Il leone delle caverne: il predatore che terrorizzava i nostri antenati

12 Dicembre 2019
Il leone delle caverne fu uno degli ultimi grandi predatori di mega fauna che vissero l'Europa. Che ne dite di saperne di più su di lui?

C’è stato un tempo in cui i leoni si nascondevano nelle montagne di Burgos, in Spagna, e in altri territori europei. Il temuto e ammirato leone delle caverne fu uno degli ultimi grandi predatori di mega fauna che attraversarono queste terre.

Il leone delle caverne, noto anche come leone della steppa, fu scoperto nel 1810 in una grotta della Germania, e da allora si è ipotizzato molto sulla sua biologia. Come altri animali, come varie specie di cavalli preistorici, il leone delle caverne è arrivato ai nostri giorni grazie a resti fossili e pitture rupestri.

Caratteristiche del leone delle caverne

È solo grazie ai risultati raggiunti dagli studiosi che oggi possiamo sapere qualcosa in più sull’aspetto di questo predatore. Il leone delle caverne era più grande degli attuali leoni africani e poteva superare il peso di una tigre siberiana adulta, quindi pesava circa 350 kg.

Alcuni disegni di arte rupestre sono particolarmente utili per delineare un quadro chiaro su questo mammifero estinto. Nella grotta di Chauvet, in Francia, compaiono due leoni: uno con scroto e uno senza. Il secondo è più piccolo del primo e questa è l’unica differenza fra loro. Da questo si evince che i maschi erano probabilmente più grandi delle femmine, ma non avevano la criniera.Forse avevano il pelo corto come i giovani leoni africani.

Per quanto riguarda il colore, si conosce grazie ai resti di animali congelati che avevano una pelliccia simile a quella del leone africano, ma è probabile che fosse leggermente più chiaro. Tuttavia, non si esclude che ci fossero state diverse varianti nella tonalità della pelliccia.

Caverna
Abitudini e dieta

Per quanto riguarda la dieta di questi grandi predatori, sappiamo che erano in grado di uccidere bisonti, cavalli, renne o cervici. Talvolta, attaccavano anche rinoceronti e mammut.

Questi animali vivevano in territori molto freddi come la steppa, con grandi quantità di neve. Si sa anche che, in Europa, il leone delle caverne era in grado di convivere anche con altri animali come le iene. Questo rapporto di convivenza era simile a quello dei leoni africani di oggi, quindi di competizione.

Questo splendido animale visse a lungo e gli ultimi resti risalgono a 13000 anni fa. La sua distribuzione può essere accertata dai suoi resti, che sono stati trovati sparsi dalla penisola iberica fino all’Alaska.

La scomparsa del leone delle caverne

Ci sono molte teorie sulla scomparsa del leone delle caverne e sul perché non è sopravvissuto fino ad oggi. Sembra ragionevole pensare che dopo la scomparsa di una preda come gli ultimi mammut fosse probabile la loro estinzione. Ma la verità è che il leone delle caverne è scomparso prima di questi animali.

Come con altri casi di estinzioni del Pleistocene superiore, si parla di cambiamenti climatici. Tuttavia, altri fattori hanno dovuto influenzare la loro scomparsa, in quanto l’estinzione di molte specie è avvenuta in questo periodo senza coincidere con i cambiamenti climatici.

Scavi archeologici

Un’ipotesi abbastanza popolare è che la loro scomparsa sia stata causata dalla competizione con altre specie. L’espansione dell’essere umano coincide anche con quella del lupo, e ci sono testimonianze di esseri umani che cacciavano i leoni delle caverne e si nutrivano di essi, come in Atapuerca.

Ciò che è chiaro è che, sebbene non ne conosciamo la ragione, il leone delle caverne si è estinto. Ciò nonostante, questo felino non solo influenzò la cultura africana e asiatica, ma anche le prime culture europee, che temevano questo enorme animale e lo resero uno dei simboli più rappresentativi e venerati della preistoria.

Stuart, A. J., & Lister, A. M. (2011). Extinction chronology of the cave lion Panthera spelaea. Quaternary Science Reviews30(17-18), 2329-2340.