Come identificare il dolore nei gatti?

Identificare il dolore nei gatti è un compito complesso, poiché questi animali sono evolutivamente preparati a non mostrarsi mai vulnerabili.
Come identificare il dolore nei gatti?

Ultimo aggiornamento: 13 giugno, 2021

Saper riconoscere il dolore nei gatti è fondamentale, non solo per evitare la loro sofferenza, ma per rafforzare il legame guardiano-felino. Tuttavia, imparare a riconoscerne i segni non è del tutto intuitivo: richiede tempo e conoscenza.

In questo articolo, puoi imparare tutte le basi relative al dolore in questi mammiferi. Dalla definizione stessa ai diversi comportamenti che lo indicano, avrai gli strumenti necessari per evitare permanentemente il dolore al tuo gatto.

Cos’è il dolore nei gatti?

Il dolore è definito come un’esperienza sensoriale ed emotiva spiacevole associata a un danno tissutale effettivo o potenziale. È un meccanismo protettivo che coinvolge cambiamenti fisiologici e comportamentali.

Tipi di dolore

Il dolore può essere classificato in 2 categorie in base alla sua durata, indipendentemente dal fatto che sia nei gatti o in qualsiasi altro animale. Questi sono i seguenti:

  • Dolore acuto: è quello che appare dopo un infortunio o una malattia e scompare con il recupero. Questo dolore è considerato adattivo, poiché regola il comportamento per evitare che il danno peggiori durante il recupero.
  • Dolore cronico: questo, a differenza del precedente, permane quando il danno viene riparato. Si verifica a seguito di cambiamenti nel sistema nervoso e non è reversibile. Pertanto, non è considerato adattivo, poiché non svolge alcuna funzione per la sopravvivenza e il recupero.
Un gatto dal veterinario segue alcuni esami del sangue.

Segni di dolore nei gatti

I gatti, a prima vista, sembrano resistenti, poiché tendono a nascondere i sintomi della loro malattia e del loro dolore, per evitare di apparire deboli ai concorrenti. Alcuni dei segni clinici di questo disagio saranno facili da identificare, ma altri no, e devi sapere dove guardare. Ecco i più comuni.

Segni posturali e di movimento

Quando il gatto ha una lesione alle articolazioni, ai muscoli e ad altre strutture che consentono il movimento, il dolore sarà identificabile principalmente attraverso la postura. Anche l’assenza di attività e movimento può essere un segno di dolore fisico. Alcuni dei movimenti e delle posture antalgiche che puoi trovare nei felini sono i seguenti:

  • Posa piegata, con la schiena arcuata per la maggior parte del tempo.
  • Zoppia e / o gambe che non poggiano a terra.
  • Allunga le zampe anteriori, come se il gatto si stirasse continuamente.
  • Inattività generale.

D’altra parte, quando si tratta di dolore viscerale, potresti notare che il tuo felino si raggomitola – proprio come gli umani si restringono quando abbiamo i crampi all’addome – o che si allunga per sostenere la sua pancia su una superficie. Questo segno comportamentale è solitamente accompagnato da vomito o diarrea.

Cambiamenti nei movimenti intestinali

Il dolore nei gatti può anche manifestarsi nel modo in cui urinano e defecano. In generale, vedrai che il gatto non usa la lettiera – potrebbe non essere in grado di accedervi a causa del dolore – o che segna punti con l’urina che normalmente non farebbe.

Quando si tratta di disturbi digestivi o renali, il gatto può associare il dolore a defecare o urinare sul vassoio, quindi smetterà di usarlo.

Alterazioni di carattere

Come ogni altro animale, i gatti possono dire che il dolore li mette di umore peggiore. Ciò si traduce in vari comportamenti, come i seguenti:

  • Episodi aggressivi, graffi o morsi immotivati.
  • Assenza di interazione con altri animali o con il tutore.
  • Mancanza di toelettatura, poiché il mantello sembra spettinato e sporco.
  • Anoressia o diminuzione dell’assunzione di cibo.
  • Salivazione eccessiva
  • Vocalizzazioni frequenti.

Strumenti per identificare il dolore nei gatti

Identificare correttamente tutti questi segni non è un compito facile, anche sapendo che esistono. Il linguaggio del corpo è la chiave per rilevare il dolore nei gatti, ma richiede passare del tempo con ogni individuo e imparare come lo manifesta.

Una volta che andrai dal veterinario, avrà altri strumenti per valutare il disagio del felino. Le scale di misurazione utilizzate dai professionisti, invece, valutano la gravità del dolore attraverso l’analisi dei comportamenti del felino. Le 3 scale più rappresentative sono queste:

  • UNESP – scala Botucatu: ha 10 variabili differenti che devono essere analizzate; postura, comfort, attività, atteggiamento, reazione alla palpazione della ferita e dell’addome, pressione sanguigna, appetito, vocalizzazione e altri.
  • Scala del dolore di Glasgow per gatti: ha 7 variabili in cui si attendono comportamenti spontanei ed evocati, interazioni con l’animale e osservazioni cliniche.
  • Scala della smorfia: valuta il dolore nei gatti attraverso la posizione delle orecchie, l’orientamento degli occhi, la tensione nel muso, i baffi e la posizione della testa.

Sebbene queste scale siano state create e valutate in modo scientifico, i risultati dipendono in larga misura dall’assunzione di una corretta anamnesi. Questo, a sua volta, aumenta la responsabilità del tutore nell’analisi del comportamento del suo felino, poiché deve rispondere nel modo più appropriato alle domande del veterinario.

Come identificare il dolore nei gatti?

Vedere una persona cara soffrire non è qualcosa di piacevole per nessuno. Conoscere questi segni e riconoscerli facilmente sarà di grande aiuto per ridurre al minimo il disagio del proprio animale domestico e, ovviamente, per una diagnosi precoce di situazioni che possono diventare gravi.



  • Bueno, R. Á. (2020). Etología felina: Guía básica sobre el comportamiento del gato. veterinaria.
  • Merola, I. (2016, 24 febrero). Behavioural Signs of Pain in Cats: An Expert Consensus. Plos One. https://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371%2Fjournal.pone.0150040
  • Adrian D, Papich M, Baynes R, Murrell J, Lascelles BDX. Chronic maladaptive pain in cats: A review of current and future drug treatment options. Vet J. 2017 Dec;230:52-61. doi: 10.1016/j.tvjl.2017.08.006. Epub 2017 Aug 20. PMID: 28887012.