La dieta corretta per una cagna dopo il parto e durante l'allattamento

Una corretta alimentazione garantirà il benessere non solo della mamma, ma dei piccoli.
La dieta corretta per una cagna dopo il parto e durante l'allattamento

Ultimo aggiornamento: 25 maggio, 2021

La gravidanza è uno dei momenti più delicati per tutti gli esseri viventi. Dagli animali complessi come elefanti e cani agli insetti, tutte le specie animali hanno una missione comune in questa vita: lasciare la loro impronta genetica sotto forma di prole. Pertanto, fornire una corretta dieta a una cagna dopo il parto è fondamentale per mantenere il suo benessere e quello dei suoi cuccioli.

Una dieta ricca di vitamine e macronutrienti è vitale per la madre e i piccoli, per sopravvivere dopo il parto. Qui sotto ti spieghiamo come dovrebbe essere il menu di una neomamma a quattro zampe. Non perderlo.

Come deve essere la dieta di una cagna che allatta?

I feti canini crescono molto rapidamente, quindi non sorprende che la cagna aumenti ben del 25% del suo peso totale poche settimane dopo essere rimasta incinta, come indicano gli studi. Durante la seconda metà del travaglio, il peso può aumentare fino al 50%, un valore che spesso viene confuso con il grasso in eccesso a causa dell’obesità o della mancanza di esercizio.

In ogni caso, va notato che molti padroni compiono l’errore di sovralimentare la cagna, con l’intenzione di aiutarla durante la gravidanza. Non bisogna dimenticare che l’animale deve fare un esercizio regolare, per quanto dolce, anche se in questa fase.

Caratteristiche del cibo

Per sapere come distinguere tra patologia e normalità, l’Association of American Feed Control Officials (AAFCO) ha stabilito una serie di linee guida standardizzate riguardanti la dieta delle cagne gravide. Se segui queste regole con il tuo animale domestico, sicuramente il suo aumento di peso sarà dovuto alla crescita dei cuccioli nell’ambiente placentare e non all’obesità:

  • 22% di proteine nella dieta: le proteine rappresentano fino al 50% del peso a secco dei tessuti degli organismi viventi. L’assunzione di proteine da parte della madre è essenziale in questa fase.
  • 8% di grassi nella dieta: nonostante le loro connotazioni negative, i grassi sono fondamentali per ottenere energia.
  • 0,8% di fosforo e 1% di calcio: calcio e fosforo sono necessari per la sintesi ossea e lo sviluppo metabolico nei cuccioli.
  • Più del 50% rimanente deve corrispondere ai carboidrati: i carboidrati sono la principale fonte di energia nei mammiferi.

Inoltre, altre fonti professionali raccomandano l’assunzione di integratori vitaminici per la cagna incinta. Secondo gli studi, il consumo di acido folico nelle dosi appropriate può prevenire anomalie craniche nelle razze canine brachicefaliche, ad esempio.

La gravidanza nelle femmine è una fase delicata.

Quale dovrebbe essere la dieta di una cagna dopo il parto?

Il fabbisogno nutrizionale di una cagna che ha appena partorito aumenta gradualmente, poiché ora deve produrre latte. Il punto critico si trova da 3 a 5 settimane dopo il parto, poiché in questo momento la cagna richiede un apporto calorico da 2 a 4 volte superiore al normale.

Affinché una cagna possa produrre abbastanza latte, deve avere una grande quantità di cibo a sua disposizione. Fino alla quinta settimana dopo il parto, è necessario seguire rigorosamente i seguenti suggerimenti:

  1. Dai alla mamma un pasto molto ricco di sostanze nutritive, sia esso specifico per il periodo dell’allattamento o per i cuccioli, ad esempio. Il cibo per cani appena nati contiene una grande quantità di vitamine e minerali.
  2. È meglio aumentare l’assunzione di cibo a 3 o 4 volte al giorno, invece di aumentare la quantità di cibo suddivisa in 2 diverse assunzioni.
  3. La cagna dovrebbe mangiare tutto il cibo secco di cui ha bisogno durante il giorno.

Dopo 5 settimane, i cuccioli inizieranno a prestare attenzione al cibo della madre e berranno sempre meno latte. A questo punto, è necessario iniziare a ridurre l’apporto calorico materno e incoraggiare i cuccioli a iniziare a mangiare cibi solidi. Circa 8 settimane dopo il parto, la dieta del cane può tornare alla normalità.

La dieta per la cagna per produrre più latte

In linea di principio, non è necessario fornire alimenti speciali alla cagna affinché possa produrre più latte. La natura è saggia e se qualcuno dei cuccioli è sottopeso, l’ideale è trattarli individualmente, non attraverso la dieta materna.

Ad ogni modo, qualsiasi alimento ricco di calorie sarà l’ideale per una madre che allatta. Carni, uova e cibi umidi supporteranno la cagna in questo periodo delicato. Soprattutto, non dimenticare che questa deve avere una fonte d’acqua sempre disponibile.

Tre cuccioli insieme.

È necessario ridurre al minimo i rischi

Nutrire adeguatamente una cagna dopo il parto è fondamentale per il benessere dei piccoli, ma non dimenticare che è in gioco anche la salute della madre. È normale che la cagna non voglia mangiare cibo 24 ore dopo il parto, ma se la condizione persiste, è necessario andare dal veterinario con urgenza.

La madre potrebbe soffrire di un’infezione della placenta, infezioni alle mammelle e altre condizioni gravi, come la permanenza di un feto morto all’interno dell’utero. In tutti questi casi, il trattamento veterinario è l’unica opzione per salvare la vita dell’animale.