristiche dei più piccoli, nonché le principali attenzioni di cui necessitano nelle prime settimane di vita.

Tassonomia e habitat naturale

Esistono circa 17 specie di riccio, distribuite in cinque generi, e la sua classificazione tassonomica lo colloca nella famiglia degli Erinaceidae: un gruppo di insettivori dall’aspetto vario e di piccole dimensioni.

I ricci sono animali selvatici, solitari e notturni che vivono in Europa, Africa e Asia. Questo piccolo mammifero, ricoperto di spine su gran parte del corpo, non è un animale domestico frequente. Tuttavia, oggi, molte persone hanno un riccio come animale domestico.

Come sono i cuccioli di riccio quando nascono?

Riccio neonato.
Le prime spine che compaiono sui cuccioli di riccio sono bianche. Credito: Carmelka/iStockphoto.

Gli esperti della Fondazione AAP sottolineano che i cuccioli di riccio hanno caratteristiche molto particolari. Conoscerli ti permetterà di gestire al meglio questi animali domestici nelle prime fasi della loro vita.

Questi piccoli fragili sono conosciuti come altriziali. Vengono al mondo con un peso medio di 10 grammi. Sono grigi, ad eccezione del viso e del ventre che sono rosa.

Quando si tratta dei loro sensi, i cuccioli di riccio sono ciechi alla nascita. Cominciano ad aprire gli occhi a 2 settimane di età. A quel punto potranno rannicchiarsi in una palla.

Gli aculei che li caratterizzano non sono visibili quando sono neonati. Aspettano sotto la pelle, protetti da uno strato di liquido. Cominciano ad apparire 24 ore dopo la nascita, quando il liquido viene assorbito e permette loro di risalire in superficie. Queste spine pioniere sono bianche. Poi, a 36 ore di età, ne spuntano altri di colore bruno, tra i primi.

Quando il riccio ha due settimane, quelli bianchi si vedono raramente.

Di quali cure hanno bisogno gli altriziali?

Se avete un riccio femmina, che ha già raggiunto la maturità sessuale, e notate che è aumentato di oltre il 50% del suo peso – dopo essere stato vicino a un maschio -, preparatevi a ricevere una cucciolata di altriziali, composta da 4 e 5 bambini, in media. La gestazione dura dai 34 ai 37 giorni. Durante questo periodo e l’allattamento al seno, le tue esigenze nutrizionali aumentano.

Nelle prime settimane, i cuccioli di riccio devono rimanere con la madre, in modo che siano nutriti e ricevano l’immunità materna. È consigliabile non toccare gli altriziali, perché la madre potrebbe rifiutarli.

Il Manuale veterinario MSD afferma che alla femmina dovrebbe essere garantita “la massima privacy da altri ricci e umani, da una settimana prima della nascita e per 1 o 2 settimane dopo la nascita”. In questo modo si riduce il rischio di infanticidio e cannibalismo nei bambini. Pertanto solo dopo i 10 giorni di vita gli altriziali possono essere manipolati.

Anche se devi dare alla mamma e ai suoi figli il loro spazio, devi essere consapevole che i più piccoli emettono suoni. Il monitoraggio è necessario perché i genitori possono mangiare o, come accennato nelle righe precedenti, rifiutare i loro piccoli. Se si verifica la seconda situazione, gli altriziali devono essere allevati da un’altra madre se li accetta o da esseri umani.

Quando arriva il momento di allattare, i più piccoli devono competere per il proprio turno. Se non hanno successo, mettono a rischio la loro vita, perché possono morire di malnutrizione.

Il processo di svezzamento avviene tra le 4 e le 6 settimane di età. Quando ciò accade, ai bambini dovrebbero essere forniti altri alimenti. In questo caso, puoi offrire loro il cibo umido per gatti, così come la sua variante secca, ma idratata con acqua. Inoltre, dopo l’ottava settimana, gli altriziali possono essere spostati in gabbie separate, secondo il già citato Manuale veterinario MSD.

Come prendersi cura del cucciolo di riccio senza la madre?

