Differenze tra ratto e topo

A prima vista è difficile notare le differenze tra ratto e topo, ma qui vi mostriamogli elementi per farlo senza problemi.
Differenze tra ratto e topo

Ultimo aggiornamento: 30 agosto, 2021

Sia perché siete interessati ai roditori o perché volete adottarne uno in casa, conoscere le differenze tra ratto e topo sarà molto utile. A prima vista, entrambi i mammiferi possono sembrare simili (soprattutto se sono una macchia che si nasconde rapidamente in un buco), ma sono due tipi di roditori molto diversi.

Nel linguaggio popolare i loro nomi vengono spesso scambiati, visto che vederli allo stato brado è ancora più difficile trovare le differenze tra topi e ratti. Nelle righe seguenti imparerete come farlo.

Il ratto

Il ratto comune o ratto bruno (Rattus norvegicus) appartiene al genere Rattus, ampiamente distribuito in tutto il globo (tranne ai poli). La sua enorme adattabilità e l’incredibile intelligenza gli consentono di vivere in ambienti urbani quasi senza rilevamento.

Si pensa che la maggior parte delle specie del genere Rattus provenga dall’Asia e si sia diffusa nel resto del mondo attraverso viaggi in barca nel XVIII secolo.

I ratti sono roditori dal corpo lungo e flessibile, con una coda lunga e quasi nuda che è un perfetto strumento di equilibrio per camminare in luoghi difficili, come tubi o rami. Sono grandi scalatori e sanno anche nuotare.

Il loro comportamento è gregario, poiché vivono in grandi società in cui formano gerarchie complesse. La loro intelligenza ed emotività sono ben note a chiunque abbia vissuto con uno di questi roditori: sono empatici, collaborano tra loro, risolvono enigmi e si orientano anche nei labirinti più intricati.

Il genere Rattus ospita circa 60 specie. Rattus norvegicus è senza dubbio la specie più famosa del suo gruppo.

Ratti marroni per strada.

Il topo

Da parte sua, il topo comune o domestico (Mus musculus) è un roditore miomorfo della famiglia dei Muridae. Vive anche in un rapporto commensale con gli umani all’interno delle città e delle campagne. Si crede che sia il mammifero più grande dopo di noi.

Questi roditori vivono anche in gruppi, ma la loro gerarchia è leggermente diversa. Il maschio dominante monopolizza il diritto di accoppiarsi con le femmine, quindi il resto dei maschi di solito lascia il gruppo quando raggiungono la maturità. Se uno decidesse di affrontare il dominante, entrambi entrerebbero in una lotta all’ultimo sangue.

L’infanticidio (uccisione di piccoli) da parte dei maschi è relativamente comune tra i topi selvatici, poiché in questo modo le femmine tornano in calore e si assicurano che i loro geni vengano trasmessi. Inoltre, qualche anno fa è stato dimostrato che i maschi “cantano” per corteggiare le femmine: emettono lunghe sequenze ripetitive di ultrasuoni specifici per attirarli.

Il genere Mus conta circa 41 specie suddivise in 4 diversi sottogeneri: Mus, Coelomys, Pyromys e Nannomys.

Un topo di campo Mus musculus.

Differenze tra ratto e topo

Ora che conoscete un po’ meglio le 2 specie separatamente, è interessante vedere il confronto tra le due. Pertanto, in questa sezione potete vedere le differenze tra ratto e topo in modo più diretto nel seguente elenco:

  • Tassonomia: come avete letto sopra, pur essendo fisicamente simili, questi roditori non appartengono allo stesso gruppo tassonomico. Il ratto appartiene al genere Rattus, mentre il topo appartiene al genere Mus. 
  • Cibo: i ratti sono puramente onnivori, mentre i topi basano la loro dieta su verdure e semi, sebbene incorporino una piccola porzione di proteine.
  • Dimensioni: i ratti possono crescere fino a un piede dalla testa alla coda, mentre i topi sono significativamente più piccoli a circa 15 pollici di lunghezza.
  • Aspettativa di vita: un topo può vivere fino a 3 anni, ma i topi di solito non vivono oltre i 2 anni.
  • Complessità del loro comportamento: finora, gli studi comportamentali hanno stabilito che i ratti sono più intelligenti e più in grado di interagire con gli umani. I topi, sebbene siano anche abbastanza intelligenti, sono più timidi e scontrosi.
  • Colori: in natura, le differenze tra ratto e topo non sono eccessive in termini di colore del mantello. In quelle razze allevate come animali domestici, sono state fatte croci per dare ai ratti una varietà di colori molto maggiore rispetto ai topi.
  • Dimensione delle orecchie: salvando le distanze di dimensione, si può dire che i topi hanno orecchie più grandi dei ratti in proporzione alla testa.
  • Muso: i ratti hanno una testa più lunga e una canna nasale ricurva. I topi, invece, hanno un muso più corto e appuntito, con una fronte più dritta.
  • Vibrisse: i topi vedono leggermente peggio dei ratti, quindi dipendono maggiormente dalle loro capacità olfattive e tattili. Pertanto, le loro vibrisse (baffi sul muso) sono più lunghe di quelle dei ratti.
  • Periodo di gestazione: essendo animali più piccoli, i ratti hanno una gestazione più breve di 21 giorni. I ratti impiegano quasi un mese per partorire.
  • Stile riproduttivo: i ratti sono poliandri, cioè una femmina si riproduce con più maschi nel suo periodo estrale. I topi, invece, sono poligami, poiché è il maschio dominante che si accoppia con tutte le femmine che può nel gruppo.
Conosci le differenze tra ratto e topo?

Sia i ratti che i topi portano il peso dello stigma di essere considerati parassiti indesiderabili. Tuttavia, ogni piccolo roditore ha un ruolo nell’ecosistema, anche in quello urbano. Il loro posto nella catena alimentare sostiene una moltitudine di piccoli e medi predatori, oltre a fungere da dispersori di semi con le feci che producono. Come qualsiasi altro animale, meritano un riconoscimento.

Potrebbe interessarti ...
I topi canterini potrebbero aiutarci a comprendere l’autismo
I Miei AnimaliLeggi in I Miei Animali
I topi canterini potrebbero aiutarci a comprendere l’autismo

I topi canterini intrattengono vere e proprie conversazioni. Ecco in che modo questi richiami possono aiutare la scienza.