I gatti salutano prima di morire? Segni dell'ultimo addio

A volte sembra che i gatti ci regalino un'ultima sessione di affetto prima di lasciarci, nota come “lucidità terminale”.È una cosa consapevole? Scopriamolo!
I gatti salutano prima di morire? Segni dell'ultimo addio
Sara González Juárez

Scritto e verificato la psicologa Sara González Juárez.

Ultimo aggiornamento: 23 maggio, 2024

Forse la parte peggiore della convivenza con un felino è sapere che vivrà meno anni di noi. È normale chiedersi se i gatti dicono addio prima di morire, poiché gli esseri umani sono consapevoli del significato della morte e alleviano questo dolore con rituali di addio.

Ma questo processo psicologico è lo stesso anche per i gatti? Cosa sanno i felini della cessazione della propria esistenza? Se la risposta è sì, apprezzi dire addio ai tuoi cari? Questo è ciò che scopriremo, quindi non smettere di leggere.

I gatti e la consapevolezza della morte

Uno dei grandi dibattiti sulla cognizione animale è la consapevolezza della morte. È noto che gli elefanti piangono i loro morti e che alcuni uccelli, come i corvi, indicono un “funerale” in cui i loro coetanei vengono ad osservare il membro del gruppo appena morto.

Di questo studio si occupa la tanatologia comparata, una branca dell’etologia che ricerca le differenze e le coincidenze tra l’uomo e gli altri animali nella concezione della morte. Finora è stata dimostrata in molte specie una certa consapevolezza della fine della vita, garantita da segnali, come l’odore di cadaverina e putrescina o la rilevazione dell’immobilità.

Tuttavia, non esistono dati concreti che dimostrino che i gatti domestici siano consapevoli della propria morte. Quando un esemplare si sente debole e malato, potrebbe non avere la forza di lottare per la propria vita, dando al suo custode l’impressione che si sia arreso.

Le prove provenienti da studi osservazionali determinano che gli animali sono in grado di riconoscere la morte in altri individui. Tuttavia, è ancora necessario stabilire un collegamento tra questo e riconoscere la fine della vita stessa.

I gatti dicono addio prima di morire?

Felino in grembo a un essere umano. I gatti dicono addio prima di morire.
Secondo testimonianze individuali, alcuni felini – prima di morire – si avvicinano alle loro badanti in cerca di coccole. Credito: anastas_/iStockphoto.

Non c’è dubbio che il comportamento di un animale cambi quando si avvicina la sua morte. Alcuni cercano un luogo sicuro e tranquillo per alleviare il loro disagio, altri si rivolgono a chi si prende cura di loro per ottenere conforto. Inoltre, alcuni cambiamenti nel suo aspetto e nel suo comportamento suggeriscono che la fine della sua vita potrebbe essere vicina:

  • Si isola.
  • Non mangia né beve.
  • Non defeca né urina.
  • Dormi più del normale.
  • I loro segni vitali e il cambiamento della temperatura corporea.
  • Mostra gesti di dolore, come una posizione ortopnoica o una tensione muscolare.
  • L’aspetto del suo mantello cambia, perde lucentezza e diventa trasandato, poiché il gatto non si pulisce da solo.

Tuttavia, se supponiamo che i gatti si salutino prima di morire, accetteremmo l’idea che abbiano una chiara consapevolezza della propria morte e che eseguano un rituale al riguardo. Poiché non esistono prove riguardo questo specifico processo mentale, gli esperti chiedono cautela nell’attribuire le capacità cognitive umane ad altre specie.

Segni che i gatti dicono addio prima di morire: testimonianze individuali

Nonostante tutta questa cautela scientifica al riguardo, ci sono molte testimonianze individuali che affermano che i gatti riacquistano un po’ di forza prima della loro morte e cercano i loro umani per un’ultima sessione di coccole. Questo fenomeno, noto come “lucidità terminale”, è stato documentato anche negli esseri umani e, per alcune persone, facilita il dolore, consentendo ad entrambe le parti di dirsi addio.

Pertanto, dalla psicologia del dolore, il pensiero che un gatto dica addio al suo umano non è condannato, se questa lucidità si verifica alla fine della vita. Con questa interazione l’animale trova conforto per il suo dolore e l’uomo riesce a creare un ricordo positivo che lo aiuterà ad affrontare la sua perdita.

Ora, senza avere conoscenze sulla lucidità terminale, questo miglioramento improvviso può generare false speranze di guarigione che poi si traducono in un aggravamento del trauma. È importante informarsi su questo fenomeno e gestirlo come un sano addio.

Dolore e benessere prima della morte

Affrontare la morte di una persona cara è sempre complicato. Con gli animali non umani c’è anche un’aggiunta: siamo noi i caregiver che decidono di porre fine alla propria vita con l’eutanasia.

Questa decisione, che va sempre contro la volontà di tenere il gatto, è una delle più dolorose che esistano. È lì che entrano in gioco i rituali dell’addio, a volte facilitati da una lucidità terminale.

Tuttavia, per concludere, è necessario sottolineare che l’intenzione di liberare il gatto dal dolore dovrebbe sempre prevalere quando non ha più alcun rimedio. Salutarsi e sentire una corrispondenza da parte del felino è un momento fondamentale per entrambi gli esseri, ma non va prolungato oltre il necessario.

Ricordatevi di cosa si tratta, un addio, ed è meglio dargli una fine affinché il vostro amico peloso diventi un ricordo meraviglioso e non un lutto doloroso.


Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.



Questo testo è fornito solo a scopo informativo e non sostituisce la consultazione con un professionista. In caso di dubbi, consulta il tuo specialista.