Il piccolo riccio si rannicchiò.
Quando la madre è assente, gli altriziali possono essere somministrati con latte di capra. Credito: Carmelka/iStockphoto.

Se una madre rifiuta i suoi cuccioli, i piccoli possono essere espulsi dall’area di cura e non allattati al seno. Se vi trovate di fronte a questa situazione, provate ad avvicinare nuovamente i piccoli, ma senza toccarli per evitare che si impregnino del vostro odore.

Se questa azione non ha successo, puoi provare a collocare gli altriziali presso un’altra madre che ha una cucciolata. Se non è alla tua portata, devi prenderne il comando. Ricorda che i ricci mangiano tra le 2 e le 4 ore, nelle prime 2 settimane. Dopo questo periodo, possono nutrirsi ogni 4 ore.

Secondo la rivista Veterinary Clincs of North Amerida: Exotic Animal Practice, quando è necessaria un’alimentazione supplementare, si può offrire latte di capra giovane o Esbilac (un sostituto del latte in polvere per pentole e padelle).

Per somministrare il latte occorre scaldarlo. Inoltre, si consiglia di utilizzare una siringa senza ago o un flacone speciale per piccoli animali.

Dopo aver dato loro il cibo, dovresti stimolare la minzione e i movimenti intestinali dei più piccoli. Per fare questo, usa un piccolo asciugamano umido e strofina la zona inguinale.

I neonati devono stare in un luogo caldo. Puoi metterli in una piccola scatola di cartone e foderarla con un asciugamano. Al suo interno, posiziona una bottiglia di acqua calda, avvolta in un asciugamano sul fondo, in modo che rimangano calde. Va cambiato dopo qualche ora per preservare la temperatura.

Secondo il manuale Caring for Hoglets, pubblicato dalla British Hedgehog Preservation Society, è importante pesare e misurare gli altriziali ogni giorno. Per evitare di confonderli, questa organizzazione consiglia di segnare le punte con lo smalto. Se i dati mostrano che non hanno guadagnato peso, è possibile apportare modifiche alle loro razioni di cibo. I seguenti intervalli possono servire da guida:

  • Fino a 2 settimane di età: pesano tra i 30 e gli 85 grammi. Vengono nutriti, come preventivamente indicato, ogni 2-4 ore o, in mancanza, a richiesta.
  • Da 3 a 4 settimane: raggiungono tra 110 e 170 grammi. L’alimentazione viene somministrata ogni 4 ore e possono essere aggiunte piccole quantità di proteine.
  • Da 5 a 6 settimane: tra 200 e 260 grammi dovrebbero segnare gli altriziali quando passano sulla bilancia. A partire dalla settimana numero 6 è possibile eliminare il sostituto del latte. Inoltre, in questa fase, le loro abitudini notturne cominciano a diventare evidenti e questo li porterà a richiedere cibo durante la notte.
  • 8 settimane: raggiungono dai 500 ai 600 grammi.

Come lavarli?

Se il genitore è assente per leccarli, spetta a te pulirli. Per fare questo, dopo aver mangiato, inumidire un batuffolo di cotone in acqua tiepida o una goccia di olio per bambini (può anche essere olio d’oliva), secondo le raccomandazioni della British Hedgehog Preservation Society. Questo processo non solo li manterrà curati, ma consentirà loro anche di mantenere la pelle umida.

Prendersi cura di un cucciolo di riccio: attenzione e dedizione

Prendersi cura dei cuccioli di riccio richiede grande dedizione. Non dovresti fornire assistenza solo agli altriziali, ma anche alla madre, per garantire che la gravidanza e l’allattamento al seno si svolgano in un ambiente calmo, caldo e privo di stress. In questo modo cerchiamo di evitare il rischio che i piccoli vengano mangiati o rifiutati.

In caso di dubbi è importante rivolgersi ad un medico veterinario specializzato in animali esotici, che saprà guidarvi nell’impegnativo e gratificante compito di allevare ricci appena nati.


Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.



Questo testo è fornito solo a scopo informativo e non sostituisce la consultazione con un professionista. In caso di dubbi, consulta il tuo specialista.