Gli animali con la vita più breve

· 14 marzo 2018

La velocità del metabolismo, le condizioni climatiche, le proporzioni del corpo e del cervello e altri elementi variabili influiscono sulla longevità delle specie animali. Ecco allora che ci sono specie che restano in vita solamente per poche oltre, mentre altre possono raggiungere i 150 anni di età. In questo articolo vi parleremo degli animali con la vita più breve.

I cinque mammiferi con la vita più breve

Tra i mammiferi, il topo è quello che merita il “premio” per vivere di meno. Questo piccolo roditore, infatti, ha una vita media di quattro anni. E’ considerato il secondo mammifero che più si riproduce sulla Terra dopo l’uomo. Raggiunge una lunghezza di 6,5-9 centimetri tra testa e corpo. La lunghezza della coda è 7-10 centimetri e il suo peso varia tra i 12 e i 30 grammi.

due topi in un buco

Il secondo mammifero con la vita media più bassa è il coniglio domestico. La sua aspettativa di vita varia tra gli 8 e i 12 anni. Le sue principali cause di morte sono il cancro e l’eccesso di grasso accumulato nell’organismo.

La terza posizione spetta al miglior amico dell’uomo, il cane. Questo amato e popolarissimo animale domestico, sottospecie del lupo, ha una vita media che si aggira attorno ai 10/13 anni. Tuttavia, questa media può variare abbastanza, in base alla razza. I canidi che hanno una vita media più breve sono il Bulldog e il Levriero irlandese, che può vivere al massimo sette anni. I cani più longevi – capaci di raggiungere e superare i 13 anni – sono il pastore tedesco, il labrador e il Golden Retriever, tra gli altri.

un Golden Retriever

Il quarto animale che ha un’aspettativa di vita più breve all’interno del gruppo di mammiferi è il simpaticissimo scoiattolo. La sua vita media non supera i 12 anni, durante la quale questo piccolo roditore dorme in media 15 ore al giorno e mangia frutta, semi, erba, insetti e vermi.

scoiattolo su un tronco

Parente stretto del cane, il lupo è il quinto mammifero con la vita media più breve. Vive circa 16 anni e durante la sua evoluzione sulla terra, ha sviluppato un senso dell’olfatto, agilità e forza superiore a quello dei cani. È uno degli animali più intelligenti e, quando si tratta di nutrirsi, condivide le sue prede con gli altri membri del suo branco.

lupo sulla neve

I mammiferi vivono di meno?

Gli insetti sono esseri invertebrati e costituiscono il gruppo di esseri viventi più diversificato del pianeta. Oltre ad essere superiori in quantità, a qualsiasi specie, sono la classe animale con vita più breve del pianeta. Vediamo di scoprire quelli più straordinari.

Nonostante siano la più vecchia specie animale alata del pianeta, gli insetti emimetaboli terrestri sono gli esseri che vivono di meno, in assoluto. Conosciuti anche come efemerotteri, la loro capacità di sopravvivenza è davvero sorprendente, in negativo. Fanno parte della stessa specie delle libellule, si trasformano da larva in insetto e, in un solo giorno, le femmine sono in grado di darne alla luce altre migliaia.

Ci sono circa 2.500 specie di efemerotteri e la loro vita massima è di 24 ore, ma alcuni vivono addirittura solo cinque minuti. Dopo diversi studi è stato scoperto che questo breve passaggio attraverso la terra risponde solo allo scopo dell’accoppiamento. Durante quel breve lasso di tempo, maschio e femmina si accoppiano mentre volano. La femmina deposita le uova nell’acqua e, una volta terminato, entrambi i partner muoiono.

Il secondo insetto con la vita più breve è il gastrotrico. Questo insetto vive nel fondo dell’ecosistema marino. Nasce, si sviluppa e muore in tre o quattro giorni. Questo è il momento in cui raggiunge anche la maturità sessuale, che gli permette di riprodursi.

Formiche e mosche, un ciclo di vita molto breve

Anche la popolarissima formica è uno degli animali che meno tempo vive sulla Terra. La sua speranza media è di sole tre settimane. Attualmente, ci sono più di 10.000 specie di formiche e la formica regina è alloggiata nei giganteschi palazzi di terra costruiti dalla sua comunità di operaie. Passa la sua vita dedicandosi alla deposizione delle uova, per garantire la sopravvivenza della colonia.

un gruppo di formiche operaie

La funzione delle formiche operaie è quella di raccogliere cibo, mantenere in funzionamento il formicaio e prendersi cura dei più piccoli. Tuttavia, dalla loro nascita, la funzione delle formiche di sesso maschile è quella di riprodursi con la regina. Una volta portata a termine tale missione, cessano di vivere.

Infine, un altro insetto che condivide l’habitat delle formiche è certamente la mosca. E’ la quarta specie con la vita media più breve. Le mosche possono vivere 15/30 giorni, un periodo che serve alla femmina per deporre fino a 1.000 uova. Anche se questo insetto è considerato fastidioso, in realtà il suo ciclo vitale è davvero cortissimo.

una mosca vista con ingrandimento su un tavolo