Il comportamento della balena

La balena è un animale misterioso e affascinante per gli esseri umani, perché non si lascia avvicinare con facilità. Tuttavia, nel suo ambiente è molto socievole e il suo modo di comunicare è veramente affascinante.
Il comportamento della balena

Ultimo aggiornamento: 30 giugno, 2021

I giganti del mare sono stati protagonisti di racconti e leggende da quando gli umani sono entrati negli oceani. Non sorprende che facciano parte dell’immaginario collettivo della società, dal momento che il comportamento della balena è così alieno e allo stesso tempo così intuitivo da dare quasi una sensazione di misticismo agli uomini. Ecco perché i ricercatori hanno passato anni e anni a cercare di decifrare le menti dei cetacei.

Le caratteristiche della balena

Le balene sono mammiferi marini appartenenti all’ordine dei cetacei. All’interno di questo ordine troviamo 2 famiglie: gli odontoceti – cetacei muniti di denti, come orche e delfini – e i misticeti, un gruppo in cui i denti sono sostituiti da barbe filtranti, a loro volta formate da fibre di cheratina.

All’interno della conoscenza popolare i misticeti sono conosciuti propriamente come “balene”.

Comunque sia, questi mammiferi abitano in lungo e in largo tutti gli oceani del mondo. Normalmente migrano alla ricerca di acque calde, ma alcune specie si possono trovare in ambienti più freddi, come la balena boreale (Balaena mysticetus).

Sebbene siano mammiferi placentati, le balene si sono adattate durante l’evoluzione in modo da non lasciare l’acqua per tutta la vita. La respirazione volontaria, il sonno uniemisferico o gli spiracoli sono alcune delle strategie evolutive più curiose sviluppate da questi animali per un’esistenza completamente acquatica.

Ci sono 4 sottofamiglie all’interno dei misticeti, classificate in base alle loro caratteristiche:

  • Baelenidae: i membri di questo gruppo sono privi di pinna dorsale e la loro mascella è più arcuata rispetto ad altre specie.
  • Baelenopteridae o balenottere comuni: la loro pinna è in posizione più dorsale rispetto ad altri gruppi. Queste balene hanno solchi nella pelle, che attraversano la loro parte ventrale fino alle pinne pettorali.
  • Eschrichtiidae: il suo unico rappresentante è la balena grigia (Eschrichtius robustus), che è priva di pinna dorsale e presenta 2 solchi sotto la bocca. Questi solchi raggiungono le pinne dorsali.
  • Cetotheriidae: questo taxon include una sola specie, la balena franca nana (Caperea marginata). È simile ai membri della sottofamiglia Baelenidae, ma è di dimensioni molto più piccole.
Conosci il comportamento delle balene?

La comunicazione della balena

Il linguaggio dei cetacei è molto complesso e varia tra specie, individui e persino gruppi. Le vocalizzazioni includono gli ultrasuoni, utilizzati anche per l’ecolocalizzazione, e suoni udibili, come i canti. Tuttavia, questi animali mancano di corde vocali e producono suoni attraverso la laringe.

Tutto questo si traduce in fatti incredibili, come il fatto di essere in grado di cambiare la frequenza dei loro messaggi in modo che non interferiscano con quelli di altre balene, la trasmissione orale della conoscenza tra gruppi di balene, il nome di se stessi e persino l’uso della sintassi i loro messaggi. Si osservano anche dialetti diversi tra diversi gruppi della stessa specie. 

Il linguaggio musicale della balena

I canti delle balene sono particolarmente suggestivi, non solo per il loro carattere ripetitivo e melodico, ma perché possono essere ascoltati a chilometri di distanza. Normalmente, queste vocalizzazioni si possono udire in tempi di accoppiamento e migrazioni, quando gli esemplari si chiamano per trovare un compagno o per localizzare individui smarriti lungo il percorso.

I suoni emessi dalle balene nei loro canti variano in frequenza tra i 15 ei 20 Hertz. Possono modularlo in base alla distanza che vogliono coprire: usano frequenze più basse per le acque profonde e suoni più acuti per avvicinarsi alla superficie.

Le canzoni sono composte da diverse frasi che si ripetono continuamente, anche se è stato osservato che le balene sono in grado di improvvisare o sviluppare vecchie melodie più complesse.

Il comportamento della balena

Le balene sono animali sociali che formano gruppi familiari fino a 12 individui, ma alcune specie sono solitarie e si ritrovano solo per riprodursi o nutrirsi. I gruppi sono organizzati gerarchicamente in base alla competenza sessuale dei maschi.

