Gli insetti marini: esistono davvero?

· 9 Marzo 2019
Gli insetti acquatici costituiscono tra il 3 e il 5% del totale degli insetti del pianeta, ma l'esistenza degli insetti marini non è certa, soprattutto di quelli di acqua salata

Negli ultimi anni la scienza è rimasta piuttosto sorpresa dalla scoperta di diversi insetti marini di cui non si conosceva l’esistenza. Tuttavia, quasi tutte le specie identificate abitano in acque parzialmente o totalmente dolci. Per questo motivo, la presenza o meno di insetti marini in acque salate rimane ancora un mistero.

In questo articolo, cercheremo di saperne di più sugli insetti acquatici e cercheremo di scoprire se ci sono insetti marini sul nostro pianeta.

Cosa sono gli insetti acquatici?

Sono classificati come insetti acquatici tutte quelle specie di insetti che si sviluppano totalmente o parzialmente negli ecosistemi acquatici. Cioè, che vivono per tutta la vita o in alcune fasi specifiche del loro ciclo vitale in acqua.

Attualmente si stima che gli insetti acquatici conosciuti rappresentino dal 3 al 5% di tutte le specie di insetti che abitano il pianeta. Nonostante la piccola percentuale relativa, gli scienziati sono già stati in grado di riconoscere più di 10 ordini che comprendono numerose specie di insetti acquatici.

Sebbene presentino un’importante diversità morfologica e di habitat, tutti gli insetti acquatici sono stati generati da antenati terrestri. Grazie ad alcune evoluzioni specifiche nella loro anatomia e fisiologia, queste specie sono riuscite ad adattare il loro organismo agli ecosistemi acquatici.

Molte specie di insetti acquatici possono vivere sott’acqua durante tutta la loro vita. Tuttavia, una parte delle specie conosciute sviluppa il suo stadio larvale negli ecosistemi acquatici. Alcuni di essi rappresentano un serio pericolo per la salute pubblica, come ad esempio le zanzare.

In che modo gli insetti sono riusciti a sopravvivere nell’acqua?

Come abbiamo accennato, gli insetti acquatici si sono evoluti da antenati terrestri, che non erano disposti a sopravvivere in acqua.

Pertanto, la sopravvivenza negli ecosistemi acquatici ha richiesto profondi cambiamenti a livello anatomico, fisiologico e comportamentale.

Forme di vita nel mare

Il cambiamento più fondamentale si è verificato nel loro sistema respiratorio, dal momento che gli insetti terrestri sono preparati per ottenere ossigeno dall’aria.

Ma vivere in acqua, logicamente, richiede la capacità di catturare ossigeno e ossigenare le cellule in un ambiente acquatico.

Al momento sono noti degli insetti acquatici che riescono a catturare l’ossigeno disciolto nell’acqua. Queste specie hanno sviluppato branchie tracheali, che danno origine a una specie di ramificazione con diverse trachee.

Tuttavia, ci sono anche specie che devono andare in superficie per assorbire l’ossigeno direttamente dall’aria. Forse queste potrebbero essere le specie più primitive, dal momento che non sono ancora in grado di vivere completamente immerse e dipendono ancora dall’ambiente terrestre per respirare.

In entrambi i casi, è comune osservare la presenza di una struttura composta da diverse spine idrofobiche.

Queste spine si trovano attorno agli spiracoli, che sono piccoli fori esterni noti come “prese d’aria”. Insieme, danno origine a un sistema respiratorio che si comporta come una branchia.

Gli insetti marini esistono oppure no?

Adesso sappiamo come è stato possibile che gli insetti si siano adattati alla vita negli ambienti acquatici. Ma dobbiamo ancora rispondere alla domanda se gli insetti marini esistono oppure no sul nostro pianeta.

La stragrande maggioranza degli insetti acquatici vive solo in acque dolci. Tuttavia, ci sono alcune famiglie che sono riuscite ad adattarsi alle acque con alti tassi di salinità: abitano principalmente sulle coste marine.

Mosca alcalina

Un esempio di insetto marino è la specie Ephydra hians, che vive nelle acque con concentrazioni molto elevate di sale del Mar Morto. Popolarmente, è nota come “mosca alcalina” e può essere considerata la prova vivente dell’esistenza degli insetti marini.

Perché non ci sono più insetti nel mare?

Come sappiamo, gli insetti possono riprodursi molto facilmente e dimostrare un’incredibile capacità di adattamento ai diversi ecosistemi. In questo modo, è logico che ci chiediamo perché ci sono così pochi insetti nel mare.

Sfortunatamente, non esiste ancora una teoria per spiegare questo fenomeno. Ma molti scienziati suggeriscono che ciò è dovuto al fatto che i mari rappresentano un ambiente molto inospitale per gli insetti.

Considerando la grande varietà di animali adattati alla vita marina, gli insetti avrebbero un’enorme quantità di predatori. Inoltre, dovrebbero combattere per il territorio con altre specie precedentemente adattate a questo ambiente, il che sarebbe un chiaro svantaggio.

Va anche tenuto presente che respirare in acqua salata richiede un enorme adattamento evolutivo del sistema respiratorio. Se osserviamo la complessità dell’organismo di pesci e crostacei marini, comprenderemo che l’adattamento degli esseri terrestri alla vita marina richiede profondi cambiamenti nella loro anatomia e fisiologia.

Si pensa che questi siano i motivi principali per cui la stragrande maggioranza degli insetti acquatici vive in acque dolci e il motivo per cui ci sono pochissimi insetti marini conosciuti sul nostro pianeta.