Scopriamo insieme i tipi di coda nei cani

19 Maggio 2018

Esistono diversi tipi di coda nei cani, e visto che è una parte del corpo molto importante sia per quanto riguarda la comunicazione che l’estetica, in questo articolo ve ne parleremo.

La comunicazione e i tipi di coda nei cani

I cani comunicano tra di loro e con le persone attraverso tutto il corpo. E’ molto importante la posizione delle orecchie, della coda e delle zampe e il modo in cui le muovono. 

Come regola generale, un cane muove la coda quando è eccitato. Tuttavia, alcune code non possono essere mosse, come quelle attorcigliate o quelle molto corte. La stessa cosa vale per la paura e l’azione conseguente di metterla tra le gambe: questa affermazione non vale per tutti gli amici pelosi.

Si dice anche che un cane in allerta alzi molto in alto la coda. Nonostante ciò, alcuni cani tendono ad avere la coda alzata anche quando sono rilassati. Ecco i diversi tipi di coda e come riguardano la comunicazione:

Coda bassa

La coda bassa è quella che naturalmente sta tra le zampe del cane. E’, per esempio, quella del Golden Retriever, del Bull Terrier, del Border Collie e del Galgo.

Golden Retriever in mezzo al prato

Quando la coda è in una posizione di riposo, starà attaccata alle zampe. Non indica che l’animale ha paura, ma è la sua posizione naturale. Allo stesso modo, quando il cane starà in allerta non la alzerà troppo, semplicemente perché non riesce a sollevarla al di sopra della colonna vertebrale.

Coda dritta e alta

Il caso contrario è quella alta: abitualmente si trova in una posizione rialzata, e spesso al di sopra della colonna.  I cani che presentano questo tipo di coda sono il Beagle, il Bracco, i Terrier, tra i quali lo Yorkshire e il Chihuahua.

Beagle che corre nel prato

La posizione naturale di questo tipo di coda è al di sopra delle zampe posteriori: i cani devono provare una forte paura per riuscire a metterla tra le zampe. Inoltre, quando stanno in allerta o mostrano un po’ di curiosità per l’ambiente circostante, la alzano così tanto che, se si guarda da davanti, si può notare la coda al di sopra della testa.

E’ la coda che possiede più mobilità e, pertanto, gli animali che la hanno sono molto espressivi.

Coda arricciata

I segnali che mostra la coda arricciata sono molto difficili da interpretare. Questa è situata sempre al di sopra della schiena del cane, ed è raccolta come a formare un anello o un ricciolo, e possiede poca mobilità ed espressività.

cane bianco nel prato

Ci sono molte razze con questo tipo di coda, come lo Shiba Inu, il Carlino, l’Alaskan Malamute e lo Shih Tzu. Molti di questi cani hanno il pelo molto lungo, e ciò rende ancora più difficile capirli.

Fortunatamente, sono in grado di utilizzare altre strategie per comunicare con gli altri animali: espressioni del muso, orecchie, movimenti di tutto il corpo, etc.

Coda corta o tagliata

Alcune razze nascono con la coda corta o addirittura senza. E’ il caso del Welsh Corgi, del Bulldog inglese o del Boxer, che non la possiede. Ad altri cani viene tagliata, come al Ratonero Bodeguero Andaluz, al Cocker o al Pastore inglese.

Cocker Spaniel al guinzaglio nel prato

Per un cane senza coda è molto difficile comunicare. In alcuni casi si riescono a percepire alcuni movimenti, però solo quando sono laterali.

I cani con questo tipo di coda potrebbero avere dei problemi e dei fraintendimenti frequenti quando si relazionano con i propri simili.

Tradizionalmente si tagliava la coda a diverse razze per il fatto che poteva intralciarli mentre svolgevano alcuni lavori, ma fortunatamente in molti paesi ciò è stato proibito.

Conoscere l’anatomia del vostro cane vi permetterà di capirlo meglio.