Gli avvistamenti di calamari giganti nel mondo

28 aprile, 2020
I calamari giganti sono uno dei grandi misteri del mare. Quando vengono avvistati, di solito si tratta di cadaveri o resti del corpo. Ma in alcuni casi sono stati trovati vivi in superficie.
 

Il calamaro gigante è un invertebrato del tipo mollusco appartenente alla classe dei cefalopodi. Il biologo danese Japetus Steenstrup scoprì queste creature nel 1857 e li battezzò come Architeuthis dux, il principe dei calamari. Più di 160 anni dopo, le informazioni su di loro rimangono scarse ed incerte. In questo articolo parliamo degli avvistamenti di calamari giganti nel mondo.

Le poche informazioni che si sanno su questi molluschi giganti provengono dagli esemplari morti ritrovati lungo la costa, per lo più decomposti. Altre provengono da quelli catturati dai pescatori o dai frammenti che si trovano nello stomaco dei capodogli, gli unici in grado di mangiarli.

L’esistenza di 12 specie di calamari giganti è stata esclusa dagli studi genetici ed è stato assicurato che esiste una sola specie:  l’Architeuthis dux. Vediamo insieme quali sono stati gli avvistamenti di calamari giganti nel mondo.

Caratteristiche del calamaro gigante

La sua lunghezza totale raggiunge i 14 metri e il suo peso è compreso tra 230 e 250 kg. Abita gli abissi più profondi degli oceani, a profondità comprese tra i 250 e 1.500 metri dalla superficie. Si tratta di luoghi in cui la pressione è molto elevata e che non vengono raggiunti dalla luce solare.

Il calamaro gigante ha una testa molto grande, mentre il suo corpo è sferico con due pinne laterali. Intorno alla bocca ha un totale di 10 tentacoli: otto con ventose e due contrattili. I tentacoli contrattili, più lunghi degli altri, sono prensili e vengono utilizzati per catturare la preda e portarla nei tentacoli più corti. Una volta trattenuta, la preda viene squartata da una potente mascella a forma di becco ricurvo.

 

Sono animali solitari, che si nutrono di pesci, cefalopodi e crostacei. I suoi unici predatori sono il capodoglio e i suoi congeneri.

Caratteristiche dei calamari giganti

Gli occhi del calamaro gigante misurano tra i 25 e i 30 centimetri di diametro, e sono considerati i più grandi del regno animale. Questo grande occhio con la sua retina molto sensibile serve a rilevare il suo predatore più grande, il capodoglio, il quale produce una bioluminescenza attorno al plancton. In questo modo, il calamaro rileva questa luminescenza sulla sua retina molto sensibile ed è in grado di sfuggire all’attacco.

Il calamaro gigante si difende anche lanciando un getto di inchiostro, che inibisce gli organi olfattivi e ostacola la visione del predatore.

Perché emergono in superficie?

I possibili motivi per cui i calamari giganti emergono in superficie possono essere:

  • Sono stati gravemente feriti da un predatore o da un altro calamaro.
  • Perché sono caduti nelle reti dei pescatori.
  • A causa delle esplosioni provocate dal gas e dal petrolio. Queste disorientano o feriscono i calamari giganti che, mentre risalgono in superficie, soffocano.

Avvistamenti di calamari giganti nel mondo

Dei calamari giganti, di solito si trovano solo cadaveri, esemplari morenti che galleggiano in superficie o resti all’interno dello stomaco di capodogli o delfini. Difficilmente questi animali sono stati avvistati vivi.

Nonostante ciò, nel dicembre 2015 è stato avvistato un calamaro gigante vivo a Toyama Bay, in Giappone. Questo è stato l’avvistamento più importante negli ultimi tempi, perché è avvenuto in acque poco profonde. Le ragioni della sua presenza in condizioni così insolite sono ancora sconosciute.

 

L’esemplare avvistato era lungo circa quattro metri. Sebbene non fosse immenso come altri resti trovati in passato, poiché aveva una dimensione standard all’interno della specie, il suo avvistamento è stato comunque sorprendente.

Avvistamento calamaro gigante

Oltre al Giappone, i calamari giganti sono stati avvistati nelle Asturie, Terranova, Namibia, Nuova Zelanda e Sudafrica.

Nel caso delle Asturie, in Spagna, si tratta anche dell’area geografica europea in cui sono stati ritrovati la maggior parte dei resti di calamari giganti. L’abbondanza di questi immensi animali nella zona può essere ricondotta alla grande profondità delle grotte sottomarine di Llanes, Aviles e Llastres, che va dai 200 ai 3.000 metri e che i calamari sfruttano per proteggersi dai predatori e per cercare cibo.

 
  1. Guerra, A. & González, A.F. (2009). ¿Qué sabemos del calamar gigante?. Madrid: CSIC.
  2. Norman, M. (2000). Guía de cefalópodos del mundo. Alicante: Grupo editorial M&G difusión.