Dieta del gatto: 6 principi da seguire per la sua salute

Prima di iniziare una dieta nel gatto è necessario conoscere il peso ideale dell'animale, avere un cibo di buona qualità adattato alle sue esigenze e fargli praticare attività fisica.
Dieta del gatto: 6 principi da seguire per la sua salute

Ultimo aggiornamento: 23 dicembre, 2020

Durante le fasi della vita di un animale domestico, il proprietario può avere bisogno di adattare la dieta alle diverse esigenze nutrizionali ed energetiche dell’animale. Per esempio, un gattino, una gatto anziano o una gatta in gravidanza non hanno le stesse esigenze nutrizionali e quindi la loro dieta è diversa. In questo articolo vi spieghiamo quali fattori bisogna tenere in considerazione prima di iniziare una dieta nel gatto.

Avere chiaro in mente questo concetto vi aiuterà a mantenere in salute i vostri animali domestici. Questo include che rimangano nel loro peso ideale e senza i problemi di salute associati all’obesità. Tuttavia, iniziare una nuova dieta nel gatto può non essere facile, ma ecco a continuazione alcuni consigli. Non perdeteveli.

1. Conoscere il peso ideale del gatto

Il peso ideale del gatto dipende da diversi fattori: dimensioni, età, razza e sesso, tra gli altri. Il veterinario può darvi un’idea di quanto dovrebbe pesare il vostro animale.

Per aiutarvi a sapere se il vostro gatto si trova in un peso forma, si può essere guidati dalle sue condizioni corporee. Nel fare questo, è necessario prestare particolare attenzione ad alcune conformazioni anatomiche e alla proporzione del suo corpo. Ad esempio:

  • Guardate la forma del gatto. È troppo rotonda? C’è un netto contrasto tra le zampe e il torso?
  • Se si sentono le costole il gatto è probabilmente nel suo peso normale, mentre se sono troppo pronunciate l’animale può essere sottopeso. Al contrario, se non si riescono a rilevare le costole o a toccarle facilmente, il gatto è probabilmente un po’ in sovrappeso.
  • Un gatto nel suo peso ideale ha una girovita ben delineato, con poco grasso addominale. Quando la vita è appena visibile e la piega addominale è assente, a causa del grasso addominale accumulato, il gatto è obeso.
Gatto in sovrappeso.

2. Dieta nel gatto: controllate la quantità di cibo

Conoscere il peso ideale del gatto è molto importante per sapere quanto cibo può essere dato all’animale. Sul retro di ogni confezione di cibo si trova una tabella che indica la razione giornaliera, adeguata ai kg che pesa l’animale.

Tuttavia, nel leggere la tabella, dovreste essere guidati dal peso ideale per scegliere la razione corretta. Se il vostro gatto è in sovrappeso, non lasciatevi guidare dal suo peso attuale! Perché, facendo in questo modo non riuscirete mai a fargli perdere quei chili di troppo.

Consultate il vostro veterinario per sapere quanto dovrebbe essere il peso ideale del vostro gatto e alimentatelo secondo questo peso.

3. Qualità e quantità del cibo

La composizione del loro cibo è importante quasi quanto la quantità che gli si dà. I felini sono prettamente carnivori, quindi richiedono più proteine dei cani e non hanno bisogno di carboidrati. Infatti, gli enzimi responsabili della degradazione dei carboidrati sono molto scarsi in questi animali.

Il metabolismo del felino si adatta a queste caratteristiche, poiché ottiene il glucosio principalmente dagli aminoacidi. Per questo motivo, il fabbisogno di proteine è elevato nei gatti.

Assicuratevi che le principali sostanze nutritive contenute nel cibo del vostro animale domestico siano per lo più proteine animali. Infatti, un gatto adulto dovrebbe ricevere il 30-45% di proteine animali nella sua razione. Potete verificarlo osservando la composizione del cibo nell’etichetta della confezione. Quindi, le carni devono essere elencate per prime.

Potete anche optare per una dieta BARF. Anche così, per effettuare il passaggio a questo nuovo regime alimentare, dovreste informarvi e seguire i passi indicati da un professionista. Non è un processo facile e dovrete prendervi il tempo e lo sforzo per evitare di alterare bruscamente la salute del vostro gatto.

4. Linee guida per l’alimentazione

Anche il modo in cui si dà da mangiare è un fattore importante per iniziare una dieta nel gatto. Ecco alcuni consigli in merito:

  • Dategli piccoli pasti più volte al giorno, invece di un pasto abbondante in una sola occasione.
  • Optate per metodi che rallentano l’assunzione di cibo. Per esempio, usate dei giochi per nascondere il cibo o dategli delle crocchette più grandi.
  • Non date avanzi di cibo al vostro animale domestico.
  • Pesate il cibo con una bilancia prima di darlo al vostro gatto.

5. Funziona la dieta nel gatto? A che ritmo dovrebbe perdere peso?

Riducendo la razione giornaliera, cercando un cibo di qualità e incoraggiando l’animale a fare esercizio fisico, il tutor potrà osservare la perdita progressiva di peso.

Molte marche di cibo per gatti hanno linee di prodotti specializzati per gatti obesi. In questi alimenti, la proporzione di grassi e di energia viene abbassata e vengono aggiunti integratori come la L-carnitina per aiutare l’animale a perdere peso.

Inoltre, questi alimenti aumentano la quantità di fibre nella dieta (può essere aumentata fino al 15%) per incrementare il volume del cibo e quindi dare prima al gatto una sensazione di sazietà.

Se la dieta funziona, ci si aspetta che l’animale perda un 5% di peso ogni mese. Il ritmo di solito è lento ma continuo.

6. Incoraggiate il vostro gatto a muoversi

Per rendere più efficace la dieta nel gatto, incoraggiate il vostro animale a muoversi. Passate un po’ di tempo a giocare con lui. Ad esempio, si può risvegliare il suo istinto di caccia con molti giochi diversi o arricchite il suo ambiente con un tiragraffi di varie altezze.

Per introdurre una regolare attività di gioco, è meglio iniziare con brevi sessioni di due o tre minuti e aumentare il tempo con il progredire della perdita di peso, così come l’intensità dell’esercizio.

Dieta nel gatto. Gatto gigante.

Questi sono i passaggi chiave per iniziare una dieta nel gatto. In ogni caso, è importante essere costanti e monitorare il peso dell’animale per assicurarsi che funzioni. L’obesità predispone a molte malattie ed è sempre meglio evitarla.

Potrebbe interessarti ...
Dieta vegana per il cane: è dannosa?
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
Dieta vegana per il cane: è dannosa?

La dieta vegana farà bene al mio cane? Quali sono gli aspetti positivi e quelli negativi? Continuate a leggere per scoprirlo!



  • Pascale Pibot Vincent Biourge Denise Elliot. Enciclopedia de la nutrición clínica felina.
  • McDdonald, Edwards, Grenhalgh y Morgan. Nutrición animal. Zaragoza, Editorial Acribia, 1995.
  • Purina. Dieta equilibrada para tu gato.