Le balene sono generalmente animali gentili che non hanno predatori nella loro vita adulta, poiché le loro dimensioni le rendono irraggiungibili dai cacciatori.

La loro intelligenza, il comportamento sociale e la comunicazione sono elementi che interagiscono tra loro. Nel caso delle balene, l’assenza di predatori e il loro alto quoziente di encefalizzazione cioè il fatto di avere un cervello molto grande rispetto al loro corpo – ha permesso loro di svilupparsi culturalmente e socialmente.

Il comportamento della balena nel gruppo sociale

Le madri creano forti legami con i loro piccoli e sono molto protettive, possono persino adottare degli orfani. Zie e nonne aiutano nella cura dei piccoli, trasmettendo i loro insegnamenti alle neomamme attraverso la comunicazione orale e l’imitazione.

Sebbene maschi e femmine di solito non stabiliscano relazioni al di là di quelle riproduttive, si coordinano per proteggere e guidare il gruppo verso acque sicure e con il cibo. All’interno di ogni gruppo, si stabiliscono alleanze basate su legami affettivi, ma anche per salire di livello nella scala del potere.

Il comportamento della balena durante la migrazione

I cambiamenti della temperatura dell’acqua e delle correnti oceaniche portano le balene a viaggiare per migliaia di chilometri alla ricerca di fonti di cibo e coppie riproduttive. Durante queste migrazioni, i gruppi comunicano tra loro per indicare la via o i luoghi in cui non ci sono pericoli.

Il ciclo riproduttivo influenza anche la prevedibilità delle migrazioni delle balene. Le femmine preferiscono partorire in acque calde, poiché le basse temperature possono essere dannose per i piccoli, che non hanno ancora sviluppato lo strato di grasso che li protegge.

La migrazione più lunga è quella della balena grigia (Eschrichtius robustus), che percorre 20.000 chilometri lungo la costa del Nord America.

Il comportamento in cattività

La clausura ha effetti drastici sul comportamento delle balene. Questi sono animali autocoscienti che sanno di essere prigionieri, quindi in questo stato tendono a sviluppare disturbi mentali – ansia, stress e stereotipi – apatia e un chiaro offuscamento delle gerarchie sociali.

Anche il comportamento riproduttivo risulta alterato, in parte per quanto detto sopra e per l’impossibilità di migrare. Si ritiene che le balene abbiano un bisogno biologico di fare questi viaggi e di perdere il loro impulso riproduttivo quando non possono praticarlo.

La riproduzione delle balene.

Il comportamento delle balene è stato studiato meno di quanto molti ricercatori vorrebbero, poiché tendono ad evitare gli umani, fonte della maggior parte dei loro problemi. Tuttavia, la tecnologia avanza per poterli conoscere da più lontano ogni giorno e ci lascia testimonianze innegabili della loro bella complessità.

Potrebbe interessarti ...

Whalien 52: la balena più sola del mondo è davvero sola?
I Miei Animali
Leggi in I Miei Animali
Whalien 52: la balena più sola del mondo è davvero sola?

Whalien 52 o la balena 52 hertz è un misterioso cetaceo che abita l'Oceano Pacifico. Non è mai stato visto, ma il suo richiamo è noto.



  • Kieran C. R. Fox et al, The social and cultural roots of whale and dolphin brains, Nature Ecology & Evolution (2017). DOI: 10.1038/s41559-017-0336-y
  • Allen, J., Weinrich, M., Hoppitt, W. y Rendell, L. (2013). El análisis de difusión basado en redes revela la transmisión cultural de la alimentación de la cola de lóbulo en las ballenas jorobadas. Science , 340 (6131), 485-488.
  • Ford, J. K. (1991). Vocal traditions among resident killer whales (Orcinus orca) in coastal waters of British Columbia. Canadian journal of zoology69(6), 1454-1483.
  • Barragán Tabares, L. (2019). Análisis bioacústico del canto de la ballena jorobada Megaptera novaeangliae en el área marina del Parque Nacional Machalilla y la Reserva Canta Gallo entre el 2017 y 2018. Trabajo de titulación previo a la obtención del Título de Licenciado en Ciencias Biológicas y Ambientales. Carrera de Ciencias Biológicas y Ambientales. Quito: UCE. 55 p.
  • Noad, MJ y Cato, DH (2007). Velocidades de nado de ballenas jorobadas cantando y no cantando durante la migración. Ciencias de los mamíferos marinos , 23 (3), 481-495.
  • A. (2021). Libertad vs Cautiverio. AnimaNaturalis. https://www.animanaturalis.org/p/1451/libertad-vs-cautiverio