Gli oranghi sono intelligenti come un bambino di 8 anni

28 luglio, 2019
Gli oranghi sono una specie che non finisce mai di sorprenderci: un recente studio ha dimostrato che sono in grado di usare degli strumenti in maniera più precisa di ciò che si pensava.

Gli oranghi ci hanno lasciato a bocca aperta per la loro capacità di fabbricare delle esche. Tutti sanno che i primati sono tra gli animali più intelligenti della terra, però grazie al risultato di esperimenti come questi, vi renderete conto che possono essere ancora più sorprendenti.

Gli scienziati hanno scoperto una pratica mai vista in nessuna specie tranne che nella nostra. Gli oranghi hanno dimostrato di essere superiori agli altri primati attraverso uno studio nel quale hanno tirato fuori tutta la loro immaginazione e abilità.

Risultato dell’esperimento con gli oranghi

Nello studio che è stato svolto nell’Università di Vienna e di St.Andrews, è stato osservato come le scimmie siano in grado di utilizzare varie esche per accedere a dei posti dove le loro dita non arrivano.

Nella prima prova è stato visto come un orango fosse capace di fabbricare un gancio con un filo dritto. Lo scopo era quello di ottenere una ricompensa collocata in una cesta dentro un tubo, quindi si è ingegnato a fabbricare un gancio con i denti mentre teneva retto il filo.

Nella seconda prova è stato usato un filo piegato con il quale non si riusciva ad arrivare ad una ricompensa collocata in un tubo orizzontale. Per raggiungere l’obiettivo, vari oranghi sono stati in grado in pochi minuti di spiegare il filo abbastanza da arrivare senza problemi al premio e a poterlo spingere fuori dal tubo, un’azione mai vista prima.

orango su tronco

Risultati sorprendenti

Per valutare la portata di queste scoperte e per poter paragonare l’intelligenza di questi primati a quella degli esseri umani, sono stati sottoposti dei bambini di età differente a delle prove simili, con dei risultati più che sorprendenti.

A partire dai 5 anni d’età, un essere umano è in grado di creare e di utilizzare degli strumenti abbastanza complessi per raggiungere degli obiettivi. Nonostante ciò, quando si è presentato il problema di recuperare una cesta dal fondo di un tubo con l’unico aiuto di un filo dritto, la cosa si è rivelata complicata.

La maggior parte dei bambini tra i 3 e i 5 anni non ci è riuscita, e a pochi gli è venuta l’idea di piegare il filo per fabbricare un gancio. Un’alta percentuale di bambini di 7 anni non ha raggiunto lo scopo, e ciò ci fa avere un’idea del livello d’intelligenza degli oranghi per risolvere i problemi.

Finché i bambini non hanno compiuto 8 anni non si è vista una percentuale significativa di successo. I bambini, indipendentemente dalla loro età, hanno avuto dei maggiori risultati quando gli è stato mostrato prima cosa si può fare con un filo, anche se i più piccoli non ci sono riusciti nonostante avessero capito le funzioni del gancio.

Isabelle Laumer, incaricata di guidare l’esperimento nello zoo di Lipsia in Germania, ha affermato che questo studio ha dimostrato che gli oranghi sono più abili nell’usare e nel creare degli strumenti di quello che si pensava, e che sono in grado di superare i bambini di 8 anni nell’inventarli.

orango con cucciolo nella foresta

Futuro della specie

Questa magnifica specie si trova in serio pericolo d’estinzione. Dell’Orango del Borneo ne restano solo 104.700 esemplari, mentre di quello di Sumatra la popolazione attuale non arriva ai 14.600.

La sparizione dei boschi frondosi tropicali dove vivono si riduce giorno dopo giorno per l’estrazione del  legno, dei minerali o per convertirli in coltivazioni. Attualmente, solo il 50% degli oranghi vive allo stato selvaggio.

D’altro canto, il mercato illegale degli oranghi sta intaccando la popolazione e, oltre ad uccidere la madre, i cuccioli soffrono per le condizioni di viaggio in cui pochi sopravvivono per essere venduti come animali domestici in varie parti del mondo.

Finché non si adotteranno delle misure molto più ferree, la popolazione non smetterà di ridursi e, come è già successo con molte altre specie, si perderebbe un bene che non può essere rimpiazzato.